Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Endesa Consiglio di Amministrazione |  Cambio della guardia ad Endesa

Endesa Consiglio di Amministrazione | Cambio della guardia ad Endesa

futuro da Endesa, e la sua strategia e il suo team di gestione sono a un bivio. il caso? Il 70,14% è di proprietà della società italiana Enel. accesso al potere Giorgia Meloni In Italia sono nato Modifiche previste nelle cupole delle società statali di quel paese. dentro, l’azienda elettrica italiana, di cui il Ministero dell’Economia italiano controlla il 23,6%, è immersa in un cambio di leadership e di consiglio di amministrazione. Il primo a cadere è stato il suo CEO, Francesco StaraceÈ anche Vice Presidente di Endesa Corporation.


Nell’assemblea degli azionisti di Endesa del 28 aprile non sono previsti ulteriori cambiamenti rilevanti nel suo consiglio di amministrazione. Dalla società negare il più grande. Tra questi c’è la speculazione che Enel abbia già commissionato a una società di personale italiana di trovare il suo sostituto José Damian Bujas (Madrid, 1955) come Amministratore Delegato della Compagnia Elettrica, che si prepara al suo intervento al Consiglio di Amministrazione. Senza alcun potere esecutivo, è ignoto anche il futuro del presidente di Endesa, Juan Sanchez Calero.

Alla fine, qualsiasi decisione riguardante la Spagna sarebbe stata decisa a Roma. Come uomini potenti della nuova società Enel sarà uno storico imprenditore, Paolo Scaroni l’attuale presidente del Milan, già amministratore delegato di Enel all’inizio del decennio ed ex amministratore delegato della compagnia petrolifera Dove si trova?. Sarà l’amministratore delegato Flavio Catanial’ex capo del distributore italiano di energia elettrica Elenco ristrettol Telecom e dirigente opinione. “Non sarebbe la fine del mondo”, ha detto Pujas in una recente presentazione dei risultati quando gli è stato chiesto di sostituire Staras, il suo sostenitore e che lo ha promosso alla sua posizione attuale.

READ  BabyKid Spagna + FIMI diventa globale

La storia di Endesa nelle mani di Enel è stata la cronaca di un serrato e segreto processo di smantellamento. diretto Borja Pradol’uomo forte messo in piedi dagli italiani in Spagna nel 2010, Endesa ha progressivamente abbandonato il business latinoamericano che il suo ex capo aveva promosso direttamente a Enel Rodolfo Martin Villa E l’ex amministratore delegato Rafael Miranda dopo la completa privatizzazione da parte del governo José Maria Aznar Alla fine del secolo scorso.


Endesa è stata al centro della storia imprenditoriale spagnola sin dalla sua creazione come consorzio di diverse società energetiche regionali. Nel 2000, i requisiti del governo gli hanno impedito di fondersi con Iberdrola, e da settembre 2005 ad aprile 2007 è stata oggetto di una delle più feroci battaglie aziendali della storia spagnola. Il tentativo di scalata ostile che ha lanciato gas naturale -Oggi naturia– a 21,3 euro per azione non ha funzionato. A quel tempo, il capo di Endesa, Manuel Pizzarro, lanciato in difesa dell’azienda da parte di Numantine, Costituzione alla mano. Con il supporto di alti funzionari del PP, come il Presidente della Comunità di Madrid Speranza Aguirrecredendo che il gas fosse uno strumento del governo Calzolaio e Generalitat per consolidare la forza del gruppo Caixa, principale azionista della società del gas. Entrambi tedeschi TempoChe ha offerto 27,5 euro per azione per la società spagnola Operatore e l’italiana Enel, che finisce per entrare a far parte della società controllata dalla famiglia Entrecanales.

L’11 aprile 2007 Acciona ed Enel hanno acquistato il 92% di Endesa per 41,35 euro. Il valore della società elettrica spagnola è stimato in 43,726 milioni. Quel mese, Iberdrola valeva 45.000 milioni. Oggi in Borsa Endesa vale 20.700 milioni, Iberdrola 74.200 e Naturgy 27.100. Enel ha finito per acquistare la quota di Acciona, mantenendone il 92%, percentuale che nel 2014 scenderà al 70.14%. L’azienda italiana vale 60.000 milioni in borsa mercato azionario.

READ  L'industria alimentare richiede fondi pubblici

Nel 2022 Endesa ha contribuito per il 23% (32.896 milioni) al fatturato di Enel (140.000 milioni) e per il 26% (5.565 milioni) al risultato operativo (19.900 milioni). L’America Latina rappresenta il 15% delle vendite di Enel e il 33% dei suoi risultati. Ha annunciato il ritiro degli investimenti in America da 12.000 milioni per ridurre il suo debito, 60.000 milioni. Nel 2022 Endesa distribuirà 1.532 milioni di dividendi.

Questa settimana, il British Fund Kovals, che controlla circa il 3% della società italiana, ha chiesto una rivoluzione nella sua gestione. Ha suggerito nuovi manager, compresi gli spagnoli Paolino PetoRappresentante d’affari veterano nei governi Filippo Gonzáleze l’economista Daniele Lacalle, vicino a PP. Attualmente, uno dei più famosi economisti italiani, vicino ai postulati della socialdemocrazia, è membro del consiglio di amministrazione di Enel: Mariana Mazzucato.


Endesa, con 9.200 dipendenti e 10,5 milioni di clienti nella penisola iberica, rimane il marchio leader della distribuzione elettrica in Spagna. Nel suo consiglio di amministrazione, composto da dodici persone, ci sono cinque rappresentanti di Enel. La compagnia elettrica sta subendo una trasformazione riducendo la dipendenza dalla generazione convenzionale, compresa l’energia nucleare, e le scommesse Enel Energia Verde60% da fonti energetiche rinnovabili. Un’altra sfida che deve affrontare è investire nella mobilità elettrica. A febbraio, come simbolo, ha fatto saltare in aria la ciminiera di Andorra (Teruel) con 265 chilogrammi di esplosivo.

Il futuro di Enel in Endesa passa anche per la politica. Le relazioni commerciali tra i due Paesi si sono fatte più strette negli ultimi anni e ci sono delle pedine in gioco. In apertoDirettore, Servizi Infrastrutture, Quota di partecipazione Atlantide (famiglia Benetton) con un’altra procedura, e ACSlo controlla Fiorentino Perez; e dentro SelenixBenetton 8,2%. Pedro Sanchez E Georgia Meloni si è già incontrata.

READ  Sviluppare il futuro sistema di comando e controllo strategico europeo