Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico propone di aumentare le tasse sulle società energetiche

Segretario Generale dell’Organizzazione dei Paesi Sviluppati OCSE, Mattia KormannQuesto lunedì ha sollevato l’opportunità di esercitare una maggiore pressione finanziaria sulle società energetiche per ottenere risorse finanziabili misure a breve termine Aiutare i settori economici più colpiti dalle conseguenze della guerra in Ucraina e le famiglie nelle situazioni più vulnerabili. L’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico stima che le società energetiche del mondo sviluppato guadagneranno profitti straordinari per circa 200.000 milioni di euro a causa dell’aumento dei prezzi del petrolio e del gas. Corman ha stimato che “c’è la possibilità di aumentare le tasse su questi società per mitigare gli effetti dell’aumento dei prezzi di petrolio, gas ed energia presso i gruppi Certi, come hanno già fatto Italia e Romania. “Questo è qualcosa su cui pensiamo che i governi dovrebbero pensare”, ha sottolineato il capo dell’OCSE.

L’aumento della pressione finanziaria sulle compagnie energetiche fa parte delle proposte di piano che l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico intende proporre questa settimana per fungere da guida per “migliorare” la risposta delle nazioni sviluppate alle conseguenze economiche della guerra in Ucraina , ha annunciato lunedì Corman durante una colazione mediatica organizzata a Madrid dal “New Economic Forum”. “Secondo piano Marshall” Lavorerà per ricostruire l’economia ucraina il prima possibile.

Il presidente internazionale è stato presentato dal ministro degli Esteri, Jose Manuel Alparís, il quale ha osservato che l’OCSE ha le sue origini nell’amministrazione del “Piano Marshall” per l’Europa dopo la seconda guerra mondiale. Corman ritiene ora che sia giunto il momento di pensare a un simile piano per la ricostruzione dell’Ucraina: “E’ tempo di pensare al ‘Piano Marshall’ per l’Ucraina e stiamo parlando di misure al riguardo”. L’australiano ha indicato che le misure prese dagli alleati contro la Russia erano “del tutto appropriate” in queste circostanze ed ha espresso il suo desiderio per il ritorno della pace e della stabilità.

READ  Circa 150.000 aragonesi non possono permettersi gli occhiali o le lenti a contatto di cui hanno bisogno

Incontro con Sanchez

Mentre in Spagna, Corman prevede di tenere incontri con il capo del governo, Pedro Sanchez, e altri membri dell’Esecutivo per conoscere in prima persona le misure su cui sta lavorando la Spagna, in particolare quelle relative all’energia e alla separazione del mercato elettrico in connessione con l’evoluzione sfrenata dei prezzi del gas a causa dei rischi dell’approvvigionamento di gas della Russia olio e gas. Il governo ha anche annunciato tagli alle tasse per i gruppi più colpiti dai prezzi dell’energia.

Corman ha osservato che la bassa esposizione della Spagna al commercio con la Russia e alle sue fonti energetiche indica che l’impatto diretto della guerra in Ucraina sul PIL e sul commercio spagnolo “sarebbe molto basso”. Tuttavia, “i rischi hanno a che fare con il prezzo dell’energia” e il suo effetto sull’inflazione. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico si aspetta che l’inflazione in Spagna “rimarrà a livelli elevati” Nella prima metà del 2022, prima di rallentare nella seconda metà dell’anno e, più chiaramente, nel 2023. «Ma in ogni caso sarà ancora su livelli più alti di quanto ci aspettassimo a dicembre, ha osservato Corman.

Notizie correlate

Il Segretario Generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico ha fatto riferimento ai settori più energivori come metallurgia, pesca e carta, Tra i più suscettibili all’eccesso ci sono i prodotti energetici. Anche alcuni gruppi sociali. Per questo ha insistito sull’opportunità di “lanciare misure a breve termine per proteggere i consumatori dall’impatto della crisi energetica”.