Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Pechino ha accusato il G7 di “calunniare” e “diffamare la Cina” Diario y Radio Universidad Chile

Pechino ha accusato il G7 di “calunniare” e “diffamare la Cina” Diario y Radio Universidad Chile



Questi i termini usati dal portavoce diplomatico del Paese asiatico, Wang Wenbin. Le sue dichiarazioni sono arrivate dopo che l’organizzazione ha pubblicato una dichiarazione in cui criticava alcune posizioni politiche del regime comunista.

Martedì 18 aprile 2023 12:24

Pechino non ha digerito la dichiarazione del G7 e ogni volta che la Cina viene attaccata, il governo accusa i critici di intromettersi negli affari interni del Paese. Wang Wenbin, Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato in una conferenza stampa tenutasi martedì pomeriggio: La riunione dei ministri degli Esteri del G7 non ha tenuto conto della posizione seria e dei fatti oggettivi della Cina. Ho interferito negli affari interni della Cina e hCalunniare la Cina e insultarla con malizia. Questa dichiarazione è piena di secondi fini anti-cinesi (…) Abbiamo presentato rimostranze alla parte giapponese, l’ospite dell’incontro.”

Il comunicato del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Italia e Giappone) ha toccato punti che Pechino considera sensibili. I temi dell’invasione russa dell’Ucraina e il timore di un’analoga azione della Cina contro Taiwan in particolare, sono stati al centro dell’incontro, dopo le recenti esercitazioni dell’Esercito popolare di liberazione nello Stretto di Taiwan. Il governo cinese considera Taiwan una provincia da riunificare, e quindi dipende dagli affari interni del Paese.

Taiwan è una parte sacra e inseparabile del territorio cinese. Il principio della Cina unica è la base per mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan. Per mantenere la pace nello Stretto di Taiwan, dobbiamo opporci risolutamente a qualsiasi atto di indipendenza di Taiwan.” Lo stesso vale per Hong Kong, Xinjiang e Tibet: “La Cina non permetterà mai a nessuna forza esterna di interferire sotto qualsiasi nome o in qualsiasi forma .”, né con l’espansione cinese nei mari della Cina, che i paesi vicini guardano con preoccupazione.

READ  L'inflazione mondiale ad aprile ha superato il tasso più alto dal 2008 - Prensa Latina

rotto

Martedì i media statali hanno affermato che questo tipo di dichiarazioni aumenta la frattura tra i paesi occidentali e la Cina. Come in ogni critica, anche la diplomazia cinese gioca la carta dell'”apertura” e del mercato cinese, “uno dei mercati più dinamici e promettenti al mondo”. “Alcuni membri del G7 ignorano i principi dell’economia di mercato e della concorrenza leale, generalizzano e abusano del concetto di sicurezza nazionale e fanno di tutto per sopprimere irragionevolmente le aziende di altri paesi. Non sono in grado di dire nulla sulla Cina”, ha affermato un Ha aggiunto il portavoce del ministero degli Esteri cinese”.

Pechino non ha digerito la dichiarazione del G7 e ogni volta che la Cina viene attaccata, il governo accusa i critici di intromettersi negli affari interni del Paese. Wang Wenbin, Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato in una conferenza stampa tenutasi martedì pomeriggio: La riunione dei ministri degli Esteri del G7 non ha tenuto conto della posizione seria e dei fatti oggettivi della Cina. Ho interferito negli affari interni della Cina e hCalunniare la Cina e insultarla con malizia. Questa dichiarazione è piena di secondi fini anti-cinesi (…) Abbiamo presentato rimostranze alla parte giapponese, l’ospite dell’incontro.”

Il comunicato del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Italia e Giappone) ha toccato punti che Pechino considera sensibili. I temi dell’invasione russa dell’Ucraina e il timore di un’analoga azione della Cina contro Taiwan in particolare, sono stati al centro dell’incontro, dopo le recenti esercitazioni dell’Esercito popolare di liberazione nello Stretto di Taiwan. Il governo cinese considera Taiwan una provincia da riunificare, e quindi dipende dagli affari interni del Paese.

READ  Ospitalità: non arrivano i numeri dei guariti

Taiwan è una parte sacra e inseparabile del territorio cinese. Il principio della Cina unica è la base per mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan. Per mantenere la pace nello Stretto di Taiwan, dobbiamo opporci risolutamente a qualsiasi atto di indipendenza di Taiwan.” Lo stesso vale per Hong Kong, Xinjiang e Tibet: “La Cina non permetterà mai a nessuna forza esterna di interferire sotto qualsiasi nome o in qualsiasi forma .”, né con l’espansione cinese nei mari della Cina, che i paesi vicini guardano con preoccupazione.

rotto

Martedì i media statali hanno affermato che questo tipo di dichiarazioni aumenta la frattura tra i paesi occidentali e la Cina. Come in ogni critica, anche la diplomazia cinese gioca la carta dell'”apertura” e del mercato cinese, “uno dei mercati più dinamici e promettenti al mondo”. “Alcuni membri del Gruppo dei Sette paesi industrializzati ignorano i principi dell’economia di mercato e della concorrenza leale, generalizzano e abusano del concetto di sicurezza nazionale e fanno di tutto per sopprimere irragionevolmente le aziende di altri paesi. Non sono in grado di dire qualsiasi cosa”, ha aggiunto un portavoce del ministero degli Esteri cinese sulla Cina”.

Pechino non ha digerito la dichiarazione del G7 e ogni volta che la Cina viene attaccata, il governo accusa i critici di intromettersi negli affari interni del Paese. Wang Wenbin, Un portavoce del ministero degli Esteri cinese ha dichiarato in una conferenza stampa tenutasi martedì pomeriggio: La riunione dei ministri degli Esteri del G7 non ha tenuto conto della posizione seria e dei fatti oggettivi della Cina. Ho interferito negli affari interni della Cina e hCalunniare la Cina e insultarla con malizia. Questa dichiarazione è piena di secondi fini anti-cinesi (…) Abbiamo presentato rimostranze alla parte giapponese, l’ospite dell’incontro.”

READ  Elezioni anticipate in Italia. Quando e chi sono i candidati?

Il comunicato del G7 (Germania, Canada, Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna, Italia e Giappone) ha toccato punti che Pechino considera sensibili. I temi dell’invasione russa dell’Ucraina e il timore di un’analoga azione della Cina contro Taiwan in particolare, sono stati al centro dell’incontro, dopo le recenti esercitazioni dell’Esercito popolare di liberazione nello Stretto di Taiwan. Il governo cinese considera Taiwan una provincia da riunificare, e quindi dipende dagli affari interni del Paese.

Taiwan è una parte sacra e inseparabile del territorio cinese. Il principio della Cina unica è la base per mantenere la pace e la stabilità nello Stretto di Taiwan. Per mantenere la pace nello Stretto di Taiwan, dobbiamo opporci risolutamente a qualsiasi atto di indipendenza di Taiwan.” Lo stesso vale per Hong Kong, Xinjiang e Tibet: “La Cina non permetterà mai a nessuna forza esterna di interferire sotto qualsiasi nome o in qualsiasi forma .”, né con l’espansione cinese nei mari della Cina, che i paesi vicini guardano con preoccupazione.

rotto

Martedì i media statali hanno affermato che questo tipo di dichiarazioni aumenta la frattura tra i paesi occidentali e la Cina. Come in ogni critica, anche la diplomazia cinese gioca la carta dell'”apertura” e del mercato cinese, “uno dei mercati più dinamici e promettenti al mondo”. “Alcuni membri del Gruppo dei Sette paesi industrializzati ignorano i principi dell’economia di mercato e della concorrenza leale, generalizzano e abusano del concetto di sicurezza nazionale e fanno di tutto per sopprimere irragionevolmente le aziende di altri paesi. Non sono in grado di dire qualsiasi cosa”, ha aggiunto un portavoce del ministero degli Esteri cinese sulla Cina”.