Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Premio Nobel: Giorgio Parisi, Premio Nobel per la Fisica: “Sapere come volano gli storni può aiutarci a capire la moda” | Scienze

Giorgio Parisi, nato a Roma 73 anni fa, è il primo italiano a vincere il Premio Nobel per la fisica in due decenni. Noi siamo 21 italiani, tra cui due donne Coloro che sono riusciti a vincere il premio, tra cui altri cinque fisici. Parisi è però l’unica persona che ha sviluppato la sua carriera interamente in Italia, un Paese che, come la Spagna, storicamente non è stato molto generoso in ricerca e sviluppo. Nel 2019, l’anno scorso..

Registrati gratuitamente per continuare a leggere

Se hai un account EL PAÍS, puoi usarlo per identificarti

Giorgio Parisi, nato a Roma 73 anni fa, è il primo italiano a vincere il Premio Nobel per la fisica in due decenni. Noi siamo 21 italiani, tra cui due donne Coloro che sono riusciti a vincere il premio, tra cui altri cinque fisici. Parisi è però l’unica persona che ha sviluppato la sua carriera interamente in Italia, un Paese che, come la Spagna, storicamente non è stato molto generoso in ricerca e sviluppo. Nel 2019, l’anno scorso Per quali statistiche sono disponibiliHa investito solo l’1,45% del suo Pil nella scienza (la Spagna quell’anno raggiunse l’1,25%), mentre la media europea era del 2,2%.

Parisi ha vinto il Premio Nobel “per la sua scoperta dell’interazione tra caos e fluttuazioni nei sistemi fisici dal livello atomico a quello planetario”. Ma è conosciuto anche in Italia, e non solo tra i fisici, per la sua presenza in ambito sociale e politico. Oltre al suo coinvolgimento nel defunto partito di sinistra Sinistra e Libertà, sono note le sue lotte per la laicità dell’Università La Sapienza di Roma (nel 2008 affrontò lui stesso Papa Benedetto XVI). Per il premio si è congratulata anche l’associazione Baobab Experience, che aiuta i migranti a Roma twittare: “Fisica teorica, ma la solidarietà pratica è sempre al servizio della società e in difesa dei gruppi più vulnerabili. Felice e orgoglioso di Giorgio Parisi”. Intanto all’Università di Roma Hanno appeso uno striscione Dal balcone della Facoltà di Fisica Storica (dove studiò un altro premio Nobel, Enrico Fermi) disse: “Verrà a Roma [vuelve a Roma, el lema de la selección italiana ganadora de la Eurocopa] “Congratulazioni, Giorgio”, mentre dicevano gli studenti Hanno tifato per lui.

“È davvero emozionante vedere come mi hanno festeggiato”, racconta l’ultimo vincitore a EL PAÍS. “La connessione da Stoccolma è ovviamente emotiva, ma è più intellettuale Vedere gli studenti applaudirti è più emozionante, c’è una connessione che non è solo intellettuale, ma deriva dall’empatia che provano per te, perché quello che hai fatto è così. emotivamente importante per loro.

Chiedo. Onestamente: te lo aspettavi questa volta?

READ  Ablazan despegue en EEUU de cohete con satélite de vigilancia italiano - Ciencia

Risposta. Un po’ me lo aspettavo. Ho detto ad alcuni amici che sono molto ottimista, ci sarà una probabilità del 20%. Nel caso in cui lasci il telefono carico e nelle vicinanze.

S. Perché non hai mai lasciato l’Italia come tanti altri?

R. Mi sono sempre trovato bene in Italia. In quanto fisico teorico, non aveva bisogno di grandi strumenti per condurre ricerche. E anche un fisico come Enrico Fermi: se non fosse per le leggi razziste [promulgadas por el fascismo en 1938]Sarebbe rimasto.

S. Non ha perso tempo: in celebrare Nato nell’Aula Magna dell’Ateneo, ha chiesto al ministro della Ricerca Maria Cristina Mesa di mettere a disposizione più risorse per la scienza e affinché l’Italia sia più accogliente verso i ricercatori.

R. Questa è la cosa più importante: avere fondi sufficienti e cambiare completamente la musica. Anche se so che il Ministro, che è un ricercatore, è d’accordo con me. Il problema è che sono coinvolti anche il ministro delle Finanze e il Consiglio dei ministri.

Gli scienziati fanno parte della società e penso che sia giusto schierarsi su alcune questioni. E le persone che hanno una voce più forte dovrebbero farlo di più, perché le loro voci vengono ascoltate meglio.

S. A differenza di altri studiosi, non sei mai stato timido nell’alzare la voce.

R. Gli scienziati fanno parte della società e penso che sia giusto schierarsi su alcune questioni. E le persone che hanno una voce più forte dovrebbero farlo di più, perché le loro voci vengono ascoltate meglio.

S. Poiché ora la sua voce è ascoltata meglio: quest’anno sono stati premiati sette studiosi maschi.

R. La fisica sta perdendo molti scienziati. Dopo i 30 anni diventa difficile conciliare maternità e ricerca. Dovrebbe esserci sostegno per le ricercatrici che decidono di diventare madri. Ad esempio, avere postdoc o una piccola rete per aiutarti a condurre la ricerca. Poi ci sono problemi che riguardano la società nel suo insieme, ad esempio se devi spostarti per lavoro, è più facile che la moglie segua il marito che il contrario. Per non parlare, ad esempio, della mancanza di risorse per gli asili nido. Questi ed altri sono problemi della società che si riflettono anche nel mondo della ricerca.

S. Ho lavorato in campi molto diversi: occhiali di spin, informatica, reti neurali, informazione quantistica, risonanza stocastica, mercati e persino il volo degli uccelli. Come sei riuscito ad avere una visione così ampia?

R. Per prima cosa devi essere curioso di studiare altre cose. Il problema non è l’apertura ad altri campi. Se vuoi lavorare in immunologia, devi prima studiare libri di immunologia, oppure avere un buon immunologo al tuo fianco che ti spieghi le basi. È importante che tu abbia il desiderio di investire il tuo tempo libero per studiare cose nuove. È anche vero che a volte lo si fa per curiosità di conoscerli.

Gli occhiali tipici della fisica per guardare il mondo sono fondamentali anche per le altre scienze

S. Il premio di quest’anno ha premiato l’applicazione della fisica dei sistemi complessi alla scienza e alla modellizzazione del clima. Pensando alla città di La Palma, la sua fisica può essere applicata anche alla geologia per fare previsioni?

READ  Esperienza dell'oftalmologo di San Francisco

R. Sì, è possibile, ma non è facile. Più che i piccoli terremoti, sarebbe interessante poter prevedere i grandi terremoti, che fortunatamente si verificano ogni molti anni; Ma ci sono pochissime informazioni su quelli più antichi. È un settore in cui si può sicuramente fare molto e molte ricerche sono già state fatte. Tuttavia, la previsione dei terremoti è praticamente una scienza appena nata.

S. A differenza di altri fisici teorici o matematici, spesso esprimeva soddisfazione quando le sue equazioni trovavano applicazioni pratiche. Questo non è normale.

R. In effetti, tra i matematici non così tanto. Il famoso matematico inglese Godfrey Harold Hardy, autore di Le scuse del matematicoSi vantava che le cose che faceva non avevano alcuna applicazione pratica. E non è nemmeno vero: si è occupato di teoria dei numeri, oggi fondamentale per le conversazioni criptate, come quelle su WhatsApp. La crittografia è un’applicazione altamente sofisticata della teoria dei numeri. Spesso vengono fatte cose che non si pensava avessero applicazioni. Anche i miei primi studi sui vetri rotanti, e poi sulle reti neurali, anni dopo, hanno avuto applicazioni molto importanti nell’intelligenza artificiale.

Nella scienza, le metafore sono molto importanti. Perché aiuta le persone a pensare

S. E la tua ricerca continua Danze del volo degli storni?

R. Ebbene, questo non sembra avere alcuna applicazione. Ma qui voglio dire un’altra cosa. Nella scienza, le metafore sono molto importanti. Perché aiuta le persone a pensare. Capire come funziona il volo Starling può aiutarti a capire altre cose correlate. L’idea originale era che il volo di questi uccelli fosse legato all’idea di moda. Come abbiamo potuto constatare, alcuni uccelli iniziano a volteggiare e gli altri li seguono. Quasi allo stesso modo inizia una nuova moda.

S. Si può applicare ad altre regioni?

R. Ci sono momenti in cui la pensi così, anche se è impossibile controllare tutto. Ad esempio, lo è Primo lavoro Ciò che abbiamo fatto 40 anni fa con la risonanza stocastica e la climatologia, so che è stato applicato, ad esempio, alle connessioni del sistema nervoso in alcuni animali o per migliorare la qualità delle telecamere. Ho visto qualche giorno fa che ci sono oltre 40.000 articoli scientifici che parlano di risonanza casuale: le applicazioni devono essere tante. Alcuni sono addirittura divertenti, anche se dubito che questa idea funzionerebbe: qualcuno ha usato il principio dello squillo casuale per parlare con i fantasmi.

READ  La suite di vaccini COVID-19: le tre domande a cui la scienza cerca di rispondere

S. Quando iniziò non si parlava molto di fisica e biologia. E ora, anche grazie a te, lavorano meglio insieme.

R. VERO. Questo anche perché la biologia oggi ha a che fare con una grandissima quantità di dati. Poi c’è il problema di gestire tutte queste informazioni. Noi fisici abbiamo sviluppato modi per gestire grandi quantità di dati. Molti fenomeni biologici possono essere spiegati utilizzando leggi probabilistiche o utilizzando la meccanica statistica. Tutti sono stati ampiamente sviluppati e utilizzati dai fisici. Sono questi gli occhiali tipici della fisica per guardare il mondo che oggi sappiamo essere fondamentali anche per le altre scienze.

Correggere troppo non va bene: ognuno deve imparare ad essere indipendente, e saper aiutare quando necessario. Ma questo accade solo quando le difficoltà sono grandi.

S. Sei un fisico Il più citato al mondoHa collaborato con oltre 300 persone e i suoi studenti lo adorano. Qual è il trucco per ottenere tanto affetto?

R. Cerca di prestare attenzione ai tuoi collaboratori, mettiti nei loro panni e guidali, ma senza controllarli troppo. Tutti dovrebbero imparare dai propri errori. Correggere troppo non va bene: ognuno deve imparare ad essere indipendente, e saper aiutare quando necessario. Ma questo accade solo quando le difficoltà sono grandi.

S. Ha scritto anche molte storie per bambini e in seguito le ha lette ai suoi nipoti.

R. No, non molti: ne ho scritti solo tre. Sono tutti dentro di me pagina web. Non penso che scriverò altro. A quel tempo avevo letto Racconti popolari Italo Calvino e Morfologia della storia Scritto dal filologo russo Vladimir Propp. È stato divertente mettere insieme argomenti diversi e vedere cosa succedeva. Ma ora non credo che mi dedicherò a questo. In effetti, a questo punto della mia vita stavo pensando di scrivere qualche libro per raccontare la storia della scienza, ma non so se avrò il tempo per farlo adesso.

Puoi seguire MATERI su Facebook, Twitter E Instagramoppure iscriviti qui per riceverlo La nostra newsletter settimanale.