Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Eduardo Díaz Rubio, presidente della Reale Accademia Nazionale di Medicina: “Entro 20 anni saremo in grado di eliminare il cancro alla cervice in Spagna”

Eduardo Díaz Rubio, presidente della Reale Accademia Nazionale di Medicina: “Entro 20 anni saremo in grado di eliminare il cancro alla cervice in Spagna”

Dott. Eduardo Díaz Rubio, Presidente della Reale Accademia Nazionale di Medicina Spagnola. (Helena Margaret Cortadillas)

Ippocrate, Galeno, Ibn Rushd, Michael ServetLouis Pasteur, Robert Koch… questi sono solo alcuni dei nomi che adornano il fregio della sala riunioni della chiesa Reale Accademia Nazionale di Medicina Spagnola (Ranmei). Medici brillanti che hanno dedicato la loro vita al progresso ScienzeO qualcosa di simile per il bene pubblico. Nonostante non abbia una sede fisica, c’è un nome femminile che aleggia negli spazi dell’Accademia: una donna che, sebbene morta più di 70 anni fa, continua a vivere in migliaia di laboratori nel mondo e attraverso milioni di persone. Che si sono salvati grazie a lei.

La verità è che in rare occasioni sovraperformano Storia della medicina (Nell’anamnesi, senza cognome) Nomi dei pazienti. Logicamente, si distinguono quei professionisti che, attraverso il loro lavoro e il loro ingegno, hanno offerto alla società un modo per vivere meglio e più a lungo. Uno di essi è Dott. Eduardo Diaz Rubio (Cadice, 1946), oncologo e presidente dell’associazione Reale Accademia Nazionale di Medicina Spagna e l’Istituto Spagnolo, e autore del libro Un viaggio verso l’immortalità. Cosa abbiamo imparato dal cancro cervicaleS; Un’opera che rende in gran parte omaggio all’eredità di questa donna: Henrietta Manca.

Potresti essere interessato a: Carmen Estrada, neuroscienziata: “Il costante bombardamento di informazioni uccide la nostra curiosità”.

Era il 1951, e Henrietta Lacks morì, all’età di 31 anni, al Johns Hopkins Hospital di Baltimora, nel Maryland (USA) a causa di un attacco aggressivo. Cancro cervicale Da Virus del papilloma umano (virus del papilloma umano). Senza il consenso della paziente – la bioetica sarebbe arrivata 20 anni dopo – il dottor Georg Otto Ge estrasse le cellule tumorali dal suo tumore per analisi successive. La sorpresa di Jay e la svolta decisiva nella storia della medicina arriveranno: Le cellule di questa giovane donna afroamericana non sono morteMa si dividevano alla velocità impressionante di 6 miliardi di divisioni a settimana.

“Jay aveva cercato per anni di far crescere cellule che non morissero. Dopo pochi giorni, tutti i loro raccolti erano morti”, spiega il dottor Diaz Rubio. Informazioni sulla Spagna. “Ma mesi dopo, le cellule di Henrietta hanno continuato a crescere e sono diventate più forti. Poi le ha chiamate Cellule HeLa In suo onore, anche se non ha detto a chi apparteneva. Sebbene il Dr. Guy non abbia mai beneficiato finanziariamente di questa scoperta e abbia doverosamente donato HeLa ai suoi colleghi ricercatori, Henrietta non lo ha mai saputo Cosa è successo dopo quelle biopsie?

READ  L'Argentina è il sesto paese al mondo e il primo nella regione ad avere il maggior numero di infezioni da COVID-19 in un solo giorno

70 anni dopo che il cancro cervicale ha causato la morte di questa donna e delle sue cellule Stanno ancora giocando Fortemente utilizzato nei laboratori di tutto il mondo. Ma cosa hanno di così speciale queste cellule da renderle immortali? “Da un lato, Virus del papilloma umano È stato combinato in un certo modo. In questo caso è stato integrato solo il genoma che ha attivato il processo tumorale, non quello che lo ha fermato. A questo si aggiunge un altro elemento anch’esso importante da comprendere immortalità Dalle cellule HeLa, il virus HPV è stato integrato in una regione molto specifica del cromosoma 8, dove si trova il gene c-MYC, che è oncogeno. “Questo ha fatto saltare l’intero sistema di controllo della cellula, perché altri geni che normalmente reprimono C-MYC, come p53 o retinoblastoma, non si sono presentati. È meraviglioso.” Cellule immortali Che attualmente continua a crescere senza fermarsi”.

Ogni cellula del nostro corpo si divide circa 50 volte prima di raggiungere la senescenza, che è la morte cellulare. Questo è noto come Limite di Hayflick. Come spiega bene il famoso oncologo, “le cellule tumorali hanno la particolarità di produrre grandi quantità di un enzima chiamato telomerasi. Ciò fa sì che le cellule tumorali crescano molto rapidamente. non definitoMa ci sono pochissime colture di cellule tumorali potenti quanto HeLa. Cioè, in questi sette decenni Non fu mai più ritrovato Una paziente oncologica nel mondo ha le caratteristiche di Henrietta Lacks.

Potresti essere interessato a: Questa è la vita quotidiana di un astronauta nello spazio: “Ci chiedono di mandargli il tabasco perché lì il cibo perde il sapore”.

READ  Cos'è la talassofobia - Salute e benessere

Henrietta non ha mai potuto partecipare a tutto questo perché il suo cancro alla cervice era devastante. La sua famiglia lo scoprì 20 anni dopo, quando l’attività Hela era già iniziata Affari milionarisebbene non fossero consapevoli della sua vera portata fino alla pubblicazione del libro nel 2010 Manca la vita immortale di Henrietta Di Rebecca Skloot. Nell’agosto dello scorso anno, La famiglia mancante ha ricevuto un compenso Da Thermo Fisher Scientific per aver utilizzato le cellule di Henrietta senza il suo consenso.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità nomina la famiglia di Henrietta Lacks ambasciatrice per l’eliminazione del cancro al collo dell’utero. (foto d’archivio)

L’eredità che Henrietta Lacks ha lasciato alla medicina attraverso le sue cellule è la più grande fino ad oggi, involontariamente e senza consenso. In tutto questo tempo, Hela è stata utilizzata in più di… 74.000 studicreato attorno ad esso 120.000 pubblicazioni scientifiche Il suo marketing diretto o indiretto sfiora i 10.000 milioni di dollari all’anno. Sono stati utilizzati anche durante la pandemia di coronavirus per testare la capacità infettiva del SARS-COV-2.

Come sottolinea lo stesso dottor Diaz Rubio nel libro, la cosa più sorprendente delle cellule HeLa è senza dubbio che “Grazie a loro sono stati sviluppati i vaccini Contro il virus della poliomielite e altri virus come il papillomavirus umano. Inoltre, hanno consentito lo sviluppo di farmaci contro molte malattie, ad es Cancro al seno, leucemia O il morbo di Parkinson, e addirittura rendono possibile la fecondazione nel laboratorioOppure la clonazione, la sicurezza dei cosmetici o la ricerca sull’AIDS.

Fu diagnosticato il cancro cervicale che uccise Henrietta Lacks 600mila nuove donne Ogni anno in tutto il mondo. Tra questi, più di 350.000 persone finiscono per morire e il 94% dei decessi si verifica nei paesi a basso e medio reddito, secondo i dati forniti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. “Lui Una malattia che possiamo eliminare Perché i vaccini contro l’HPV sono straordinariamente efficaci. Entro 20 anni è possibile che in Spagna si elimini l’HPV e il cancro del collo dell’utero, della faringe e dell’ano…” afferma Díaz Rubio.

READ  Presentazione del libro: Dalla medicina narrativa alla cura umana

Il problema esiste nei paesi in via di sviluppo che “Non hanno accesso a quei vaccini“Nemmeno la semplice citologia.” Finora in questo secolo, quasi 8 milioni di donne sono morte di cancro cervicale.

Il Dott. Eduardo Díaz Rubio durante la sua intervista con “Infobae España”. (Helena Margaret Cortadillas)

Le HeLa non sono le uniche cellule studiate per raggiungere questo obiettivo immortalità (Se lo intendiamo come materia di studio scientifico). Molto è stato scritto sugli elisir magici Eterna giovinezza Migliaia di cosmetici vengono pubblicizzati come prodotti ringiovanenti originali, ma qual è la realtà in tutto questo? La verità è che parlare di immortalità sembra obbligarci a parlarne Cellule madriÈ la materia prima del corpo da cui vengono generate tutte le altre cellule specializzate.

“IL Cellula staminale embrionale «Sono totipotenti, sono quelle che contengono più telomerasi e quelle che interessano di più alla comunità scientifica, ma lavorare con le cellule embrionali è molto complesso dal punto di vista etico e legale». La complessità sta nel fatto che queste cellule staminali provengono da embrioni molto precoci (4 o 5 giorni dopo la fecondazione) chiamati Blastocisti. Aiuto visivo: il diametro di una blastocisti umana è circa quattro volte la dimensione di un capello umano.

“La scoperta che le “proteine ​​spazzatura” potrebbero essere alla radice della SLA è un grande passo avanti nella ricerca, ma dobbiamo stare attenti”.

“Ora possiamo”, spiega l’esperto Ottenere cellule staminali da cellule adulte. Ad esempio, prelevando cellule della pelle si possono ottenere cellule staminali, che possono portare alla formazione di fegato, cuore… organi che già vengono utilizzati negli animali per realizzare terapie cellulari o per rinnovoLa persona che ha realizzato questa impresa è stato il dottor Shinya Yamanaka, che gli è valso una medaglia Premio Nobel Nel 2012 è stato anche nominato Accademico Onorario della RANME. “Ciò ha aperto enormi possibilità a ciò che potrebbe significare ringiovanire o prolungare la vita. Aspettativa di vita media“, conclude.