Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Tempeste e fulmini nei dipinti

José Miguel Vinas 8 minuti
Tempesta su Dordrecht
“La tempesta su Dordrecht”. Disegno di Albert C. Cuypp intorno al 1645. Fonte: Fondazione EG Bührle Collection.

L’elenco dei pneumatici in cui compaiono le tempeste è lungo. Soprattutto, abbondano tempeste e cieli tempestosi. Questi ultimi sono frequenti alle ancore; Gli artisti lo usano per esprimere le dure condizioni in mare e le difficoltà incontrate a bordo delle navi. Ci sono anche paesaggi in cui il pittore disegna fulmini che accompagnano tempeste elettriche. Il fatto che la primavera e l’estate siano i periodi appropriati per realizzare schizzi dai quali i paesaggisti hanno svolto il loro lavoro all’aria aperta ha indubbiamente aiutato a catturare nei loro dipinti alcuni dei temporali che hanno vissuto.

Abbiamo guidato questo articolo con un dipinto del paesaggista olandese Aelbert J. Cuyp (1620-1691) il cui elemento principale è una tempesta elettrica avvenuta nella sua città natale. Il raggio a lunga distanza che colpisce il suolo è particolarmente accattivante, a parte le mucche sdraiate tranquille sull’erba, apparentemente ignare della corrente elettrica. Opera intitolata “La tempesta su Dordrecht”, non è l’unica scena di Cuyp in cui appare una tempesta. Alla National Gallery di Londra possiamo vedere il suo dipinto “The Storm on the Mosa in Dordrecht”, dipinto tra il 1645 e il 1650, che mostra, insieme a un fulmine, un veliero in primo piano fortemente sbandato da forti venti e un mare in tempesta. chi domina la scena.

Giorgione ed El Greco
Una delle tempeste più fotografiche di cui ho scritto di più è quella catturata nel suo dipinto “La Tempesta” del pittore italiano Giorgione.

Abbiamo trovato un’idea simile nel dipinto “Cristo nel tempestoso mare di Galilea”dipinto da Jan Brueghel il Vecchio (1568-1625) nel 1596. Questo dipinto a olio rappresenta una scena della Bibbia, raccolta nel Nuovo Testamento, in cui Gesù, accompagnato da undici dei suoi discepoli, viaggia su una barca alla mercé di un uomo forte e tempestoso. Furia dell’acqua e cupe nuvole temporalesche che coprono parte del cielo – da cui emanano dei raggi – Sono anche elementi importanti della scena. I toni del verde, del blu e del grigio che dominano la tavolozza contrastano con i colori accesi dei personaggi.

READ  La legge italiana Luigi Ferragolli determinerà la lezione di apertura del corso di specializzazione in giustizia costituzionale - Toledo News

Gesù, ignaro della tempesta, dorme per un po’ Gli apostoli mostrano chiari segni di angoscia di fronte alla pericolosa tempesta che li investe. Sopra le colonne di Gesù – in chiaro riferimento allegorico – compare una piccola porzione del disco solare. L’oscurità – il maligno – si fa strada, che – una continuazione del simbolo – può nascondere completamente il sole e completare la vittoria del male sul bene.

Misteriosa Tempesta Di Gorgone

Una delle tempeste più fotografiche di cui ho scritto è quella che ha catturato nei suoi dipinti “la tempesta” Pittore italiano Giorgio da Castelfranco, meglio noto come Giorgione (1477-1510). La tempesta che domina lo sfondo del dipinto è accompagnata da fulmini, non molto diversi dagli altri artisti. Ciò su cui i professionisti dell’arte non sono d’accordo è il vero significato di questo dipinto enigmatico. La tempesta di fulmini potrebbe riflettere l’ira di Dio, ma i due personaggi davanti sembravano completamente ignari di ciò. Questa indifferenza ci invita a pensare che il fulmine sia il protagonista principale della scena. È stato ipotizzato che il dipinto potesse rappresentare l’espulsione di Adamo ed Eva dal cielo. Con una tempesta, conosciamo Dio stessoLa città sullo sfondo sarà l’Eden e i pilastri spezzati simboleggeranno il carattere mortale degli uomini, una volta diventati peccatori.

Cristo è il mare di Galilea
“Cristo nella tempesta del lago di Tiberiade”. Dipinto da Jan Brueghel il Vecchio nel 1596. © Collezione Carmen Thyssen-Bornemisza, conservata nel Museo Thyssen-Bornemisza, Madrid.

Un altro metodo interessante per le tempeste è quello che El Greco (1541-1614) dipinse in alcuni suoi dipinti. Abbiamo scelto uno dei suoi panorami più noti di Toledo, noto come “Toledo nella tempesta”. Il dipinto fu dipinto dall’artista intorno al 1607, e come dettato dai manierismi da lui rappresentati, il dipinto ha una forte carica spirituale. Gli intensi contrasti tra luci e ombre, tra i colori freddi e luminosi allo stesso tempo di piante ed edifici, e il nero della tempesta alle spalle della città, rappresentano la lotta tra il bene e il male, tra la luce e le tenebre. Quest’opera è il primo paesaggio isolato della pittura spagnola E il pennello sciolto e sovraspazzolato utilizzato dall’artista lo rende quasi impressionista, in anticipo sui tempi.

READ  Connie Ansaldi ha condiviso le sue foto prima e dopo, con un peso di 10 kg in meno e una profonda riflessione

Buon osservatore di tempeste

Concluderemo questo viaggio breve e necessariamente incompleto attraverso le tempeste dei dipinti con un pittore di culto, che ha prestato attenzione anche al più piccolo dettaglio al cielo tempestoso che ha catturato in alcune delle sue opere. Questo è Joachim Patinir (1480-1540), che divenne famoso nel mondo, stupindo lo stesso Filippo II, per il suo modo di applicare il blu al cielo nei suoi dipinti. Blu intenso e molto sorprendente. curiosamente, La parte del dipinto che Patiner aveva dedicato al cielo era piccola, il che rendeva la linea dell’orizzonte molto alta. L’alto prezzo e la rarità del lapislazzuli (un pigmento usato all’epoca per illustrare i colori azzurri con cui venivano dipinti i mantelli delle vergini e il cielo) può essere uno dei motivi per cui la parte celeste dei suoi dipinti confinava questa stretta fascia superiore , sebbene l’ artista abbia ricreato gli elementi atmosferici in grande dettaglio .

Paesaggio con San Girolamo
“Paesaggio con San Girolamo”. Joachim Patinir dipinto intorno al 1510-1515. © Museo Nazionale del Prado.

Joachim Patinir fu un grande ritrattista di tempeste, come attesta il suo dipinto “Paesaggio con San Girolamo”. Sebbene il soggetto del dipinto sia religioso, il paesaggio è il vero eroe che domina la scena. La celeste limpidezza intorno all’orizzonte vista nella parte centrale superiore del pannello contrasta con le nuvole e il cielo cupo sul lato sinistro, dove le cortine di precipitazione sgorgano dalla fronte del cumulo. Solo per quei dettagli Patinier spicca tra tutti i pittori della tempesta nella storia della pittura.