Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Per Stiglitz, l’Europa è stata lenta nell’attuazione del piano di ripresa economica

Primo emendamento: Ultimo aggiornamento:

Cernobbio (Italia) (AFP)

Joseph Stiglitz, premio Nobel per l’economia, ha ritenuto in un’intervista all’AFP che l’Unione europea avrebbe dovuto imporre un dispositivo simile all’attuale piano di incentivi massicci dalla crisi del debito nel 2010 e ha messo in guardia contro un possibile ritorno a una politica di austerità.

Di fronte alla pandemia di coronavirus, “l’Europa ha unito le forze e ha creato un fondo di stimolo di 750 miliardi di euro [890.000 millones de dólares]”Era qualcosa che avrebbe dovuto fare durante la crisi dell’euro del 2010”, ha dichiarato a margine del Forum European House-Ambrosetti a Cernobbio, nel nord Italia.

Durante questa specie di mini Davos, sulle sponde del Lago di Como, il ministro dell’Economia francese Bruno Le Maire ha riconosciuto che spettava agli europei “aggiustare quanto fatto durante la crisi dell’euro” e ha sottolineato sabato che nel 2008 “abbiamo agito lentamente”.

“Se tornano alla vecchia maniera e si espongono in un’eccessiva severità dei loro termini e non fanno il secondo lotto ‘perché gli obiettivi proposti non sono stati raggiunti’, alcuni problemi potrebbero riemergere in quel momento”, ha ammonito Stiglitz. .

Governo tedesco flessibile? –

Con il suo sorriso ironico, l’accademico 78enne non ha perso la sua vitalità: “Forse il futuro governo tedesco sarà più flessibile” rispetto ai precedenti guidati da Angela Merkel, “la questione resta aperta”, ha detto.

“Speriamo che con Mario Draghi al timone” in Italia e con “l’Europa che si rende conto dell’importanza dell’azione collettiva, la fiducia può essere sufficiente” per garantire l’attuazione del piano di ripristino del blocco, aggiunge chi è stato consigliere dell’ex presidente. Bill Clinton.

READ  Il governo prolunga le trattative con il Club di Parigi e Massa rimanda il suo viaggio a novembre

Per quanto riguarda la ripresa economica in Europa, Stiglitz la vede come “né un miracolo né una ripresa spontanea”, ma il frutto di “una politica di stimolo”.

Senza piani di rilancio a livello europeo e nazionale, ha detto, l’economia avrebbe continuato a crollare “con molta sofferenza e forse senza ripresa”.

Per quanto riguarda l’Italia, primo beneficiario di fondi europei, l’annuncio di un piano da oltre 200 miliardi di euro (237.000 milioni di dollari) “inietta una spinta molto importante” nell’economia, secondo Stiglitz.

– Effetto Draghi –

Ma l'”effetto Draghi” è stato notato anche: “Avere un primo ministro e un governo di cui la gente si fida aiuta” a rivitalizzare l’apparato, ha sostenuto l’ex capo economista della Banca mondiale.

La crescita italiana potrebbe raggiungere il 6% quest’anno, secondo alcuni economisti, una ripresa sorprendente per un Paese il cui Pil è sceso dell’8,9% nel 2020 a causa della pandemia e del rallentamento della sua economia negli ultimi 20 anni.

Stiglitz si è detto “estremamente ottimista” sulla capacità di Draghi, l’ex presidente della Banca centrale europea (Bce), di avviare le riforme previste dal Piano di ripresa europea.

“Sono fiducioso che Draghi e il suo governo avranno successo, e penso che questo sarà nell’interesse di tutta l’Europa”, che deve mostrare “ragionevole resilienza”.

Non preoccupa, almeno per il momento, l’inflazione, secondo lo studioso, che ha raggiunto il 3% nell’eurozona a seguito della massiccia riattivazione.

“In questo momento, è solo una ripresa dell’inflazione dopo che l’economia si è ripresa dopo la pandemia di COVID-19”, ha affermato Stiglitz.

“A prima vista, l’inflazione sembra temporanea. Se è più bassa, abbiamo uno strumento per aumentare i tassi di interesse, il che sarà positivo per l’economia”, ha affermato.

READ  Lo Storm Fighter contribuirà con 30,5 miliardi di dollari all'economia britannica

A lungo termine, “dovremmo davvero voltare le spalle al tasso zero che era in vigore dodici anni fa” e “ristabilire un tasso più naturale”. Ma pensava che fosse ancora “troppo presto” per farlo.