Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Fondo Monetario Internazionale ammette che c’è un “glitch” ma esclude una “spirale inflazionistica”

Il Fondo monetario internazionale mercoledì ha escluso una “spirale inflazionistica” in Europa da allora Aspettatevi che i recenti aumenti dei prezzi diminuiscano nel secondo trimestre del 2022. In una conferenza stampa per commentare le prospettive economiche regionali, il direttore del Dipartimento europeo del Fondo monetario internazionale, Alfred Kamer, ha insistito sul fatto che questo aumento dei prezzi è temporaneo e risponde in gran parte all’aumento dei costi energetici e dei prezzi correnti e alle interruzioni del mercato globale catene di approvvigionamento.

“In questo momento, non ci aspettiamo alcuna escalation dell’inflazione in Europa”.Nota Kamer. Ritiene che “l’elevata inflazione che si sta registrando ora sia principalmente guidata dai prezzi dell’energia”, che si aspettava “svaniranno nel corso del 2022”.

Tuttavia, si rese conto cheIl prezzo del gas è raddoppiato di cinque unità rispetto allo scorso anno, soprattutto in paesi come la Spagna, con prezzi “dinamici” in cui qualsiasi “shock” nei mercati energetici di massa implica una trasmissione molto rapida ai consumatori.

Questo risponde a diversi fattori, tra cui Ha sottolineato lo “squilibrio” tra domanda e offerta e il problema delle fonti energetiche rinnovabili, che non è sempre disponibile, il che significa che il gas deve essere utilizzato durante i periodi di forte domanda.

Pertanto, ha raccomandato investimenti nello stoccaggio e nella produzione di energia “Per evitare i problemi della transizione verso un’economia più verde”“È valido per la Spagna, ma anche per l’Europa e il mondo”, ha osservato Kamer. Per quanto riguarda il prezzo del petrolio, ha indicato che sta tornando “ai livelli di prima dell’epidemia, a causa della forte domanda”, sottolineando che era “previsto”.

READ  Il deficit commerciale è diminuito del 44,5% nei primi otto mesi a 25,758 milioni

Nel rapporto World Economic Prospects presentato la scorsa settimana, Il FMI ha fissato il tasso di inflazione stimato per la zona euro al 2,2% entro la fine di quest’anno e all’1,8% entro il 2022. “Le prospettive a medio termine sono inferiori all’obiettivo annuale della BCE, quindi non è un problema”, ha aggiunto Kamer, riferendosi all’obiettivo annuale della BCE del 2%.

Nel caso in cui questo aumento dei prezzi continui, il che è improbabile, ha detto il funzionario Ha osservato che la Banca centrale europea “può rispondere, perché ha gli strumenti”.contenere questo tipo di pressioni se devono materializzarsi”.

Trasformazione economica e sostegno finanziario

A medio termine, Kamer ha avvertito di imminenti spostamenti verso l’economia digitale, Con importanti ricadute sul mercato del lavoro a causa della “maggiore automazione”. Ha osservato che le analisi del fondo indicano un importante trasferimento di posti di lavoro da settori a bassa formazione ad altri settori in espansione, come le telecomunicazioni.

nei prossimi anni, L’agenzia ritiene che circa l’1,5% della forza lavoro Nei settori che richiedono bassa formazione, saranno “liberati”, quindi le autorità dovranno scommettere su politiche formative forti.

In merito ai nuovi calcoli del PIL dell’area euro, l’organismo guidato da Kristalina Georgieva Crescita stimata aumentata al 5% nel 2021, quattro decimi in più rispetto alla previsione di luglio, lasciando invariata al 4,3% la previsione indicata per il 2022.

Tra le principali economie della zona euro, la Francia registrerà la più alta crescita del PIL quest’anno al 6,3%, sSeguono l’Italia con il 5,8% e la Spagna con il 5,7%. Camer ha elogiato i piani di stimolo fiscale approvati in Europa per sostenere l’economia di fronte all’impatto della pandemia e ha osservato che le autorità devono essere “molto attente a determinare il momento giusto e la giusta velocità” per ritirare questo sostegno. “C’è il rischio che il sostegno finanziario diminuisca molto rapidamente”, ha detto.

READ  Il governo annuncia un accordo con il Club di Parigi per posticipare il pagamento di 2.500 milioni di dollari al 2024