Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il capo della banca centrale tedesca si dimette per “motivi personali” | Economia

Jens Weidmann, in archivio.Europa Press

testa falchi Si dimetterà dalla Bundesbank il 31 dicembre. Jens Weidmann, che ha incarnato la feroce opposizione a Mario Draghi all’interno della Banca centrale europea (BCE), ha chiesto al presidente della Germania, Frank-Walter Steinmeier, di licenziarlo il 31 dicembre dalla carica di presidente della Bundesbank. “Sono giunto alla conclusione che più di 10 anni sono una buona misura di tempo per voltare pagina, per la banca tedesca, ma anche per me personalmente”, ha spiegato in una lettera ai lavoratori della Bundesbank. Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, ha affermato di aver rispettato la decisione di Weidmann di dimettersi, ma anche di “deplorarla profondamente”.

Weidmann è diventato il banchiere centrale più giovane della Germania nel 2011, sostituendo Axel Weber all’età di 42 anni alla guida della potente istituzione. Ex cancelliere di Angela Merkel, il banchiere ha subito falsificato il suo soprannome dottore no Per la loro continua opposizione alla politica monetaria di Draghi, che combinava il programma di acquisto del debito, contro il quale la Bundesbank ha votato, con la politica dei tassi di interesse bassi. Weidmann ha anche provato a far saltare in aria il piano dell’italiano che ha salvato l’euro in cambio degli otto vestiti rossi della costituzione tedesca. A Karlsruhe ha messo in guardia dai rischi inflazionistici che, a suo avviso, costituiscono l’arsenale che Draghi aveva appena varato.

Questa minaccia non si è materializzata: fino ad oggi, l’Eurozona ha sperimentato un decennio di modesti aumenti dei prezzi. Tuttavia, emergendo dalla più grande depressione europea in quasi 100 anni, ancora una volta ha sollevato lo spettro dell’inflazione, che in Germania ha raggiunto livelli che non si vedevano dal 1992. Nonostante il fatto che la Banca centrale europea veda dietro questi aumenti temporanei come strozzature o cambiamenti fiscali in Berlino, Nella sua lettera d’addio ai dipendenti della Bundesbank Chiede “di non perdere di vista i potenziali rischi di inflazione” che sta attraversando l’eurozona. Nella lettera, il presidente che è tuttora presidente della Banca centrale europea (Bundesbank) ha ribadito le sue convinzioni, che lo hanno portato a diversi disaccordi con i colleghi del Consiglio direttivo della Bce. Afferma che “una politica monetaria orientata alla stabilità sarà possibile nel lungo periodo solo se il quadro normativo dell’unione monetaria garantisce unità di azione e responsabilità, e la politica monetaria rispetta il suo mandato restrittivo e non è bloccata nella politica fiscale o nei mercati finanziari”. .

READ  Mario Draghi si recherà in Angola e Congo in cerca di altro gas dopo aver firmato un'alleanza con l'Algeria

Weidmann è stato nominato dal governo tedesco nel febbraio 2019 per un secondo mandato di otto anni come presidente della fondazione. È stato rapidamente deragliato dopo essere succeduto a Draghi alla guida della Banca centrale europea. Ursula von der Leyen, che ha assunto la carica di presidente della Commissione europea e ha reso inutile per un tedesco la guida del sovrintendente europeo, lo ha ostacolato. Al suo posto ha prevalso la francese Christine Lagarde, offrendo una linea di continuità con l’italiana. Su questa decisione ha pesato anche la vuota simpatia che Weidmann ha suscitato tra i leader dell’Europa meridionale. Ortodosso tra gli ortodossi, il tedesco ha criticato Bruxelles per essere stata lassista con Francia, Italia e Belgio prima, e per non aver imposto sanzioni a Spagna e Italia per non aver raggiunto gli obiettivi di deficit concordati per il 2015. “La crisi dell’euro ha dimostrato quanto sia importante inasprire le regole finanziarie”, ha affermato.

La partenza di Weidmann arriva in un momento cruciale per la Germania e l’eurozona. Un’atmosfera di cambiamento esplode a Berlino quando si forma un governo di coalizione tra socialdemocratici, liberali e verdi. Infatti, la nomina del prossimo presidente della Bundesbank dovrebbe spettare al presidente della Germania su proposta dell’esecutivo. Se ciò non fosse possibile, il vicepresidente dell’entità, Claudia Buch, subentrerà temporaneamente. Inoltre, Weidmann si dimetterà da presidente della Banca centrale europea, quando l’istituzione guidata da Lagarde dovrà decidere sul futuro del Pandemic Associated Debt Purchase Program (PEPP, in inglese). Gli analisti scommettono che i francesi possono abbassare questo piano di acquisizione per aumentare il Piano Convenzionale (APP, per il suo acronimo inglese). Il falchi, in guardia da questa possibilità, perdono il maggior esponente in classifica.

READ  La realtà economica del Guatemala - Prensa Libre