Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La vicinanza emotiva non si raggiunge attraverso algoritmi”

Grupo IFA è uno dei distributori alimentari con la più grande presenza nel Sud Europa. La sua superficie commerciale è di circa sette milioni di metri quadrati in Spagna, Portogallo e Italia, nel contesto nazionale ha una rete di Più di 6300 istituzioni che copre l’82% della popolazione attraverso le sue controllate, tra cui le principali catene di supermercati regionali. La sfida per l’azienda, impegnata nella convergenza da più di cinque decenni, è ora incentrata sull’adattarsi rapidamente ai cambiamenti indotti dalle nuove tendenze e abitudini di consumo senza perdere la vicinanza.

abbiamo parlato con Foto di Juan Manuel Morales, vice, CEO di Eva gruppo, nel ciclo di incontri dei Responsabili dell’Economia Circolare, sulle sfide di un settore sempre più digitale e sostenibile.

Una domanda. Preservare l’ambiente è uno sforzo congiunto. Quali abitudini sostenibili pratichi personalmente nella tua vita quotidiana?

Risposta. Innanzitutto vorrei sottolineare la raccolta differenziata dei rifiuti che produciamo in casa mia, cosa che ritengo necessaria e instillata anche nei nostri figli. Inoltre, l’elaborazione della distribuzione del cibo ha influito su alcune delle mie abitudini sostenibili. Ad esempio, usa le ricette che pubblichiamo da anni sul web Ci sono cose che sono speciali per noi È anche un buon riferimento per evitare lo spreco alimentare in casa. E siccome sono un’appassionata di sport, cerco di camminare o correre per le attività quotidiane che non richiedono necessariamente l’uso dell’auto.

S. Come valuteresti la partecipazione degli spagnoli alla cura dell’ambiente incorporando abitudini come il riciclaggio?

NS. Penso che lo sviluppo dello spagnolo in questa materia sia stato enorme negli ultimi 20 anni. Questo facilita l’accesso ai contenitori per la raccolta differenziata dislocati su tutto il territorio nazionale. L’ambiente è un tema che, a differenza di altri, genera molto consenso tra i cittadini. Ipsos ha condotto un sondaggio L’anno scorso, il 77% degli spagnoli prevedeva che questa sarebbe diventata una priorità nel piano di ripresa del governo dopo la crisi sanitaria. Inoltre, vediamo chiaramente nel nostro settore che il consumatore di oggi è sempre più preoccupato per ciò che mangia e desidera un’alimentazione sana basata su prodotti freschi. Questo è un vantaggio per la nostra azienda perché disponiamo di una materia prima di altissima qualità, vicinanza e quindi più sostenibile. Nei nostri punti vendita i consumatori possono acquistare prodotti freschi che non devono percorrere lunghe distanze per raggiungere il punto vendita.

Juan Manuel Morales, CEO del Grupo IFA.

D: Cosa ne pensi del lavoro di organizzazioni come EquimbeQuali appartengono a incoraggiare l’impegno per il riciclaggio?

NS. Il nostro gruppo fa parte della quota del 20% di icomps che appartiene al settore del commercio e della distribuzione. Lì diamo voce a tutte le aziende a noi associate, che sono leader regionali e un esempio di impegno nelle loro aree di influenza. Penso che il loro lavoro sia assolutamente necessario in un Paese in cui le normative ambientali sono state trasferite a comunità autonome, creando un divario che rende molto difficile il lavoro quotidiano delle aziende. Ci aiutano ad orientare e cercare di omogeneizzare quanto più possibile la legislazione che proviene per lo più dall’Unione Europea, ma quando si tratta del contesto nazionale, è applicata in modo eterogeneo in ogni comunità autonoma. Ciò influisce sull’unità del mercato e, di conseguenza, sulla crescita sostenibile delle aziende. È molto importante continuare a migliorare per ottenere efficienza e competitività. Non possiamo dimenticare che il commercio nel suo insieme affronta la duplice sfida della trasformazione digitale e ambientale, che di per sé richiede un significativo investimento di risorse. Cerchiamo di non appesantire la comunità imprenditoriale con risorse aggiuntive per non aver attuato una politica ambientale omogenea su tutto il territorio nazionale. In caso contrario, la Spagna dovrà affrontare molte difficoltà nel modificare le direttive europee nei tempi e nella forma.

READ  Aumentano le ristrutturazioni

P. L’economia circolare rimane un compito in sospeso per le aziende spagnole, secondo Rapporto della Camera di Commercio. Quali sono gli ostacoli che impediscono al settore “retail” di avvicinarsi a questo modello?

NS. Uno dei più importanti è quello che ho appena citato ed è un problema comune alla maggior parte dei settori operanti in diverse regioni del Paese. La transizione verso un’economia circolare si sta facendo strada in Spagna sotto l’ombrello di strategie, piani d’azione e legislazione a livello nazionale e regionale che non hanno una tabella di marcia chiara, portando le aziende all’insicurezza, specialmente nella regione di Paims. La verità è che molte società indipendenti hanno deciso di modificare da sole la legislazione europea, cosa che attualmente ci sta accadendo con direttive come la plastica monouso o i rifiuti di plastica. Per questo motivo, la maggior parte delle aziende operanti nel nostro Paese sta ora cercando di comprendere le differenze tra tutte queste leggi, che, in alcuni casi, sono significative. Pertanto, è molto difficile sapere quali prodotti possono essere immessi sul mercato in ciascuna regione e i limiti di ciascuno. Di fronte a questo scenario, le PMI non dispongono di risorse sufficienti per svolgere questo lavoro. Hanno abbastanza per rimettersi in piedi e sopravvivere alla crisi causata dalla pandemia.

Credo che il nostro settore possa tornare ad essere uno dei motori della ripresa perché siamo la grande spina dorsale del Paese: definiamo la popolazione e creiamo posti di lavoro anche nelle parti più remote del territorio nazionale. Ma per raggiungere questo obiettivo abbiamo bisogno di una regolamentazione intelligente che fornisca certezza e coordinamento. Ciò renderà molto più semplice l’attuazione di qualcosa di così ambizioso come l’economia circolare.

READ  Padre Emilio Nappa, nuovo presidente delle Pontificie Opere Apostoliche

“È molto difficile sapere quali prodotti possono essere immessi sul mercato in ciascuna regione e i limiti di ciascuna”

D: In che modo la tua azienda contribuisce a migliorare l’economia circolare lungo tutta la sua catena del valore, dai fornitori al consumatore finale?

R – L’economia circolare è uno dei pilastri dello sviluppo sostenibile, e quindi una delle nostre priorità. In qualità di centro acquisti e servizi, teniamo informati i nostri colleghi sugli sviluppi delle modifiche sostanziali, in modo che possano adeguare e configurare i loro riferimenti a tutti i piani attuali e ai cambiamenti legislativi. Ci sforziamo inoltre di aumentare l’efficienza energetica dei nostri partner, il che porta a risparmi significativi poiché le energie rinnovabili acquisiscono sempre più importanza. Siamo stati pionieri di azioni relative all’economia circolare, dalla lotta allo spreco alimentare, al miglioramento dell’efficienza energetica e dell’uso delle risorse nelle nostre operazioni, nonché alla riduzione della quantità di imballaggi. E continuiamo a lavorare per far progredire l’elettricità e una maggiore sostenibilità nell’ultimo miglio.

S. E in termini di sostenibilità dei vostri imballaggi, implementate qualche tipo di misura in modo che il loro impatto ambientale sia il minimo possibile?

NS. Lavoriamo sempre su imballaggi più facilmente riciclabili, realizzati con una maggiore percentuale di materiali riciclati ed evitando lo spreco alimentare. Abbiamo già alcune soluzioni che includono fino al 95% di plastica riciclata e la maggior parte proviene da bottiglie. Sono contenitori progettati per preservare la freschezza dei prodotti più a lungo, facilitandone il riciclaggio. Ciò impedisce anche lo spreco alimentare, sia nel negozio che a casa, che è un problema rilevante nel contesto europeo poiché Bruxelles cerca di ridurre lo spreco alimentare del 50% entro il 2030.

“L’importante è continuare a lavorare sulla plastica per recuperarla e riutilizzarla, e quando non è possibile va trattata adeguatamente”

NS. Le Nazioni Unite hanno avvertito che l’inquinamento da plastica è aumentato a causa della pandemia a causa dell’uso di mascherine, guanti e altri prodotti realizzati con questo materiale. Cosa sta facendo Grupo IFA per mitigare questa minaccia ambientale?

NS. Non credo che dovremmo analizzare il problema della plastica da un evento particolare causato da circostanze eccezionali. Questa sostanza può essere analizzata anche dal suo ruolo positivo nell’affrontare la pandemia come mezzo per ridurre le infezioni e garantire la sicurezza alimentare. L’importante è continuare a lavorarci per recuperarlo e riutilizzarlo e, quando ciò non è possibile, trattarlo in modo appropriato per rivalutarlo come risorsa, reintegrandolo così nel ciclo economico. Va ricordato che i supermercati sono stati i primi a far pagare i sacchetti di plastica monouso più di un decennio fa e siamo nel 2021 con tutti i cambiamenti nella loro formulazione. Continueremo a lavorare fino a quando i nostri partner non rispetteranno completamente tutta la legislazione emessa quest’anno in merito a questo materiale.

P. Le restrizioni alla mobilità derivanti dalla pandemia di covid-19 hanno aumentato il commercio locale, con il suo gruppo di distribuzione che è uno dei maggiori beneficiari. Pensi che questa tendenza scomparirà quando ripristineremo la vecchia normalità? perché?

READ  Il turismo sembra pessimista fino al 2022

NS. Vedremo tra qualche mese quante tendenze rimangono e diventano nuove abitudini perché è ancora troppo presto per fare questa analisi. In ogni caso, possiamo assicurare che il nostro modello, in base agli affreschi, alla vicinanza e alla diversità dell’assortimento, si adatta perfettamente alle tendenze attuali; Qualcosa che ci dia un chiaro vantaggio competitivo. La prossimità è già stata un modello di successo nel breve e medio termine e l’epidemia l’ha ulteriormente consolidata. Abbiamo mantenuto nuovi clienti che hanno verificato che possono effettuare l’intero processo di acquisto nei nostri stabilimenti e possono farlo nel modo più sostenibile e salutare. Se a ciò aggiungiamo il graduale invecchiamento della popolazione e il fatto che la nostra vasta rete di stabilimenti evita molti viaggi ed emissioni inquinanti, crediamo che il nostro modello rimarrà solido come lo è stato negli ultimi 50 anni.

“Crediamo che quando acquista cibo, il consumatore ami ancora andare al negozio e toccare il prodotto”

P. In forte crescita anche il canale “Online”. Come si sta adattando la tua azienda a un futuro sempre più digitale, in cui il consumatore richiede un canale end-to-end?

NS. Le vendite online stanno diventando sempre più importanti e i nostri colleghi gestiscono queste operazioni individualmente. In IFA crediamo che quando acquista cibo, il consumatore ama ancora andare al negozio e toccare il prodotto. La vicinanza emotiva che generiamo con i consumatori non si ottiene attraverso algoritmi. È una grande forza per costruire lealtà e fiducia. Inoltre, nel nostro lavoro di hub, vogliamo continuare ad approfondire i “big data”, che per noi sono una grande fonte di competenza e conoscenza.

D: Qualche anno fa ti sei reso conto che “è necessario che le aziende siano più efficienti per mantenere la competitività”, quali misure hai messo in atto per raggiungere questa efficienza?

L’aumento dell’efficienza è nel nostro DNA come centro acquisti e servizi perché in questo modo aiutiamo a ridurre il costo di fare affari per i nostri partner, che è essenziale per affrontare l’imminente scenario incerto. Si tratta di un settore molto competitivo che opera con margini molto ristretti. Per questo motivo il nostro nuovo piano strategico 2021-2025 continua ad essere sostenuto da una maggiore efficienza mantenendo un equilibrio tra qualità e prezzo. Qualità facilitata dal nostro impegno per i prodotti locali in prodotti freschi, la nostra alleanza con il marchio del produttore e la sua costante innovazione. I produttori sono i nostri più grandi alleati e vogliamo continuare a crescere con loro.