Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Verso una politica industriale forte per l'industria automobilistica – Economia

Verso una politica industriale forte per l'industria automobilistica – Economia

ANSMED – Di Amalia Angotti – Il governo italiano è pronto ad attuare “una vera politica industriale nel settore automobilistico attraverso un dialogo serio e serrato” con sindacati e imprese, anche attraverso incentivi e investimenti.
Questo l'impegno del ministro delle Imprese e del Made in Italy, Adolfo Orso, che intende delineare nei prossimi dodici mesi “una serie di attività legislative per delineare finalmente una politica industriale del Paese, che manca dagli impegni dello Stato ”. “È stato smantellato.”
«Finora oltre l'80% degli incentivi è stato destinato alle auto prodotte all'estero», ha sottolineato il ministro davanti a Federmeccanica, Fiom, Fim e Uilm, le camere industriali e sindacali del settore automobilistico.
“Gli incentivi elettrici non hanno aumentato le vendite, oggi sono auto di lusso, ma non voglio che sia così. Voglio sapere come calibrare bene gli incentivi, che dovrebbero funzionare soprattutto per eliminare i veicoli inquinanti. Devo lavorare con i sindacati e le imprese per la politica industriale, che avviene anche attraverso gli incentivi”. Del costo altissimo delle auto elettriche è intervenuto anche il direttore generale di Stellantis, Carlos Tavares, nel corso del Freedom of Mobility Forum, incontro con esperti di tutti i settori organizzato per mettere a fuoco i problemi della transizione ecologica.
Tavares ha affermato: “La vera sfida è l'accesso alle auto elettriche. Oggi le materie prime necessarie per produrre le batterie sono poche e costose”, e ha anche sottolineato la necessità di risolvere il problema dell'energia pulita.
“Questa domanda, secondo Tavares, è la prima questione da affrontare se vogliamo trovare una soluzione al problema delle emissioni”.
Inoltre, l'amministratore delegato di Stellantis ha insistito anche sulla necessità di “non essere dogmatici”.
Il ministro dell’Ambiente Gilberto Piccito, che non vuole parlare della battaglia che l’Italia ha perso in Europa, ha sottolineato che “l’elettricità è un’autostrada, ma dobbiamo percorrerla poco a poco”.
«Credo che sia un successo che, a partire dal 2035, si continuino ad utilizzare i motori termici definitivi», ha affermato.Lo studio preparato dall'Osservatorio nazionale dell'Automotive, che Federmeccanica ha presentato ai sindacati, evidenzia come l'impatto sia «relativamente maggiore per Italia che per gli altri paesi automobilistici, e che grazie alla forte presenza di aziende legate ai propulsori con motori a combustione interna.
L'impegno di Orso risponde alle preoccupazioni dei sindacati.
“C’è una crescente preoccupazione per il fatto che il settore sia sopraffatto dalle transizioni ambientali e necessiti di opzioni politiche chiare e coerenti”, ha osservato il segretario dell’Unione Italiana Lavoratori Metalmeccanici (UILM), Rocco Palombilla.
Da parte sua Michele De Palma, primo esponente della Federazione dei lavoratori metalmeccanici (Fiom), ha chiesto al governo di “aprire una trattativa con sindacati e aziende su prodotti che rispettino l'obiettivo di emissioni e garantiscano posti di lavoro”.
“Il governo, invece di frenare le decisioni europee, dovrebbe chiedere all’Europa misure di sostegno finanziario e industriale molto più forti”, ha affermato Roberto Penaglia, segretario della Federazione Italiana Minerali Minerali (FIM). (Io dimentico).

READ  Le prime pagine dei giornali arrivati ​​stasera nella nostra redazione

Tutti i diritti riservati. ©Copyright ANSA