Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Papa Francesco: Stiamo vivendo la terza guerra mondiale Il Papa ha parlato del conflitto in Ucraina

Stiamo vivendo la terza guerra mondialeLo ha detto papa Francesco in un’intervista del 19 maggio ai direttori delle riviste culturali europee della Compagnia di Gesù (gesuiti) che ora sono pubblicate dall’Italian Journal “civiltà cattolicaRispondendo a una domanda sulla guerra in Ucraina, il Papa ha affermato che «per me oggi è stata dichiarata la terza guerra mondiale» e si è chiesto «Cosa succede all’umanità che ha combattuto tre guerre mondiali in un secolo?», ha proseguito il Papa, « Vivo la prima guerra in memoria di mio nonno nel Piave». Poi la seconda e ora la terza. Questo è dannoso per l’umanità, una disgrazia. Devi pensare che in un secolo ci sono state tre guerre mondiali, Con ogni commercio di armi dietro! “Ha confermato.

Nella sua analisi, Jorge Bergoglio è andato oltre l’evento specifico di ciò che sta accadendo in Ucraina per ampliare la sua visione della situazione nel mondo. “Non c’è metafisica buona o cattiva qui in astratto. Sta emergendo qualcosa di globale, con elementi molto intrecciati”, riferendosi a un dialogo che ha avuto con un capo di Stato imprecisato, con il quale aveva parlato prima dello scoppio della guerra, il quale gli aveva detto che un conflitto potrebbe verificarsi dato che la Russia lo vedeva come un minaccia alle azioni della NATO.

“Quello che vediamo è La brutalità e la brutalità con cui questa guerra viene combattuta dalle truppe, solitamente mercenarie, usate dai russi.. E i russi preferiscono inviare ceceni, siriani e mercenari. Ma il pericolo è che vediamo solo questo, ed è brutale, e non vediamo tutto il dramma che si svolge dietro questa guerra, che in qualche modo potrebbe essere stata provocare o non evitare. Nota l’interesse nel testare e vendere armi. Il papa ha avvertito della complessità della situazione che deve affrontare.

READ  Hanno l'Alzheimer e questa sperimentazione clinica potrebbe essere la loro ultima speranza

Ed è andato subito al bivio di chi lo accusa di non criticare Vladimir Putin. “Qualcuno può dirmi a questo punto: ma Tu per Putin! no IAM non è cosìSarebbe semplicistico e sbagliato dire una cosa del genere”, ha affermato. Semplicemente Sono contrario a ridurre la complessità alla distinzione tra bene e male, senza pensare alle radici e agli interessi molto complessi. Mentre vediamo la ferocia e la brutalità delle forze russe, non dobbiamo dimenticare i problemi da cercare di risolvere”.

Pensava anche che “i russi credevano che tutto sarebbe finito in una settimana” e sbagliava i calcoli perché trovavano “un popolo coraggioso, un popolo che lotta per la sopravvivenza e ha una storia di lotte”, “che non ha paura di combattere” , “un popolo operoso e allo stesso tempo orgoglioso della propria terra”».

Dopo aver evidenziato il “torneo impressionante” di uomini e donne ucraini, ha stabilito che “ciò che abbiamo davanti ai nostri occhi è Lo stato della guerra globale di interessi, vendita di armi e acquisizione geopoliticaEd è il martirio di un popolo eroico». Ha ripetuto quanto aveva accennato in precedenza in un’altra intervista Sulla sua conversazione con il patriarca Kirill, la massima autorità nella Chiesa ortodossa russa. “Ho avuto una conversazione telefonica di 40 minuti”, ha detto Bergoglio. Nella prima parte, mi ha letto una dichiarazione che motivava la guerra. Quando ebbe finito, sono intervenuto e gli ho detto: “Fratello, non siamo sacerdoti dello Stato, siamo sacerdoti del popolo”, disse Bergoglio.

In seguito, Francesco ha nuovamente insistito sul fatto che, sebbene l’Ucraina sia oggi sotto i riflettori “perché è più vicina a noi e tocca di più la nostra sensibilità”. Ci sono altre posizioni nel mondo Anche ciò che si verifica, deve essere preso in considerazione, il che rende possibile l’idea che la “terza guerra mondiale” stia infuriando. “Ci sono altri paesi lontani – pensa ad alcune parti dell’Africa, al nord della Nigeria, al nord del Congo – dove la guerra è in corso e a nessuno importa. Pensa al Ruanda 25 anni fa. Pensa al Myanmar e ai Rohingya. Il mondo in stato di guerra”, ha affermato il Papa. Sottolineando che “questo è un male per l’umanità, piuttosto una catastrofe” e ha ricordato che “in un secolo ci sono state tre guerre mondiali, con tutto il commercio di armi alle spalle!”

READ  Il sorprendente puzzle visivo dell'assassino: osa trovarlo in soli 15 secondi

Nel dialogo con coloro che dirigono le riviste culturali dei gesuiti in Europa (un totale di dieci persone, di cui sette sacerdoti, due donne e un laico), c’è stato spazio anche per parlare del processo di rinnovamento nella Chiesa. Interrogato sui segni di rinnovamento spirituale che vede nella Chiesa, il Papa è stato sincero, dicendo: “È molto difficile vedere il rinnovamento spirituale usando schemi molto antichi” perché “Dobbiamo rinnovare il nostro modo di vedere e valutare la realtàSi è lamentato del fatto che “la restaurazione ha messo a tacere il consiglio”. A questo proposito, ha aggiunto che “il numero dei gruppi di ‘restauratori’ – ce ne sono molti negli Stati Uniti, per esempio – è sbalorditivo” e ha osservato che “ci sono idee e comportamenti che vengono dal restauro che (finora ) non sono stati accettati dal Consiglio.”

[email protected]