Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Ottieni una maggioranza di 50 più uno”: AMLO riporta i risultati delle elezioni e PREP

Foto: Presidenza del Messico

Il presidente del Messico, Andres Manuel Lopez Obrador, riferisce sui risultati delle elezioni, secondo i dati PREP. Ha spiegato che i dati sono su Internet, ma non solo Le persone nel paese hanno accesso e notano che i media hanno fornito informazioni distorte.

“Forniremo le informazioni con cifre o dati ufficiali, sulle elezioni, perché ci sono informazioni ufficiali, ed è su Internet, Ma non tutti i messicani hanno accesso, ed è anche trasmesso dai media, ma c’è molta distorsione nella gestione delle informazioni.

Forniremo informazioni sui risultati delle elezioni, in modo che tutti abbiano le informazioni perché, come è noto, lLa maggior parte dei media tradizionali, poiché tendono ad essere conservatori, sono pubblici e hanno una cattiva reputazione.

(Illustrazione: Giovanni Silva / Infobae México)
(Illustrazione: Giovanni Silva / Infobae México)

Ieri quando sono state richieste informazioni, solo su Twitter e Face, milioni di persone si sono collegate alla conferenza per informazioni, per cercare informazioni, Quindi garantiremo il diritto di ottenere le informazioni, non con le fonti, non con la traduzione, ma con i dati di PREP, non utilizzeremo altre fonti”Lo ha detto il presidente messicano.

Secondo i dati PREP, 11 dei 15 stati contestati sono stati vinti da Morena.

Secondo i dati preliminari, Morena e i suoi alleati hanno vinto in 11 su 15: Baja California, Baja California Sur, Campeche, Colima, Guerrero, Michoacan, Nayarit, Sinaloa, Sonora, Tlaxcala e Zacatecas.

I Verdi hanno vinto a San Luis Potosi, il Movimento dei Cittadini (MC) liberale a Nuevo Leon e il Partito di Azione Nazionale (PAN) di destra a Chihuahua e Queretaro.

Con questi risultati, il partito del presidente controlla già 17 dei 32 stati del Paese, estromettendo il Partito Rivoluzionario Costituzionale come formazione dominante nelle regioni.

READ  Insolito: un serpente ha mangiato una mucca intera e il suo stomaco è esploso, e un turista ha fotografato il tutto

Alla Camera dei Deputati, Morena ha 121 seggi rimanenti, PT e il partito PVE, in alleanza con Morena, rimangono rispettivamente 32 e 31, dando al partito fondato da López Obrador 184 distretti su 300; Ottenendo così la maggioranza semplice.

Il presidente ha fatto un grafico Redatto con i dati preliminari dell’Istituto elettorale nazionale (INE), secondo i quali la coalizione di governo guidata dal Movimento per il rinnovamento nazionale (Morena) ha vinto domenica alla Camera dei rappresentanti 280 su 500 deputati.

Con questo risultato, supererebbe la maggioranza assoluta per approvare leggi e bilanci, ma non raggiungerebbe i 334 necessari per riformare la costituzione all’interno del suo piano di “trasformazione del Messico”.

Foto: Presidenza del Messico
Foto: Presidenza del Messico

Morena è tra i 300 distretti del paese che ne hanno vinti 121, il Partito Laburista che è alleato con Morena 32 e Green che è alleato con Morena 31.

Se aggiungiamo questo, 184 su 300 maggioranza, cosa significa: Che con Morena e PT e parte di Verde, non tutti, si ottiene una maggioranza di 50 più uno, la chiamo maggioranza semplice perché non mi piace la parola assoluta”, ha spiegato.

Lopez Obrador ha sottolineato che se una maggioranza qualificata volesse riforme della costituzione, si potrebbero raggiungere accordi con deputati di altri partiti, ma ha detto che “non serve molto”.

“Se vuoi una maggioranza qualificata, cioè due terzi, puoi metterti d’accordo con una parte dei legislatori del CRP o con qualsiasi altra parte, Ma di riforma costituzionale non c’è molto, questo è il panorama e questo è ciò che resta.

Grazie mille al popolo del Messico, prima di tutto per aver partecipato liberamente, hanno votato per il partito che hanno deciso, l’importante è partecipare, Ha sottolineato che abbiamo differenze, le avremo, perché se non avessimo differenze, vivremmo in una dittatura e protesteremmo solo a denti stretti, e in democrazia c’è libertà.

READ  E 'morto Jorge Laranaga, ministro dell'Interno dell'Uruguay

Il presidente ha celebrato che con la maggioranza assoluta ottenuta da Morena e dai suoi alleati, “il bilancio è già garantito” e potrebbero essere garantiti i suoi eccezionali programmi di borse di studio e pensioni.

C’è un paese per tutti e una preferenza per i poveri. I programmi di sponsorizzazione continuano, ha detto Lopez Obrador, osservando che “i conservatori hanno votato contro la protezione della pensione di vecchiaia della costituzione”.

Sebbene si trattasse di elezioni legislative e locali, le elezioni di medio termine di domenica, considerate le più grandi nella storia del Messico, sono state interpretate come un referendum sul carattere di Lopez Obrador per la seconda metà del suo stato.

Nonostante la polarizzazione e la violenza che hanno caratterizzato la campagna elettorale, il voto si è svolto senza grandi battute d’arresto e con un’affluenza storica di giocatori medi superiore al 52%.

“Grazie mille a coloro che hanno deciso di sostenere la trasformazione di cui il Messico ha bisogno nonostante la guerra sporca”, ha detto il presidente.

Continuare a leggere: