Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jorge Fauri: “Il voto dell’Argentina sul Nicaragua ci lascia dalla parte di chi non rispetta i diritti umani”

Jorge Fauri

L’Argentina si è astenuta dal condannare in un voto nell’Organizzazione degli Stati americani (OSA) le violazioni dei diritti umani commesse dalla dittatura di Daniel Ortega in Nicaragua.

Casa Rosada condivide il voto di astensione con Belize, Repubblica Dominicana, Honduras e Messico. E ancora, come è successo alle Nazioni Unite con la sua posizione sugli attacchi terroristici di Hamas contro Israele, l’Argentina è stata esclusa dai suoi partner del Mercosur: Brasile, Uruguay e Paraguay.

Jorge Fauri, il cancelliere argentino sotto il governo di Mauricio Macri, ha affermato che la decisione presa dalla diplomazia di Alberto Fernandez è stata “un errore e una tragedia” che contraddice il percorso iniziato nel Paese dopo il processo ai capi militari della dittatura svolto. Durante l’amministrazione di Ricardo Alfonsin.

Abbiamo completamente abbandonato questa strada, prima ritirandoci dalla denuncia contro il Venezuela per violazioni dei diritti umani, e ora votando contro il consenso di 26 paesi della regione. Questo ci lascia dalla parte delle dittature, dei regimi autoritari e di coloro che non rispettano i diritti umani‘, ha confermato.

L’argomento del voto dell’Argentina nell’Organizzazione degli Stati americani

Ortega e Murillo hanno compiuto una strage contro la popolazione civile nell’aprile 2018. Da quel momento la dittatura sandinista si è fatta ogni giorno più feroce. Ha sempre subito la condanna internazionale delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione degli Stati americani. Infatti, il governo di Alberto Fernandez ha votato a favore dei diritti umani in Nicaragua durante una sessione sul tema alle Nazioni Unite. Ci si aspettava che l’OSA ripetesse la sua posizione presentata alle Nazioni Unite.

READ  Come è stato scoperto il corpo dell'argentino accusato di aver ucciso suo figlio a Barcellona?

Non è successo.

L’ambasciatore argentino presso l’Organizzazione degli Stati americani, Carlos Raimondi, si è astenuto da una bozza di risoluzione che invitava Ortega e sua moglie, Rosario Murillo, a porre fine alla persecuzione politica ea garantire la trasparenza delle prossime elezioni presidenziali.

Fino al voto di Raimondi, l’Argentina aveva sempre votato contro il regime sandinista. Ai tempi dell’ambasciatore Paula Bertoll, l’amministrazione Macri ha adottato una posizione di dura critica alla dittatura in Nicaragua. Ma ieri è cambiato.

“Penso che la decisione del governo non rappresenti gli argentini che hanno votato per nessuno dei partiti apparsi alle elezioni del 2019, che vogliono vivere in libertà, che vogliono essere rispettati per le loro idee che possono avere e quindi non andare in prigione , che rispettano i diritti umani, del lavoro e sociali. Vogliono vivere in una democrazia perché si rendono conto che in una democrazia possono lottare per migliori condizioni di vita e non vogliono che qualcuno si perpetui al potere o si impadronisca di tutto, Fawry ha analizzato in un’intervista alla giornalista Maria Laura Santillan su CNN Radio.

Grafici

La bozza di delibera, approvata a maggioranza storica, recita:

1. esprime la sua profonda preoccupazione per il fatto che il governo del Nicaragua non ha attuato, fino a maggio 2021, riforme elettorali conformi alle norme internazionali applicabili, al fine di Garantire che le elezioni previste per novembre 2021 siano libere ed eque.

2 – condannare categoricamente l’arresto, le molestie e le restrizioni arbitrarie imposte ai candidati presidenziali, ai partiti politici e ai media indipendenti, Chiedono l’immediato rilascio dei candidati alla presidenza e di tutti i prigionieri politici.

READ  Giovedì 1 luglio arriveranno in Colombia 2,5 milioni di vaccini donati dagli Stati Uniti

3. Esortiamo vivamente il governo del Nicaragua ad attuare senza indugio misure legislative e di altro tipo in linea con gli standard internazionali applicabili al fine di promuovere elezioni trasparenti, libere ed eque a novembre, compresa una buona accoglienza degli osservatori elettorali dell’Organizzazione degli Stati Uniti Stati e da altri paesi.

4. Continuando a monitorare il processo elettorale in Nicaragua, per l’esame e l’eventuale presentazione all’Assemblea Generale.

– Dichiarazione di condanna sostenuta a larga maggioranza in seno all’OSA – 26 voti su 34 – La risposta è stata multilaterale alla caccia alle streghe lanciata dalla dittatura nicaraguense. Nelle ultime due settimane, Ortega e Murillo hanno avviato un programma raid Una politica che ha incluso l’arresto dei principali leader dell’opposizione con l’intenzione di affrontare il regime al potere dal 2007.

Questo movimento repressivo includeva l’arresto illegale di Christiana Chamorro, Juan Sebastian Chamorro, Felix Maradiaga e Arturo Cruz, tra gli altri leader politici. Tutti loro sono stati accusati di tradimento e riciclaggio di denaro.

Finora, Ortega e Murillo non hanno presentato alcuna prova contro di essa. Per questo motivo l’OEA chiedeva la loro immediata liberazione dal regime sandinista e il mantenimento della democrazia al di sopra degli interessi politici della dittatura di Managua.

Il Segretario di Stato, Anthony Blinken, ha avuto una conversazione di 40 minuti con Philip Sola per discutere la questione del Nicaragua. È successo pochi giorni prima della sessione dell’Organizzazione degli Stati americani, e il ministro degli Esteri argentino ha accettato di rispondere sulla posizione finale che avrebbe preso Casa Rosada.

Alberto Fernandez aveva divergenze ideologiche con il segretario generale dell’Organizzazione degli Stati americani, Luis Almagro, e non voleva apparire avallo della sua posizione politica nei confronti del regime sandinista. Il presidente, inoltre, non ha voluto apparire al fianco della Bolivia e di San Vicente, che sostenevano la dittatura del Nicaragua.

READ  La Cina ha autorizzato il vaccino Sinovac contro il virus Corona per i bambini dai 3 anni

Ha scelto di astenersi, in una posizione a fianco del Messico, suo principale alleato in America Latina. Come negli ultimi eventi regionali, L’Argentina sembra essere divisa sull’agenda condivisa con i suoi partner del Mercosur. Brasile, Paraguay e Uruguay hanno votato con Stati Uniti, Colombia, Perù e Cile.