Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

pallanuoto | “Siamo l’invidia del mondo della pallanuoto”

di

Un altro anno, e ce ne sono già parecchi, la pallanuoto spagnola ha vinto medaglie internazionali e ha portato la bandiera del miglior sport spagnolo in ogni angolo. Un sano gioco di squadra in cui gli atleti uniscono lo studio o il lavoro all’allenamento. Riconoscimento nei cinque continenti, testimoniato da Billy Peña e Felipe Peroni, il suo capitano: “Siamo l’invidia del mondo della pallanuoto”.

La squadra maschile ha vinto la medaglia d’oro dopo 21 anni alle finali dei Mondiali di Budapest il 3 luglio in una partita ai rigori contro l’Italia.. Una medaglia tanto desiderata quanto celebrata dopo aver perso le ultime tre finali (due delle quali ai rigori) e averlo lasciato in semifinale alle Olimpiadi di Tokyo contro la Serbia nel crollo dell’ultimo quarto. La pallanuoto è stata ingiusta con la squadra di David Martin. “Tutti erano felici che avessimo vinto. Il resto dei paesi sapeva che ce lo meritavamo, che avevamo lavorato sodo e che eravamo già in finale anni fa.Pironi è uno dei migliori giocatori degli ultimi due decenni.

Da parte sua, la squadra femminile, nel decimo anniversario dalla conquista della medaglia d’argento ai Giochi di Londra, ha compensato l’eliminazione ai quarti di finale dei Mondiali di Budapest con l’oro agli Europei di Spalato del 9 settembre contro la Grecia. “Non ci stanchiamo mai di vincere, questa è la nostra mentalità. Iniziamo tutti i tornei da zero e vogliamo che durino il più a lungo possibile. Siamo entusiasti di tutte le competizioni“, spiega Billy Peña, che faceva anche parte della squadra che, appena due mesi dopo, ha vinto il primo titolo di World League della storia. La Spagna è riuscita a vincere la Coppa del Mondo, il Campionato Europeo e la World League nella sua ultima edizione. An epico triplete di successi

La Spagna si aggrappa all'oro.


Ingrandire

La Spagna si aggrappa all’oro.

Pochi giocatori sono più rappresentativi di queste vittorie di Pena e Pironi, due giocatori che hanno molto in comune. La alcorconera nasce nel 1986, appena un mese e mezzo dopo il brasiliano, Quello È nato a Rio de Janeiro In una famiglia immigrata a metà del XX secolo da una piccola città di Girona (Gironella) al Brasile.

In entrambi i casi c’è velocità. Peroni, che aveva solo 15 anni, partecipò ai Mondiali di Fukuoka nel 2001. Due anni e mezzo dopo emigrò a Barcellona grazie all’ex poi cubano Ivan Perez e iniziò a scrivere la sua leggendaria storia della pallanuoto spagnola. “Abbiamo costruito una grande squadra in cui ogni giocatore ha ben chiaro il proprio ruolo e in cui ci preoccupiamo più del gioco che del risultato. Abbiamo fatto il click agli Europei di Barcellona, ​​nel 2018, quando siamo riusciti a giocare una finale dopo nove anni. Siamo una squadra di gentiluomini che gioca bene e tutti ormai ci guardano come l’avversario da battere”, dice lo spagnolo-brasiliano, un punto di riferimento nell’Athletic Barceloneta e nella nazionale, un idolo per giovani giocatori come Alvaro Granados o Bernat Sanahoja.

scelta degli uomini.


Ingrandire

scelta degli uomini.

Pironi è il prolungamento in acqua di David Martin che è stato suo compagno di squadra a livello di club e in Nazionale fino al ritiro dell’allenatore nel 2012. “Sono scettico. Era il mio capitano ed è mio amico. “È uno dei migliori allenatori al mondo. Siamo una squadra e ci aiutiamo sempre a vicenda”. Dice il giocatore che può agire in tutte le posizioni grazie alla sua versatilità e che ora è passato ai social network:”Sono sempre stato esattamente l’opposto, ma penso che sia un’opportunità e raggiunga molte personeSeguirono anche i suoi successi: un oro mondiale, un bronzo nella World League, un bronzo europeo e tre medaglie come Tre soli.

Mentre Peroni muoveva i primi passi in Spagna, Billy Peña si tuffava nella pallanuoto professionistica ad Alcorcon con Mickey Oka, giocatore straordinario (oro olimpico ad Atlanta 1996) che iniziò la sua carriera in panchina. La donna mancina aveva appena 18 anni quando iniziò ad andare in nazionale. E lì continua per 18 anni e 400 incontri dopo. “Continuerò finché non vedrò fisicamente che posso”, avverte ora il giocatore di CN Terrassa. Peña è uno dei giocatori più esperti a livello internazionale e detentore del record mondiale di pallanuoto (Nove), ma tra le sopracciglia continua con lo stesso obiettivo suggerito dai Water Warriors nel 2012: “Sono anni che lottiamo per quell’oro olimpico e questo è il sogno. Abbiamo giocato due finali e perso contro gli Stati Uniti. ha detto il giocatore, che ora si recherà negli Stati Uniti il ​​13 dicembre con il resto della squadra per giocare come triangolo.

A parte la pallanuoto, in cui entrambi erano e restano punti di riferimento, vista l’età, Peña e Pironi si stanno già preparando al momento del ritiro. Il giocatore del Barcellona, ​​che si rinnova fino al 2024 e che guiderà la nazionale spagnola alle Olimpiadi di Parigi, ha studi legati alla gestione dello sport, mentre Alcorconera ha studiato educazione della prima infanzia e psicologia e detiene anche il titolo di insegnante di yoga. Ma questo verrà dopo. Ora tocca a loro ricevere il premio AS e prolungare i loro successi. “Speriamo di poter replicare questa stessa immagine, in oro, agli AS Awards 2024”.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci