Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Non solo Pelé era unico con la palla, ma era anche unico nell’interpretare il marketing

Il mondo si è innamorato del calcio, ma Edson Arantes do Nascimento ‘Pelé’ non è stato unico solo con il pallone, ma anche unico nel suo modo di interpretare il marketing. È stato molto chiaro sullo status di Pelé come icona del marchio globale e i suoi contratti di sponsorizzazione sono stati da record, ma il successo non ha mai dimenticato i suoi valori.

Il denaro era il risultato, non l’obiettivo. Tony Senor, che ha viaggiato con Pelé in quaranta paesi negli anni ’90 per promuovere MasterCardracconta a EFE un altro lato della leggenda: questo era l’uomo d’affari Pelé.

Da quel primo incontro ai Mondiali di Italia 90, Pelé e Signor, ora CEO dell’agenzia di marketing Taylor Strategy, hanno costruito un rapporto fraterno che li ha portati a condividere esperienze personali e professionali uniche. Gli brillano gli occhi quando ricorda “O’Rei” e lo sconvolge ancora quando pensa al carattere con cui guidò il Brasile, a 17 anni, ai Mondiali del 1958. Era un ragazzino arroccato tra i giganti che avrebbero diventato una leggenda assoluta quando fu nuovamente incoronato nel 1962 per la terza volta, già da adulto, in Messico 70.

«Pelé è sempre stato molto chiaro sullo status di icona globale di Pelé. Non è mai stato dimenticato. Ma ha sempre messo i piedi per terra. Sapeva che Edson, come essere umano, era più importante per lui”, dice l’italo-americano.

Senor è nato e cresciuto a New York, la città in cui la sua famiglia italiana è immigrata negli anni ’40Nella sua carriera di successo, ha lavorato con leggende dello sport come Muhammad Ali, Michael Jordan, Bobby Charlton e altri.

READ  Sono quasi saltato giù dal balcone del 26° piano.

Pelé, La semplicità nella leggenda

Senior chiamava il brasiliano “Pelé” durante i suoi primi viaggi di lavoroma la risposta era sempre la stessa: “No, no, no. Chiamami Edson, sei mio fratello”.

La dualità tra Pelé, la leggenda, ed Edson, l’umano, è sempre coesistita nel brasiliano. Anche quando ha inviato i dettagli delle figlie di Signore, la sua firma era “Edson = Pelé”.

«Sapeva che quando si associava alla famiglia reale dell’Arabia Saudita, dell’Inghilterra, della Svezia o della Spagna, era Pelé, e loro gravitavano intorno a Pelé.. Per me era chiaro che era importante che queste persone si sentissero vicine a questa icona”, afferma il CEO Taylor.

Ma questo non gli ha sollevato i piedi da terra. Si sentiva sempre un po’ a disagio. Con le telecamere accese, lo ha fatto perfettamente, ma poi mi ha detto: “Mi sentivo molto a disagio”. Molti dei grandi atleti stanno iniziando a credere di essere davvero alieni. Ma Pelé, no”, ricorda.

I tuoi contratti di sponsorizzazioneDisco

Il suo talento calcistico e il suo carisma hanno spinto club e sponsor a dargli ingenti somme di denaro.incomparabile con altri atleti di quegli anni, per i loro servizi.

e questo è Il contratto firmato nel 1975 con la squadra di calcio New York Cosmos non solo lo ha reso l’atleta più pagato al mondo, ma il suo stipendio lo ha reso “minimo”. Il giocatore di baseball statunitense più pagato, Hank Aaron, fino ad allora.

Nella North American Soccer League (NASL) c’erano già star europee come il tedesco Franz Beckenbauer O l’italiano Giorgio Chinaglia, ma l’arrivo di “O’Rei” ha cambiato tutto.

READ  San Valentino | Il giorno in cui Gianluca Lapadula ha proposto al compagno quando giocava in terza divisione italiana | 14 febbraio | Giornata dell'amore e dell'amicizia | RMMD DTBN Video | Sport totali

Quasi cinquant’anni dopo, V.I Il quartier generale dell’USSF, a Chicago, ha conservato i “cimeli” di Pelé passando per il “calcio” come un diamanteinclusi alcuni adesivi inestimabili.

L’impegno sociale di O’Rei

I rappresentanti di Pelé si sono sempre assicurati che il brasiliano ricevesse la giusta quantità sull’impatto economico e informativo che la loro immagine avrà sui brand.

Se il tuo rappresentante Helio Viana è molto esigente nella fase delle trattative economiche, Era Pelé quando si trattava di scegliere un’azienda. Non si è fermato ai numeri, ma piuttosto ai valori del marchioE l’ambiente del mercato ei suoi progetti sociali al servizio della società.

«Ha fatto tutto il possibile per proteggere la sua immagine, a causa dell’effetto che ha avuto su così tante persone.. Pelé ha sempre rifiutato grandi contratti con compagnie di tabacco e alcolici. “E se i bambini mi vedono con in mano un drink o fumo una sigaretta? “Ci sono persone che potrebbero pensare che vada bene e io non voglio contribuire a questo”, dice Senior.

Tra le sue numerose opere, Pelé ha particolarmente apprezzato le sue faide con Umbro e Pepsi, poiché entrambi i marchi avevano importanti progetti di beneficenza per la crescita del calcio giovanile. Nell’ambito degli accordi, gli stadi di calcio vengono costruiti in zone dove non ci sono le risorse finanziarie necessarie per farlo.

Pelé Legacy per tutti

Si dice che “tutto ciò che vedi da giocatore, Pelé l’ha fatto per primo”. La sua leggenda trascende lo sport e la sua eredità è indimenticabile.

Lo shock della sua morte, avvenuta il 29 dicembre all’età di 82 anni, ha raggiunto tutti gli angoli del pianeta e ha colpito persone di tutte le età.E adulti e persino bambini che non potevano vederlo giocare, ma sognavano di studiare le sue imprese.

READ  Matthias Delgado vince il titolo mondiale MTB in Italia

Una delle cose che rendeva O’Rei così orgoglioso era l’amore per i bambini.. Come quando, in viaggio con Signore in Medio Oriente per un evento MasterCard, Era profondamente toccato dalle domande dei suoi giovanissimi seguaci.

Signore non ha dubbi. “C’è Muhammad Ali. C’è Frank Sinatra.” E c’è solo una pallina. Ci sarà sempre solo una pallina”.