Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Iman Kobeti fa credere al Racing: 2-0 contro l’Atlético Tucuman | Entrambe le squadre erano dietro il Boca di un punto

Quando l’attaccante va a spingere il portiere, di solito rallenta negli ultimi metri, come se fosse una postura o semplicemente obbedire a un ordine del tecnico. O forse la lentezza è causata dalla paura di subire il trucco di qualcuno, che si traduce sempre in un “primo” che esce dal podio. Bene, Ciò che è stato descritto in precedenza non si adatta all’Enzo Kopete di Chaco. Nove gare non importa Entrare in pressione da solo, un passante o il dolore di un esaurimento, che si tratti di un minuto di gioco o di recupero.

E in questo lunedì sera ad Avellaneda, dopo tante energie investite nell’inseguire palloni con così poche possibilità di recupero, il karma ha giocato a suo favore. Per di più in una partita fondamentale per lottare per il campionato. In 4 minuti, la mia tazza È andato solitudine E a tutta velocità per fare pressione sul portiere dell’Atletico Tucuman Carlos Lambi, e uno dei convocati boliviani ha commesso un errore lasciandolo troppo corto per l’ex Rafaela per mandarlo in soccorso. Per segnare il suo nono gol in campionato.

La sequenza è stata quasi rovinata a partita iniziata quando il decano ha tolto palla dal centro e ha sparato frettolosamente a Kobe, prima al difensore centrale, poi a Lambi, che ha finito per prendere un passaggio di sinistro con grande difficoltà.

Il Racing, entrato in gara con 41 punti, ha piazzato la bandiera dall’inizio contro l’Atletico, Escort Boca (45, con una partita in meno) Con 44 unità, non gli è stato permesso di respirare per lunghi periodi di gioco. Una volta recuperato il pallone, la squadra di Gago ha scelto la fascia sinistra come opzione offensiva, decisione davvero saggia Notte in ricordo del colombiano Carlos Carbonero.

exGimnasia lo trascorse traboccante di pura gambita E flirtare con un gol, un gol che è stato assegnato dopo un’altra grande giocata di carattere ma è finita Correttamente su richiesta del VAR Attraverso una posizione avanzata per Segali. Carbonero era così bravo che i confronti di oggi provengono dalla memoria accademica di Centurion Anche il più esagerato Garrincha brasiliano.

In ogni caso, È stata la sua ala sulla fascia sinistra a segnare il secondo gol di uno sprint. Anche Eugenio Mina ha danneggiato la sua salita – evidentemente l’Atletico ha fallito parecchio lì – e verso la fine del primo tempo Ha mostrato un grande gol, il primo dopo 122 partite in Racing. La squadra cilena ha lasciato molti in mezzo, ha giocato a Kobeti ed è andata in cerca di una rimonta per prendere un gran sinistro.


L’Atletico e il suo campione sono andati al campionato nel secondo tempo
Ma le sue due occasioni più evidenti si sono concluse con un superbo cross di Belloud su Coronel e rimbalzato sulla traversa di Bianchi, lasciando il portiere Arias senza troppi sforzi.

Stanco e senza profitti alla ricerca dell’avversario, l’Atlético sembrava abbassare i piedi dell’acceleratore nell’ultimo tratto e La gara si è conclusa con calma e dominio degli affari. Tanto che Jago è stato incoraggiato a indossare Cardona dopo cinque assenze E il colombiano ha avuto il tempo di dare un calcio di punizione al baby Alcaraz – ha tirato fuori gioco a Potidas -, lanciando salatini a Lambi e guadagnando un bel po’ di fischi, che poi ha ribaltato andando a terra a combattere un pallone.

La seguente data porterà i locali di Rosario Central (giovedì alle 21:30) e Racing Visit Colón (venerdì alle 16:30).

READ  ◉ Il river di oggi: l'undici contro l'Arsenal, l'attaccante che si è confessato vicino e le ultime notizie