Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nicholas Kreplak: “È molto probabile che non dovremo tornare a essere limitati”

Ministro della Salute della Provincia di Buenos Aires, Nicholas Creplak

Ministro della Salute dello Stato di Buenos Aires, Nicholas KreplacHa sottolineato che nonostante l’aumento dei casi di coronavirus nelle ultime settimane, non crede che le nuove misure restrittive siano necessarie. “È molto probabile che non dovremo tornare a uno stato di restrizione, e non credo che siano necessarie restrizioni”Come ha affermato. Ha anche sostenuto la chiusura delle scuole ordinata dal governo nazionale durante la maggior parte della pandemia, una misura che ha portato a un forte confronto con le autorità della città di Buenos Aires, che sono persino ricorse ai tribunali per tenerle aperte.

“Non stiamo parlando di una terza ondata, in un aumento dei casi in una regione, quindi una diminuzione e un aumento in un’altra, e non ci sono fonti di infezione sociali”, ha affermato il ministro Axel Kiselov. “Quello che stiamo tutti analizzando è che Anche con l’aumento dei casi Non sembra che torneremo Un grave caso di pericolo per il sistema sanitario come nella prima e nella seconda ondata. Millennium FM.

“Nello scenario che stiamo analizzando in questo momento è È molto probabile che non dovremo tornare allo stato ristretto. Il ministro ha spiegato che con il nostro livello di vaccinazione possiamo continuare ad aprire le attività.

In un’altra parte dell’intervista, ha criticato aspramente la posizione assunta dal Capo del Governo della Città di Buenos Aires, Horacio Rodriguez Laretta. “Chiudendo le scuole, noi in Argentina abbiamo le migliori possibilità di cura con farmaci e respiratori. Nessuno manca di interesse e questo è stato ottenuto, tra l’altro, riducendo la frequenza scolastica. È stato messo sul tavolo come un errore. La chiusura delle scuole è stata una delle decisioni, insieme ad altre, che ha permesso a tutti noi di avere accesso alla famiglia per l’intera popolazione anche nei momenti peggiori della pandemia».

Il ministro della Sanità di Buenos Aires, Horacio Rodríguez Laretta, ha criticato (Immagine: NA)
Il ministro della Sanità di Buenos Aires, Horacio Rodríguez Laretta, ha criticato (Immagine: NA)

“Quando Buenos Aires ha aperto le scuole, la città è crollata e senza la provincia non avrebbero avuto abbastanza posti letto per tutti. Tenere aperte le scuole in CABA ha portato ad un aumento del numero di casi. Avrebbero dovuto prendere misure più severe che non hanno prendere”, ha annunciato il funzionario, che era il viceministro. In seguito ha sostituito Daniel Golan quando è stato elencato come candidato per i deputati dal Fronte Todos nella provincia di Buenos Aires. .

READ  La salute ti invita a partecipare alle attività della Giornata mondiale di risposta all'HIV/AIDS

Abbiamo preso decisioni ostili come chiudere i confini o alloggiare in hotel. Non posso dire che non ci saranno più casi, quello che vediamo è che l’infezione si verifica nei non vaccinati e nei vaccinati infetti ci sono casi più deboli”. l’età di 18 anni e oggi questa percentuale è del 25 o del 30%”.

Per questo ha insistito sulla vaccinazione dei minori: “Mie figlie e i miei nipoti sono vaccinati e mi sembra che questo dovrebbe essere fatto. Molti operatori sanitari dicono di non avere conoscenza dell’argomento”.

Siamo uno dei paesi più vaccinati al mondo. Possiamo essere orgogliosi, ma ci sono persone basate sull’odio. Siamo in grado di accedere ai vaccini più velocemente di altri paesi della regione. L’Argentina ha 7 diversi tipi di vaccini perché ha studiato l’intero mercato, nonostante le campagne diffamatorie nel mondo, “in difesa del partito di governo sulla politica sanitaria durante la pandemia. Ha aggiunto: “Il vaccino è sempre redditizio, e ciò che è prodotto dal programma pre-volo inizia nel superare quello che si spende per i vaccini, è la possibilità di avere classi con rischi inferiori”.

Nicholas Kreblak sostituisce Daniel Golan alla guida del ministero
Nicholas Kreblak sostituisce Daniel Golan alla guida del ministero

Oltre a commentare la pandemia e la chiusura delle scuole, il ministro ha affrontato altre questioni. Riguardo al video che ha caricato sul suo account Twitter sbeffeggiando la mancanza di partecipazione di Mauricio Macri mercoledì scorso, quando è stato chiamato per indagare sulla città di Dolores, ha spiegato: “Ho fatto umorismo con pieno rispetto, non è per molte analisi. Non hanno chiamato le persone, ma non è niente di più. Un aspetto negativo della politica argentina è che i progetti sono costruiti sull’odio dell’altro”..

READ  Quali sono gli studi medici di base per fare esercizio dopo essere stati dimessi dall'ospedale a causa del Covid

Ha anche spiegato di essere stato oggetto di molti attacchi a causa della sua funzione pubblica: “Mi hanno parlato di un criminale o di cose che non direi mai. Queste cose sono preoccupanti perché sono persone che hanno molto coinvolgimento mediatico e hanno molto potere, e sono rappresentanti nazionali, come Fernando Iglesias e altri deputati”.

Non sostengo l’idea del malcontento come costrutto della politica. Ha sottolineato che il ritratto di Olivus (del presidente nel giorno del compleanno della first lady, Fabiola Yanez) o la vaccinazione dei dignitari hanno ricevuto una pressione maggiore rispetto alle misure di sponsorizzazione o ad altre questioni di supporto e di accompagnamento. Ha concluso: “Il presidente ha preso una misura storica in modo che nessuno soffrisse di ventilatori. Ha intrapreso azioni che nessuno conosce e hanno trascorso ore sui media con questo (foto nella residenza presidenziale).”

Continuare a leggere