Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il G20 raggiunge un timido accordo sul clima prima della conferenza delle Nazioni Unite

Le nazioni del G20, responsabili dell’80% delle emissioni di gas serra, domenica hanno raggiunto un accordo sulle loro ambizioni climatiche, un segnale inadeguato alle ONG in vista della conferenza sul clima delle Nazioni Unite iniziata a Glasgow.

I leader dei 20 paesi più avanzati promettono di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi Celsius rispetto all’era preindustriale e di ridurre l’uso del carbone, ma non sono in grado di fissare una data specifica per la neutralità del carbonio, secondo l’annuncio finale approvato. Al termine dei due giorni di vertice.

“Siamo orgogliosi di questi risultati, ma dobbiamo ricordare che è solo l’inizio”, ha detto il presidente del Consiglio Mario Draghi, al termine dell’incontro, per il quale si pensa alla lotta ai cambiamenti climatici. generazioni. “.

La pressione sui leader del G20 riuniti a Roma da sabato, per il loro primo vertice faccia a faccia dal 2019, è stata forte. Dal segretario generale dell’Onu Antonio Guterres a papa Francesco, gli appelli a un’azione ambiziosa si sono moltiplicati fino all’ultimo minuto.

Il linguaggio utilizzato nella dichiarazione è “più forte” di quanto non fosse nell’accordo di Parigi del 2015, secondo due fonti coinvolte nei negoziati. Il G20 si impegna a “continuare gli sforzi per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C”, un obiettivo che richiede “azioni e impegni significativi”.

I paesi sono inoltre obbligati a smettere di finanziare la costruzione di nuove centrali elettriche a carbone all’estero, sebbene non siano state individuate misure a livello nazionale, e a chiedere la neutralità del carbonio “entro la metà del secolo”, una formula più popolare della data proposta 2050 dall’Italia.

Quest’ultimo riferimento è “molto importante vista la diversità dei paesi partecipanti al Gruppo dei Venti”, secondo il parente della presidenza francese. La Cina, che emette più di un quarto di gas serra, vuole raggiungerlo, ad esempio, entro il 2060.

READ  Longevità, genetica e benessere -

Anche i 20 Paesi più avanzati, tra cui Messico, Brasile e Argentina, hanno ribadito l’impegno, non ancora rispettato, di mobilitare 100 miliardi di dollari per coprire i costi di adattamento ai cambiamenti climatici nei Paesi in via di sviluppo.

– ‘Ultima e migliore possibilità’ –

Ma per le ONG, questo non era abbastanza. “Se il G-20 era una prova generale per la Cop26, i leader mondiali si sbagliavano”, ha detto Jennifer Morgan di Greenpeace. “Sono tutte mezze misure, non misure concrete”, ha detto Frederic Ruder di Global Citizen ad AFP.

La palla è ora alla Conferenza delle Nazioni Unite sul clima (COP26), che il suo presidente, il ministro britannico Alok Sharma, ha descritto come “l’ultima e migliore possibilità di raggiungere l’obiettivo di +1,5°C”, durante la sua apertura a Glasgow.

“È giunto il momento di fare di tutto a Roma affinché i membri del G20 contribuiscano in modo utile a Glasgow”, ha detto il presidente francese Emmanuel Macron a Le Journal du Dimanche, spiegando che prima della COP “nulla è stato deciso. In anticipo”.

La Conferenza delle Parti, sotto l’egida delle Nazioni Unite, è l’incontro annuale per discutere e definire gli impegni nella lotta ai cambiamenti climatici. La data di Glasgow, che durerà fino al 12 novembre, è anche più importante perché non potrà tenersi nel 2020 a causa della pandemia.

“Preghiamo perché si ascoltino il grido della terra e dei poveri” a Glasgow, ha detto papa Francesco questa domenica durante la preghiera degli angeli, chiedendo anche la preghiera perché “questo incontro possa dare risposte efficaci, e così dare speranza alle generazioni “. . il futuro “.

L’agenda della conferenza ministeriale contiene quattro temi principali ed è così complessa che le trattative sono iniziate domenica, senza attendere i grandi discorsi di circa 130 capi di Stato e di governo, in programma lunedì e martedì.

READ  Conferenza internazionale sulla cucina tradizionale messicana

All’inizio dell’evento, l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) ha avvertito in un rapporto che i sette anni tra il 2015 e il 2021 sarebbero stati probabilmente i più caldi mai registrati fino ad oggi e ha avvertito che il clima stava entrando in “territorio inesplorato”.

Con le informazioni dell’Agence France-Presse