Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alpi italiane: in che modo il cambiamento climatico influisce sulla nascita dei ghiacciai?  |  Secondo gli specialisti, “è il più tragico disastro montano del secolo in Europa”

Alpi italiane: in che modo il cambiamento climatico influisce sulla nascita dei ghiacciai? | Secondo gli specialisti, “è il più tragico disastro montano del secolo in Europa”

La disgregazione del ghiacciaio della Marmolada nel nord Italia ha provocato sette morti, otto feriti gravi (due ancora in terapia intensiva) e almeno 19 scomparsi. Questo fenomeno, nel frattempo, ha portato con sé anche un’altra discussione sulle sue cause. Sebbene la natura sia ricca di eventi imprevedibili, difficili – se non impossibili – da pianificare, esiste un catalizzatore di natura strutturale che è direttamente correlato alla nascita del ghiacciaio: Cambiamento climatico.

primo ministro, Mario Draghi, ha visitato le Alpi italiane e ha collegato la valanga, la neve e le rocce al riscaldamento globale: “Si tratta di una tragedia che ha certamente avuto un elemento di imprevedibilità, ma è indubbiamente legata anche al deterioramento dell’ambiente e della situazione climatica”. Il BabaAttraverso i suoi social network, ha fatto lo stesso: “Le tragedie che stiamo vivendo con il cambiamento climatico dovrebbero spingerci a cercare urgentemente nuovi modi per rispettare le persone e la natura”. Un fatto eloquente è quello La rottura è avvenuta il giorno dopo che è stata registrata una temperatura record di 10°C in cima al ghiacciaiofenomeno che avrebbe potuto accelerare lo scongelamento.

“Bisogna pensare che il cambiamento climatico è ciò che stiamo facendo al clima, in termini di emissioni di gas serra. È una situazione che genera molte situazioni. Le Alpi italiane possono essere descritte come il più tragico disastro montano del secolo in Europa“, Avvisare Luca Ruiz, ricercatore Conicet presso l’Istituto argentino di nefrologia, glaciologia ed ecologia a Mendoza. Attualmente, lo specialista sta allestendo un lavoro nel laboratorio di glaciologia dell’Università di Grenoble, una delle istituzioni più importanti al mondo in questo campo e situata relativamente vicino alla scena degli eventi.

READ  Crisi su Fox | Il ruolo di Vox restringe il suo spazio elettorale e lo avvicina agli ultras di Ungheria e Polonia

I soccorritori stanno ancora perlustrando l’area alla ricerca di nuovi sentieri e indizi che potrebbero portare a dove si trovano gli escursionisti scomparsi da domenica. Tuttavia, a causa delle condizioni locali, sottolineano Le possibilità di trovarli sono “quasi nessuna”. Il Presidente del Consiglio, infatti, non è riuscito ad atterrare nella zona con l’elicottero. Ha dovuto adattare il percorso pianificato ed è arrivato in auto dopo essere sceso a una latitudine vicina.

Concentrati sul lavoro umano

Sebbene stabilire relazioni causali in campo scientifico sia spesso allettante, spesso è più complesso di quanto sembri. Gli scienziati non osano farlo se non ci sono prove convincenti e preferiscono presentare sfumature che, in ogni caso, possono fungere da prova. In questo senso, Ruiz commenta: “Attualmente sono molto vicino alla zona e abbiamo avuto un’ondata di caldo impressionante di una settimana. Sebbene sia difficile collegare questa specifica ondata di caldo al cambiamento climatico, quello che possiamo dire è che gli eventi meteorologici estremi si verificano più frequentemente, grazie ai cambiamenti climatici. Continua la sua riflessione, soffermandosi sulla tragedia: “Allo stesso modo, non possiamo dire che questo pezzo di ghiaccio sia caduto perché stiamo emettendo più anidride carbonica, ma ripeto: È stato dimostrato che questo tipo di separazione glaciale si verifica frequentemente a causa del cambiamento climatico“.

Sebbene lo scioglimento dei ghiacciai risponda ai cambiamenti naturali; Attualmente, secondo l’ultimo rapporto dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), “c’è un notevole grado di certezza per affermare che Il suo tasso di fusione è attualmente senza precedenti negli ultimi 2.500 anniE il segnale è chiaro: man mano che viene rilasciata più anidride carbonica nell’atmosfera, il ritiro di queste enormi masse di ghiaccio e neve diventa sempre più importante.

READ  La progressione della salute di Chano: come continua dopo aver perso il rene, la milza e parte del pancreas?

Nello specifico, in termini di ritiro dei ghiacciai dovuto ai cambiamenti climatici, La regione delle Alpi italiane è una delle zone più colpite Secondo le previsioni delle squadre internazionali, sarà una delle zone più colpite in futuro. “Se è nelle Ande, il calo che vedremo nei prossimi anni sarà del 40 per cento rispetto al volume attuale, nelle Alpi sarà tra il 60 e il 90 per cento. È un’area che soffrirà molto, inoltre , dobbiamo tenere presente che è sovraffollato”. Per questo motivo è molto comune che quando si verifica un fenomeno di questo calibro si osservino le infrastrutture interessate. Un ulteriore intoppo per l’occasione è stato il mancato avviso: questa parte del ghiacciaio non è stata monitorata e non è stata considerata un potenziale distacco.

Sotto questo presupposto, laddove i fenomeni devono essere osservati in maniera integrata, le influenze si alimentano a vicenda. È coinvolto anche un fattore specifico relativo all’attività umana, come ad es inquinamento. “Bisogna pensare che la neve e il ghiaccio stanno diventando più scuri con l’inquinamento e questo fa sì che assorbano più calore. In questo modo i ghiacciai si sciolgono più velocemente e le nevicate diminuiscono”, spiega l’esperto. Una serie di eventi che si accumulano e rotolano come una valanga inarrestabile.

Un problema per diversi motivi

Il ritiro dei ghiacciai è una lotta in molti modi. Da una parte, Sono riserve d’acqua essenziali per la vita.. Così lo descrive Ruiz: “La loro assenza significa che quella parte dell’acqua che l’umanità pensava esistesse in futuro, non esisterà più. Costituiscono una fonte di acqua pulita e cristallina, ad una temperatura prossima a 0°C, favorendo una catena alimentare che possa La terra è abitata grazie alla presenza di quel tipo di risorsa”. Insiste che “tutti gli organismi che si favoriscono a vicenda e compongono questo ecosistema, con queste caratteristiche, non ci saranno più”.

READ  Timothée Chalamet: Così è stato realizzato il look sorprendente che ha indossato a Venezia e che ci ha insegnato a vestirci bene in futuro

Anche i ghiacciai funzionano anti-disidratazione: I fiumi che non hanno ghiacciai nelle loro sorgenti tendono a prosciugarsi in estate. Osserva che “quando si verificano siccità idrologiche (quelle associate alla mancanza di precipitazioni), i fiumi alimentati da neve e pioggia sono asciutti, a differenza dei ghiacciai che hanno una riserva d’acqua allo stato solido che si scioglie”. Di conseguenza, non avendo ghiacciai, la siccità potrebbe diventare più grave a medio termine. Nelle regioni a clima arido, il suo ruolo è soprattutto “superiore”.

Nel novembre 2022, L’Egitto ospita un nuovo vertice sui cambiamenti climatici (COP27). I paesi devono, ancora una volta, tenere conto di ciò che hanno fatto in termini di mitigazione degli effetti del cambiamento climatico negli ultimi cinque anni. Eventi come il distacco del ghiacciaio della Marmolada nelle Alpi italiane o gli incendi in Amazzonia sono prove attendibili che il percorso attuale è tutt’altro che catastrofico.

[email protected]