Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Nessun brevetto, nessuno studio della firma: le scienziate ottengono molti meno riconoscimenti per il loro lavoro | Scienze

La città italiana di Milano ha recentemente aperto una statua dedicata all’astrofisica Margherita Hack. È la prima volta che una scienziata viene riconosciuta in questo modo in Italia. L’esempio di oggi è lo scarso riconoscimento che le scienziate ricevono, storicamente trascurato nei premi più importanti. Ma al di là di premi e cimeli, c’è una distinzione più rilevante che viene loro sottratta: quella di apparire come autori delle proprie opere. Le scienziate ricevono un credito significativamente inferiore rispetto alle loro coetanee, in tutte le categorie, siano esse ricercatrici principali o scrittrici di laboratorio. Alcuni studi lo hanno indicato e ora un nuovo lavoro fornisce prove evidenti.

Il rivista temperare la natura Pubblicare Oggi uno studio universitario scompone la composizione di quasi 10.000 gruppi di ricerca, composti da 129.000 persone, e li confronta attentamente con le pubblicazioni scientifiche realizzate in un periodo di quattro anni. Hanno esaminato il numero di persone nel team che sono diventate firmatarie di quegli studi e hanno scoperto che le donne costituivano solo il 35% della composizione del gruppo, nonostante costituissero quasi la metà della forza lavoro, il 48%.

“Il divario è ampio e persistente in tutti i settori della ricerca e in tutte le fasi delle carriere scientifiche”

Julia Lin, Università di New York

Abbiamo riscontrato che il divario è ampio e persistente in tutti i settori della ricerca e in tutte le fasi della carriera scientifica. È ancora maggiore quando si parla di pubblicazioni ad alto impatto”, afferma la ricercatrice Julia Lin, della New York University. Nella professione accademica, il numero e la qualità delle pubblicazioni firmate come autore è fondamentale: sono le linee su cui si basa il curriculum si costruisce e si ambisce il credito a progetti e finanziamenti.

Nello studio avevano il ruolo svolto da ciascun ricercatore e il progetto su cui lavoravano, quindi le differenze non possono essere spiegate dalla situazione specifica, poiché il problema si ripeteva a tutti i livelli: le donne avevano meno probabilità degli uomini di firmare, indipendentemente dal fatto che fossero docenti membri, dottorandi o alcuni ricercatori dottorandi, docenti o studenti universitari. Il divario era particolarmente evidente all’inizio della loro carriera: solo 15 su 100 studentesse laureate erano elencate come autrici dello studio, rispetto a 21 su 100 tra gli studenti laureati di sesso maschile.

READ  COVID-19: l'ECG può prevedere il rischio di morte e ricovero ospedaliero

Il più grande divario di brevetti

Analizzando le probabilità di apparire come firmatari in un articolo scientifico, le donne avevano una probabilità inferiore del 13% rispetto alle loro coetanee. Ma il problema è molto più grande quando si concentrano sul mondo dei brevetti, che dà accesso ad altri tipi di vantaggi: le donne hanno il 59% di probabilità in meno di apparire come coautori di un brevetto.

Altri due studi negli ultimi anni si sono concentrati sulla discriminazione nei confronti delle donne nella concessione di brevetti. Nel 2018, uno studio della Yale University ha rilevato che le domande di ricercatrici hanno il 21% di probabilità in meno di essere accettate. Nel 2021 è stato pubblicato uno studio in Scienze ha mostrato che la percentuale di brevetti biomedici concessi alle donne è rimasta stabile al 16% del totale.

Lin spiega via e-mail che, sebbene ci siano molte prove occasionali, intendono condurre il primo studio su larga scala per esaminare il fenomeno. L’aneddoto più famoso è che Francis Crick e James Watson hanno ignorato il contributo cruciale di Rosalind Franklin alla scoperta della struttura del DNA: entrambi hanno vinto il Premio Nobel per la Medicina e sono stati squalificati. Questo è chiamato Effetto Matildeche è stato condannato in una campagna di successo dall’Associazione delle donne e dei tecnologi.

Rosalind Franklin nel ventunesimo secolo

Lo studio rileva che “le prove dell’analisi descritta in questo articolo indicano che Rosalind Franklin non è la sola a non ricevere credito per il suo lavoro”. Conclude: “I dati qui presentati sono coerenti con l’idea che le differenze di genere nella scienza possono essere auto-rafforzanti: il destino subito da Rosalind Franklin e altri come lei ha impedito a molte ricercatrici altamente influenti di entrare nella scienza. Scienza.”.

READ  L'UNESCO e Herbie Hancock annunciano un programma del Jazz Day - Prensa Latina

L’idea che questa discriminazione scoraggi le donne sovraccaricando le loro carriere si trova nei risultati di questo studio pubblicato temperare la natura. Questo lavoro includeva anche un’indagine su 2.400 scienziati e interviste approfondite per comprendere meglio i meccanismi che causano questa discriminazione. Hanno concluso che “le regole per l’assegnazione del riconoscimento erano spesso poco chiare e spesso erano determinate da ricercatori di alto livello”.

“Il ricercatore principale può premiare un membro del team con il co-autore dello studio e ignorare l’altro”.

Raviv Morciano Gurov, Università di Boston

Raviv Morciano Gurov della Boston University, anch’egli coinvolto in questo studio, spiega: “Anche se due persone contribuiscono con la stessa quantità di lavoro a un progetto, il ricercatore principale può assegnare a un membro del team la co-autorietà del progetto e ignorare l’altro “Quando lo abbiamo condotto, le scienziate avevano 10 punti percentuali in più di probabilità di ritenere che i loro contributi fossero ignorati rispetto ai loro colleghi maschi”.

Nello specifico, il 43% delle donne e il 38% degli uomini dichiarano di essere escluse dalla creazione di alcuni lavori e il 49% delle donne afferma che il proprio contributo è sottovalutato, rispetto al 39% degli uomini. la settimana scorsa, progresso della scienza generale Un’indagine su 25.000 ricercatori e scienziati americani, le cui conclusioni corrispondono alla conclusione attuale: gli uomini bianchi eterosessuali hanno privilegi nelle loro carriere scientifiche che diventano ostacoli nel caso di gay, minoranze etniche e donne disabili, all’altro capo dello spettro.

Nelle interviste, i ricercatori hanno sollevato problemi reali come stare alla larga da articoli accademici che avrebbero firmato: temperare la naturaAllo stesso modo, un altro scienziato afferma: “Lasciare il mio lavoro, in cui ero uno dei due più grandi leader, ha notevolmente danneggiato la mia carriera di ricercatore e le mie opportunità di promozioni, posti di lavoro e borse di studio”.

READ  Naturale e ricco di sostanze nutritive

Dati utilizzati in temperare la natura Appartengono a gruppi e studiosi di istituzioni americane. La ricercatrice Julia Lin ammette di non sapere quanto sia estrapolato dal mondo in generale. “Tutto ciò che è disponibile nella maggior parte dei paesi sono aneddoti, sarà necessario che altri paesi investano in dati simili”, si rammarica. Ma aggiunge: “Abbiamo svolto un lavoro preliminare in Spagna che ha dimostrato che è possibile creare tali infrastrutture abbastanza facilmente, Come in Francia“.

In Spagna, nel 2019 sono stati pubblicati i dati di un’indagine sulla discriminazione scientifica: il 46% degli intervistati ha affermato che essere donna li aveva danneggiati nella carriera, mentre solo il 10% degli uomini la pensava allo stesso modo. Il 79% degli uomini ritiene che vi sia parità di trattamento tra i sessi nei propri reparti, rispetto al 55% delle donne.

Puoi scrivergli javier@esmateria.comseguirà problema in FacebookE il Twitter E il Instagramo iscriviti per ricevere Bollettino settimanale.