Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Migliore rispetto all’Italia – El Financiero

Quando si cerca di giustificare la controriforma, si afferma costantemente che se non viene approvata, la Spagna potrebbe parlarci, citando alti tassi. Ma il confronto dovrebbe essere con l’Italia, che ha aperto il mercato elettrico più di 20 anni fa. Enel, un tempo “CFE italiana” è oggi la seconda compagnia elettrica al mondo e lo Stato italiano resta il principale azionista con il 24%. Oggi opera in molti paesi ed è profondamente impegnata nelle energie rinnovabili.

Dopo un mese, in cui venivano pubblicate quotidianamente le ragioni e le argomentazioni circa l’effetto della proposta di controriforma se questa dovesse essere approvata, è arrivata la buona notizia. Pochi giorni fa era stato annunciato che questa decisione sarebbe stata rinviata ad aprile 2022. È una buona notizia perché non è stata approvata in corsia preferenziale come altre iniziative, ma il danno è stato fatto e non è una garanzia che non sarà essere approvato. Nel futuro. Il mistero rimane e l’importanza dell’energia per l’economia e lo sviluppo di un paese significa che gli investimenti in questo settore e molti altri rimangono eccezionali. Perché investire in un Paese in cui le regole stanno cambiando?

L’avviso del rinvio è arrivato dopo che l’ambasciatore statunitense Ken Salazar ha visitato il Palazzo Nazionale per parlare di “serie preoccupazioni” dal Paese vicino. I media hanno attribuito il rinvio di questa visita, anche negli Stati Uniti, a quanto pubblicato da Barrons: “Il Messico ritarda le riforme energetiche dopo le preoccupazioni americane”. È corretto? È stata una coincidenza o ha dovuto piegare le mani agli Stati Uniti per un ultimatum? Qual è la ragione o in che modo il governo è convinto di andare nella direzione sbagliata? Potrebbe essere più sulle decisioni politiche dei negoziati interni tra le parti? Dovremo aspettare qualche mese per vedere come si scatenerà questo romanzo. Un romanzo, lontano dal migliorare lo sviluppo del Paese, ma stagnante e scontento in tutto il mondo, che dimostra che in Messico non siamo interessati a ciò che viene proposto nei forum globali come l’ultima volta a Glasgow. In Messico, siamo più interessati a cercare di salvare un’industria perduta e continuare a inquinare; Che il resto dei paesi eserciti i propri sforzi per prendersi cura del pianeta. Qui continueremo a scommettere sui combustibili fossili.

READ  Draghi dal capo della politica monetaria deciderà sul futuro delle telecomunicazioni | comp

Non ho spazio per elencare tutto ciò che riguarderà il Paese se questa controriforma verrà approvata. Ci sono temi così delicati, dal calo degli investimenti privati, all’impatto economico e ambientale su ogni famiglia. Questo dibattito ha polarizzato la popolazione e la classe politica tra coloro che promuovono ciecamente le 4T e coloro che credono che ci siano strade diverse per progredire. Sono d’accordo con editorialisti come Sergio Sarmiento che ha menzionato il “suicidio energetico”, che ci mette sulla strada giusta per essere il Venezuela. Nonostante ci siano centinaia di colonne sui media contrarie a questa iniziativa, ciò che preoccupa è che non è stato raggiunto alcun fronte comune. Le camere di commercio sono uscite per motivare l’opposizione, ma non c’era nessuna iniziativa che potesse avere uno spazio di ascolto per tutta la popolazione. In questo, Jorge Suarez Velez aveva perfettamente ragione nella sua rubrica: “Y las cupoles”, che il silenzio degli imprenditori sulla “riforma Bartlett” è duro. Non è stato possibile smussare un messaggio da affrontare: “Oxxo paga l’elettricità tre volte meno di un negozio di alimentari”.

Il coordinatore federale del parlamento di Morena, Ignacio Meyer, sta invitando i dirigenti della generazione di energia a partecipare al parlamento aperto, rispetto a quanto ha fatto Zuckerberg al Senato degli Stati Uniti. Sarebbe bene che venissero invitate anche le persone più colpite: i consumatori finali. Questo può essere fatto attraverso le camere degli affari e i consigli dei cittadini, in modo che possano esporre tutto ciò che potrebbe riguardarlo.

In assenza di un fronte comune, ma con disponibilità o almeno tempo per l’analisi e il dibattito, suggerisco agli oppositori di questa iniziativa di proporre il confronto con l’Italia. In mattinata è stato sottolineato che era necessario standardizzare il CFE in modo che non fosse come la Spagna, “dove i prezzi sono alti”. Poche settimane fa, Consar (Commissione nazionale per il sistema di risparmio pensionistico) ha fissato un tetto alle commissioni che Afores potrà riscuotere dal 2022, in base a quanto viene raccolto negli Stati Uniti, in Cile e in Colombia. Così come Consar. Perché non basarsi su casi di successo di mercati dell’elettricità in altri paesi?

READ  CEOE vede un accordo su nuovi ERTE "complessi" | Economia

L’Enel (Ente nazionale per l’energia elettrica), un tempo “CFE italiano”, è oggi la seconda compagnia elettrica al mondo e lo Stato italiano rimane il principale contribuente con il 24 per cento. Oggi opera in molti paesi ed è fortemente impegnata nelle energie rinnovabili; Dal 2004 è inclusa nel Dow Jones Sustainability Index. L’Italia ha liberalizzato il mercato elettrico tra il 1990 e il 2000. Il Messico ha avviato il processo in seguito. Ma ero già sulla buona strada!