Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Michel Rowland, il miglior produttore di vino del mondo: “L’Argentina è troppo complicata per gli investitori stranieri”

Rollad e com’è investire in Argentina

“L’anno prossimo compirò 50 anni per la raccolta del vino”, dice. Michelle Rowland un Infobae. All’età di 73 anni, è ancora una figura iconica nell’industria vinicola globale e per molti è ancora il miglior produttore di vino al mondo. “Sono un vecchio innocuo”, introduce alle risate.

È nato a Pomerol, in Francia, il luogo di nascita del Merlot più famoso al mondo. Suo padre era un produttore e ha studiato liquorologia per poi diventare Enologo volante Più famoso, l’invenzione di questo concetto, infatti, è qualcosa che gli è valso anche pesanti critiche. Questo ha fatto, questo è quello che fa: produce vino e consiglia cantine qua e là. È in produzione da oltre 40 anni Miscele In più di 20 paesi e più di tre decenni fa, raggiunse l’Argentina, dove si innamorò del Malbec locale e divenne uno degli araldi della dinastia simbolica del paese.

Tutti i paesi vogliono investitori, ma se gli rendono la vita difficile, tu non verrai mai. Ci sono sempre una serie di ruoli e una serie di complicazioni. AFIP, che è terrificante per qualsiasi investitore “.

Rollin ricorda la sua prima visita in Argentina, 33 anni fa. Cena al Jockey Club con i fratelli Etchart che lo hanno assunto, e un viaggio divertente senza fine a Cafayate, a Salta, dove quella famiglia è stata piantata con le viti “in un luogo sconosciuto” “Mentre viaggiavo per Quebrada de Cafayate, un posto fantastico, io Mi chiedevo dove si trovassero. I vigneti di questa zona. È stata un’avventura, ma c’erano vigne e vino. Non direi buon vino, ma c’era vino “, ricorda e ride di nuovo.

Se qualcuno all’estero ti chiedesse perché dovresti investire in Argentina, cosa risponderesti?

Non sono un investitore classico, sono un investitore con gusto e spirito. Fin dall’inizio, ho pensato che al Nord, a Caféate, così come a Mendoza, si potevano fare ottimi vini, anche se non soddisfacevano i miei gusti all’epoca, quando arrivai in Argentina. La possibilità era. L’investitore medio non è appassionato, ma ho adorato l’Argentina per la sua gente molto gentile e amichevole. Inoltre, l’atmosfera della Cordillera è eccezionale, da nord a sud. Bariloche e San Martín de los Andes sono posti fantastici. Non direi che è stato un errore, ma non ho considerato tutte le cose che un investitore dovrebbe fare. Sto investendo in Argentina da vent’anni e non ho mai avuto problemi. Viviamo con tutte le difficoltà, ma ne siamo felici. Abbiamo sviluppato Clos de los Siete in breve tempo, nel 2002, e in 15 anni abbiamo costruito un marchio che funziona qui e all’estero. A livello internazionale non è affatto male

L’enologo argentino Malbec e i suoi critici

Com’è il modello di business di Clos de los Siete?

– Negli anni ’90 non mi piacevano molto i vini locali: ero convinto che ci fosse il potenziale per renderli molto buoni. Per fare del buon vino ci vogliono le vigne. Pensavo a 100 ettari, ma abbiamo trovato un posto con una superficie di 850. Ho iniziato a cercare partner, ne abbiamo aggiunti sette e oggi piantiamo più di 600 ettari. Ogni partner ha la propria attività e con tre famiglie fondatrici – Bonnie (Bodega Diamandis), Parent (Bodega Montevigo) e Covelier (Bodega Covellier) – offriamo uva a Kloss. Vendiamo il 25% all’interno dello stato ed esportiamo il restante 75%.

READ  La fiducia economica dell'Eurozona ha subito il suo primo calo quest'anno ad agosto

È facile o non facile fare affari in Argentina?

– Questa è una buona domanda. Non è così facile, non è così facile.

– Perché?

Gli argentini sono un po ‘complicati per gli affari. Questo problema può essere risolto bene con un po ‘di conoscenza della mentalità e delle persone. Ma c’è una gestione terribile che non facilita nulla e questo è un dramma per gli investitori. Siamo qui da più di 20 anni e lo gestiamo ora, ma l’Argentina è troppo complicata per gli investitori stranieri. Tutti i paesi vogliono investitori, ma se gli rendono la vita difficile, tu non verrai mai. Ci sono sempre una serie di ruoli e una serie di complicazioni. AFIP, che è terrificante per qualsiasi investitore, non lo so per gli argentini.

“Il re del mondo a Malbec è l’Argentina. Perché cerchi qualcos’altro? Devi prima sviluppare il Malbec e poi puoi fare molto bene Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc”

Anche per molti.

– Credo di si. Non deve essere molto complicato, ma ehi, è così e devi vivere.

– Nell’industria vinicola locale, si discute spesso se debba essere variegato o mirare direttamente allo sviluppo e alla crescita del Malbec come razza principale. cosa pensi?

L’Argentina è molto fortunata ad avere un’ottima formazione Malbec per la sua posizione e il clima. L’Argentina Malbec ha la sua fama. Perché allora Stati Uniti, Cile e Francia competono nel Cabernet Sauvignon? Con la Francia e l’Italia nel Merlot; O con la Spagna e il Tempranillo. La Spagna non può fare né Malbec né l’Italia. In Francia c’è poco, ma non molto. Il re del mondo a Malbec è l’Argentina. Perché cerchi qualcos’altro? Prima devi sviluppare il Malbec e poi puoi fare molto bene il Merlot, il Cabernet Sauvignon e il Cabernet Franc. Ma non devi uccidere Malbec perché è la bandiera dello stato.

Perché si parla così tanto di diversificazione?

Potrebbe essere un po ‘dovuto alle complicazioni naturali per gli argentini. L’Argentina ha tutto e la vita è complicata. Devi prenderti cura di Malbec perché è il marchio. Se volessero diventare famosi con il Cabernet Sauvignon, avrebbero dei problemi.

L’enologo è arrivato in Argentina per la prima volta in 33 anni

Com’è stato l’anno 2020 per l’industria del vino?

– È stato un anno molto difficile. Gli affari sono cambiati perché il mondo ha chiuso i ristoranti, qualcosa che nessuno immaginava fosse possibile. Ma la gente restava a casa e comprava vino. Le vendite sono aumentate in enoteche e canali come Mercado Libre, e sono molto forti qui e anche in altri paesi. L’esportazione è stata più complicata. L’Asia è stata completamente chiusa e la Cina non ha avuto il normale flusso di vendite. Anche gli Stati Uniti erano complicati. Nonostante tutto, non ha mai smesso di bere. Il mercato locale ha funzionato bene.

READ  Al via il vertice del G20 in Italia con focus su clima, virus ed economia

Come arriverà il 2021?

– Se i ristoranti riaprono normalmente, possiamo trovarci in una zona economica abbastanza buona. Non dobbiamo essere negativi: il vino ha trovato il suo posto durante la pandemia e le persone bevono più a casa che mai, ma quando possono, usciranno di nuovo.

Per 15 anni il suo stile è stato molto criticato. la pellicola Mondovino Lo ha accusato di semplificare il lavoro e di produrre tutti i tipi di vini simili. Cosa ne pensi di seguire queste domande?

Quest’anno festeggerò i 49 anni di raccolto in Francia. Tranne che lo sono ancora. Sono in Francia e sono in Argentina. Molti dei critici di quel tempo sono scomparsi. Sono stato fortunato ad essere il numero 1 … oggi meno perché lavoro molto meno, sono un vecchio. Quando qualcuno ha Comando Per un’attività tutti prendono di mira e vogliono ucciderti. A quel tempo c’erano due tipi dominanti Bob Parker [el creador de la revista Wine Advocate] S Michelle Rowland. Entrambi dovevano essere uccisi e nessuno è stato ucciso. Bob si ritirò molto silenziosamente. Non mi sono ritirato perché non mi piace andare in pensione e sono comunque molto contento di quello che sto facendo. Così è la vita. Le critiche passano e le critiche svaniscono.

“Quest’anno festeggerò i 49 anni di raccolto in Francia. Tuttavia, lo sono ancora. Sono in Francia e sono in Argentina. Molti dei miei critici sono scomparsi”.

In quali altri progetti sei coinvolto oltre a Clos de los Siete?

Lavoro in 22 paesi, ma con la mia squadra. Ho cinque collaboratori che sono miei soci da un anno. L’Argentina è una regione importante. Anche gli Stati Uniti. In Francia e in Italia abbiamo molte cose.

E quale faresti meglio finanziariamente?

– Potrebbe essere in Italia. Gli italiani mi uccideranno, ma non hanno una produzione di alta qualità. Hanno ottimi vini, ovviamente, ma non molti ottimi vini. La sua gamma media è molto forte ed è aiutata dalla cucina italiana conosciuta in tutto il mondo. L’Argentina funziona, ma il pagamento e l’inventario sono complicati. Allo stesso modo, ci sono alcuni giocatori locali che stanno andando molto bene nel mondo.

Qual è il miglior vino argentino che tu abbia mai bevuto?

– Il primo vino che mi ha colpito è stato il Cavas de Weinert 1977. Non c’è fortuna o miracolo dietro un grande vino. L’uomo è importante, ma non così tanto. La cosa più importante è la diversità del suolo e del clima.

“L’Argentina funziona, ma il pagamento e l’inventario sono complicati. Allo stesso modo, ci sono alcuni attori locali che stanno facendo un ottimo lavoro nel mondo”.

– e cosa?

– Tanto. Nel 2002 ho scritto un libro sul vino argentino. La prima edizione era di 150 vini con 210 degustazioni, cioè ne ho cancellati circa 50 perché non mi andavano bene. Due anni dopo, ne abbiamo fatto un altro e abbiamo incluso 250 vini esclusi 20 vini. Nella terza edizione del libro, abbiamo messo insieme quasi 400 e pubblicato solo 5 vini. È eccezionale.

READ  Il 35% delle aziende lattiero-casearie in Spagna ha chiuso i battenti negli ultimi sei anni a causa della crisi dei prezzi

I buoni vini sono fatti in Cina?

– Non ancora. Ma funzionano.

– Hai un lavoro lì?

Sì, sono un consulente per Cofco che ha vigneti in diverse regioni. Fanno bene, ma hanno un problema meteorologico che non può essere modificato. Il clima della Cina è un po ‘estremo e ai vigneti non piacciono molto i climi rigidi. Sappiamo come fare del buon vino in Cina, ma il migliore è quello che si può replicare. Il Un colpo Non funziona e la Cina è ancora complicata al riguardo.

“La verità è che i politici non aiutano. Se aiutano a esportare invece di complicare tutto, se l’anima si apre un po ‘, l’Argentina può avere uno spazio eccezionale nel mondo”.

I baristi, i produttori di vino, gli intenditori e i critici esagerano quando parlano troppo nelle note di degustazione dei sapori, degli aromi e dei gusti che trovano nel vino?

Sì, è un po ‘sopravvalutato. Spesso gli esperti non sono così esperti. Le persone hanno bisogno di informazioni, ma molti barman e giornalisti hanno le proprie idee forti. Questo non funziona, i loro gusti non dovrebbero essere così esposti. È un problema crescente e in molti casi manca anche l’umiltà.

Come immagini la vinificazione dopo 10 anni?

Devo prestare attenzione alla mia risposta perché dopo 10 anni potrebbe ancora esserlo. A 20 anni, non lo so (ride). C’è un grande consumo di vino nel mondo e la concorrenza è molto forte. Ci sono molti paesi produttori e dobbiamo fare le cose bene in termini di qualità, marketing e distribuzione. Il mercato c’è e ci sarà. Il consumo pro capite della Cina è molto basso e la strada da percorrere è ancora lunga. Alcuni mercati, come Francia e Italia, sono leggermente arretrati negli ultimi cinque anni, ma a livello internazionale c’è una crescita e avverrà nel prossimo decennio. Sarebbe un problema, ad esempio, se il vino fosse considerato dannoso per la salute, a causa dell’alcol o dello zucchero che alcuni contengono. Tra 10 anni il vino sarà ancora un buon affare.

– E in Argentina?

– L’azione locale è molto buona. Abbiamo sentito lo shock del 2000, poi la crisi del 2008 e ora l’epidemia. Ogni 10 anni abbiamo qualcosa che funziona contro di noi. La verità è che i politici non aiutano. Se aiutano con le esportazioni piuttosto che complicare tutto, se l’anima si apre un po ‘, l’Argentina potrebbe avere uno spazio enorme nel mondo.

Continuare a leggere:

Bitcoin è precipitato sotto i $ 50.000 dopo che il piano di Biden di tassare i ricchi è stato rivelato
Dichiarazione difficile da detentori di obbligazioni regionali: “Il governatore Kisilov e il suo team hanno fermato la politica”.
Continuano i tagli e le perdite a Vaca Muerta: le compagnie petrolifere analizzano le denunce