Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Danimarca e Italia sono gli ultimi ostacoli che Calviño deve affrontare nella sua candidatura a membro della Banca Europea per gli Investimenti

Danimarca e Italia sono gli ultimi ostacoli che Calviño deve affrontare nella sua candidatura a membro della Banca Europea per gli Investimenti

Sembrava ovvio, ma no; Sebbene Nadia Calviño, primo vice primo ministro dal luglio 2021 e ministro dell’Economia dal giugno 2018, sembrasse la candidata principale alla guida della Banca europea per gli investimenti, la Danimarca si è messa sulla sua strada. Confermando il suo sostegno alla sua candidata, Margrethe Vestager.

nomina Calvino È stato approvato dal ministro delle Finanze belga. Vincent van Petegemche attualmente sta guidando il processo di selezione per il nuovo presidente della Banca europea per gli investimenti.

“Il Belgio, che attualmente funge da mediatore, ci crede Calvino Raggiungere la presidenza e raggiungere un compromesso”. Ma, Il sostegno del Belgio a Calviño non garantisce il suo successo.

Sembra che l’ostacolo più grande sia la Danimarca, rappresentata dal ministro dell’Industria, Morten Budskov, Ha ribadito il suo sostegno a Margrethe VestagerUna figura di spicco della politica europea.

Podskov Ha dichiarato: “La Danimarca continua a sostenere Margrethe Vestager come nuovo presidente della BEI. Il governo danese ha ripetutamente affermato che vogliamo una rapida chiarezza sul futuro presidente della BEI. Lo comprendiamo”. Lo ha chiesto anche Margrethe Vestager. Ha aggiunto: “Il Belgio è responsabile dell’organizzazione dell’operazione e ora gli abbiamo chiesto chiarimenti”.

Supporto non confermato

Le sue parole Intralciano la strada di Calvino Ciò riflette la profonda divisione tra i membri dell’UE su chi dovrebbe guidare la Banca europea per gli investimenti. nonostante Calviño ha ricevuto un grande sostegno dal cancelliere tedesco Olaf ScholzQuesto sostegno è stato espresso con riserve e alcune altre condizioni.

Ad esempio, durante l’incontro dei socialisti europei a Malaga, Schultz ha espresso il suo sostegno a CalviñoMa il ministro dell’Economia incaricato del voto sembra preferirlo Vestager.

READ  I franchising spagnoli crescono di quasi il 6% nel 2023 all’estero, guidati da moda e cibo

La candidatura di Calviño risente anche della percezione che ha del gesto Van Petegem era molto più che un semplice tentativo di sbloccare il processo È un segno di sostegno decisivo. la ragione? Calvino Non ha ancora il sostegno garantito di 18 paesi, che è il minimo necessario. Inoltre, ci sono almeno altri dieci paesi, Paesi tra cui Italia e Polonia hanno criticato la mossa del Belgio.

L’Italia, in particolare, ha un suo candidato, Daniele Franco. Ma se questo fallisce, Il governo danese sceglierà Meloni Vestagerrapire Calvino Supporto importante.

viene scelto, Calviño ha bisogno del sostegno di almeno 18 dei 27 Stati membri dell’UE, che rappresentano almeno il 68% del capitale della banca. In questo contesto, il sostegno non ancora espresso, soprattutto quello della Francia, acquista un valore importante nei delicati equilibri di potere dell’Unione Europea.

Lui è Pedro Sanchez Chi affronta la sfida di negoziare questo sostegno. Sul tavolo anche la futura sede dell’agenzia antiriciclaggio, tanto desiderata da Madrid. Tuttavia, la stessa Calviño ha sottolineato che si trattava di “due processi non correlati” quando le è stato chiesto se sarebbero stati usati come merce di scambio per garantire la sua candidatura alla BEI. Anche altre capitali, come Parigi, aspirano ad accoglierlo.

Questa manovra avviene dopo le elezioni Claudia Buch, Dalla Germania, alla guida del Meccanismo di Risoluzione Unico (SRM), che ha lasciato dietro di sé un’altra candidata spagnola, Margarita Delgado..

La possibilità che Madrid ceda alla Germania la propria candidatura a sede della lotta antiriciclaggio, consentendo a questo paese di ottenere la presidenza del Meccanismo di risoluzione unico e dell’Agenzia europea antiriciclaggio, potrebbe portare a La Germania si è assicurata due posizioni chiave nell’architettura finanziaria europea.

READ  La Spagna ha chiuso il 2020 con il più grande deficit dell'Unione Europea e il quarto più grande debito

Inoltre, a Madrid si teme l’impatto della perdita della sede della LRD, come è implicito Perdita di posti di lavoro e potenziale prestigio Come centro finanziario rispetto a città come Francoforte e Parigi.