Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le piccole imprese si riprendono nell’UE ma non ancora in Spagna

  • I numeri dei rivenditori spagnoli iniziano a riprendersi con l’estate, ma sono ancora al di sotto dei livelli estivi prima dell’epidemia di virus.

il Al dettaglio Si tratta di un settore in tutta l’Unione Europea (Unione Europea) si è ripresa e ha già superato i livelli di vendita registrati nell’estate precedente la pandemia. Tuttavia, individualmente, non tutti i 27 paesi del club possono dire lo stesso e la Spagna è uno dei mercati che vende ancora meno di due anni fa. Ciò è confermato dai dati aggiornati questo mercoledì da Eurostat, sebbene riflettano una prima accelerazione degli affari spagnoli con l’inizio dell’estate.

Il settore “retail” ha venduto a giugno, ultimo dato aggiornato da Eurostat, nell’insieme dell’Unione Europea, il 6,3% in più di quanto venduto a giugno 2019. In ripresa dopo la paralisi e la flessione causata dal Corona virus, l’attività nei negozi di abbigliamento , artigianato, musica, piccoli elettrodomestici, ecc. Sono in aumento da due stagioni. Già nel 2020 i numeri delle economie più resilienti del “Vecchio Continente” mostravano maggiori vendite e il buco a lungo termine per mercati come Germania NS Francia. Altri, come Portogallo, nell’estate del 2020 stavano ancora incontrando le ricadute del coronavirus, ma questo li ha lasciati davvero indietro e ha assunto più fattura rispetto al 2019. Poi c’è un terzo gruppo, che conta in Spagna NS Italia, che continua a vendere meno di prima del virus.

A giugno, le aziende dedicate alla vendita al dettaglio vendute in Spagna hanno registrato un fatturato inferiore del 3% rispetto a giugno 2020. I numeri sono migliori rispetto all’estate del 2020, quando le vendite erano inferiori del 4,5% ai livelli pre-COVID, ma non ancora in grado di recuperare questo livello . Il commercio è stato uno dei settori particolarmente colpiti – insieme all’industria alberghiera e, in larga misura, alla vita notturna – a causa delle restrizioni sanitarie attuate dalle autorità spagnole per arginare l’infezione da coronavirus. In Catalogna, ad esempio, il commercio al dettaglio ha attraversato parte dell’inizio dell’anno senza poter aprire nei fine settimana e con limitazioni di capacità.

READ  Mercato Trinidad: economia circolare a un prezzo competitivo

Notizie correlate

Anche l’occupazione non è migliore di quella del 2019

I dati per gli addetti al settore puntano in una direzione simile a quella delle vendite. Secondo i dati della previdenza sociale, a giugno in Spagna lavoravano nel settore del commercio al dettaglio 1,89 milioni di persone, un numero leggermente superiore rispetto all’estate del 2020 (1,84 milioni di lavoratori); Ma è ancora inferiore ai tassi di occupazione dell’estate 2019, quando c’erano 1,94 milioni di lavoratori attivi. A cui va aggiunta almeno una parte dei dipendenti interessati dalla pratica del Regolamento del Lavoro Temporaneo (ERTE), poiché le aziende non possono – né per vincoli né per mancanza di domanda – reintegrarli nell’esercizio. Secondo gli ultimi dati, ci sono attualmente 28.661 operatori di hash in tutta la Spagna nei file di commento. Questi rappresentano l’8% del totale interessato da erte.