Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna propone all’Unione Europea di condurre un monitoraggio annuale della situazione sociale e lavorativa in ogni paese | Economie

Il primo ministro Pedro Sanchez dopo il vertice iberoamericano di questa settimana a Soldeu (Andorra).Balestra / EFE

La Spagna ha proposto all’Unione Europea la creazione di un quadro di monitoraggio per indicatori di politica sociale e del lavoro simili a quelli applicati nella politica fiscale (il Patto di stabilità) e per gli squilibri macroeconomici. Il nuovo accordo fisserà obiettivi quantitativi e includerà un meccanismo di allarme che verrà attivato una volta che la situazione del paese si deteriorerà o quando verrà rilevata una minaccia. dumping il lavoro.

La proposta è stata firmata dal governo di Pedro Sanchez con il governo del Belgio, guidato dal liberale Alexandre de Crowe. Il documento è stato trasferito a Bruxelles e in altre capitali europee in preparazione del vertice europeo previsto per il 7 e 8 maggio a Porto. Sia la Commissione europea che il Portogallo, che detiene la presidenza del semestre dell’Unione europea, sperano che da quell’incontro emerga un’agenda che garantisca che la ripresa economica post-pandemia integri una dimensione sociale significativa accanto agli obiettivi ambientali e digitali già fissati.

maggiori informazioni

Alfabeto spagnolo belga (definito come Carta informale In gergo diplomatico) afferma che “il pilastro europeo dei diritti sociali è una bussola cruciale per l’occupazione, l’istruzione e le politiche sociali”. E ritiene che “la sua attuazione debba essere accelerata a causa della crisi del Covid-19 e della trasformazione green e digitale in fase formativa”.

Il cosiddetto pilastro dei diritti sociali è stato concordato al vertice di Göteborg nel 2017 e ha sviluppato 20 principi guida su pari opportunità, accesso al mercato del lavoro, condizioni di lavoro eque, protezione sociale e inclusione. Ma per ora, questa colonna non è altro che una dichiarazione di buona volontà con poco o nessun viaggio.

READ  Draghi ha un piano di ripresa italiano

La crisi sanitaria ha distrutto anche l’economia di gran parte dei paesi europei, e si teme che lasci un residuo spaventoso di impoverimento ed esclusione sociale. Bruxelles teme che la divisione del lavoro e delle condizioni sociali nell’era post-pandemia possa mettere a repentaglio le prestazioni del mercato interno, richiedendo una certa convergenza economica tra i suoi partner.

Più crescita sociale

Spagna e Belgio ritengono che questi rischi debbano essere affrontati immediatamente, trasformando il pilastro in uno strumento che “bilancia le politiche economiche e il mercato unico con una strategia di crescita più sociale e sostenibile”. Per raggiungere questo obiettivo, i governi Sanchez e de Crow hanno proposto di introdurre “nuovi obiettivi sociali” legati a obiettivi economici che potrebbero essere rivisti ogni cinque anni.

Il nuovo patto sociale fisserà anche obiettivi quantitativi in ​​aree specifiche del mercato del lavoro come la qualità del lavoro, il divario salariale tra uomini e donne o la pulizia e la sicurezza sul lavoro. Gli obiettivi quantitativi si estenderanno anche ad aree della politica sociale ed educativa come il numero di senzatetto, abbandoni scolastici o accesso a prezzi accessibili a servizi di qualità. In quest’ultimo ambito, la cura dei bambini, ma anche degli anziani, è stata esplicitamente citata, come in precedenti occasioni, un capitolo che ha acquisito importanza dopo l’elevato tasso di mortalità per epidemia nelle case di cura, tragedia che ha colpito Spagna e Belgio con grande forza.

La proposta prevede anche l’istituzione di un “meccanismo di allerta”, la cui attivazione porterebbe ad un’indagine approfondita della situazione sociale e lavorativa nel Paese, ove ritenuto necessario. Questi strumenti di monitoraggio sono già in atto nel settore degli squilibri macroeconomici ei partner dell’UE sono soggetti a test approfonditi in cui, ad esempio, è stato osservato un disavanzo o un avanzo delle partite correnti molto ampio, un eccessivo affidamento sugli investimenti internazionali e una tendenza sproporzionatamente al rialzo del costo del lavoro in relazione alla produttività o all’enorme indebitamento del settore privato. Nell’ultimo esercizio di revisione (2020), Bruxelles ha esaminato 10 paesi (tra cui Spagna, Germania o Francia) e ha posto sotto osservazione i tre paesi con i maggiori squilibri (Italia, Grecia e Cipro).

READ  La Spagna presenta mercoledì il suo piano di ripresa alla Commissione europea

La Spagna e il Belgio ritengono che d’ora in poi lo stesso monitoraggio debba essere applicato agli indicatori sociali e del lavoro, il che rafforza anche il loro controllo nei cosiddetti Semestre europeo (L’esercizio annuale di definizione del bilancio per ciascun paese in attuazione del Patto di stabilità).

Il rafforzamento del pilastro sociale, secondo i due Paesi, dovrebbe essere fondamentale nella gestione della NextGeneration EU, che da quest’anno distribuirà 750.000 milioni di euro tra sussidi e prestiti per mitigare gli effetti dell’epidemia. .

Il testo spagnolo-belga chiede anche la visione a lungo termine dell’UE dei mercati del lavoro e dell’ambiente sociale dal vertice di Porto che probabilmente cambierà a causa dell’impatto del COVID-19. Il documento chiede di promuovere l’apprendimento continuo, stimolare l’integrazione di nuovi metodi di lavoro e rafforzare i diritti del lavoro e i sistemi di sicurezza sociale.

La Spagna e il Belgio sostengono inoltre il mantenimento della sospensione del Patto di stabilità fino al superamento della crisi. Ha approfittato dell’esperienza di successo del programma Sure (100.000 milioni di euro di prestiti per finanziare i sistemi di lavoro temporaneo durante la pandemia) per sviluppare un’assicurazione contro la disoccupazione europea “che contribuisce alla stabilità economica e alla solidarietà”. L’Europa post-Covid sta emergendo.