Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Luoghi da sogno nelle Alpi: il Nord Italia aspetta i viaggiatori

Il primo espresso italiano, un aperitivo sul Lago di Carta o la brezza di montagna a Bolzano: tanti hotel e ristoranti del nord Italia aspettano i turisti.

Antonio Martinelli, sindaco di Limon Sulcardo, 61 anni, ha dichiarato: “Siamo ben preparati e siamo molto contenti che la sua bella struttura si trovi sulla sponda occidentale del più grande lago italiano.

La baia di Limon, protetta dal vento, e la bellissima città vecchia hanno fornito riparo a 1,3 milioni di persone l’anno prima dell’epidemia. Entro il 2020, il numero di visitatori diminuirà drasticamente. Tuttavia, secondo Martinelli, 600.000 hanno pernottato nelle prime fasi.

Nonostante l’acqua del lago sia ancora un po’ fredda da sommergere, le aziende si stanno preparando a questa nuova fase e ai primi visitatori. “Ma portare un po’ di sole va già bene”, dice il sindaco.

Il lago Carta, a volte indicato come la “vasca da bagno preferita dai tedeschi” a causa del numero di turisti provenienti da quel paese, ha intensificato le critiche al turismo di massa prima dell’epidemia. Ora, i funzionari sono contenti dell’arrivo dei passeggeri.

In città come Riva del Carta o Nago-Torpole del Trentino non c’è bisogno di un test Kovit negativo per entrare in un ristorante o in un albergo, al contrario di quanto accade, ad esempio, in Alto Adige.

Il Lago di Corta fa parte delle province italiane di Venezia, Lombardia e Trentino.

Dopo la rimozione del dazio isolato in Italia, il viaggio divenne più facile. Tuttavia, ci sono alcune cose da tenere a mente. Il numero dei contagi è in calo, ma è ancora alto.

L’Italia attualmente richiede che chiunque entri nel paese presenti un test del virus corona negativo che non duri più di 48 ore, che può essere per antigeni o PCR. Inoltre, sarà necessario compilare un modulo di iscrizione. Questo deve essere fatto online prima di viaggiare.

READ  Iran: nessun incidente, vittime o inquinamento alla centrale nucleare

I circoli del Lago di Carta e le località turistiche dell’Alto Adige assicurano ogni giorno più posti letto per i turisti. “Soprattutto sulla strada del vino a Calzaro Lago, Merano e dintorni e Vol Venosta, nelle zone intorno a Bolzano, Bresnano e dintorni”, ha affermato ITM Turismo. “Ci aspettiamo un buon inizio di stagione”.

Le regole per il corona virus in Alto Adige sono leggermente diverse. Lì, non solo la gastronomia all’aperto funziona, ma all’interno può partecipare chiunque presenti un test negativo, non solo gli ospiti del rispettivo hotel.

Per questo l’Alto Adige ha uno speciale “Passaporto governativo”. Questo è necessario per accedere a molti luoghi, ad esempio teatri, musei e terme. Anche se questo può sembrare un po’ complicato, le autorità incoraggiano l’autoesame nazista certificato in quanto fornisce una protezione aggiuntiva, che è gratuita. “Stiamo già lavorando per fornire i test direttamente negli hotel”, afferma ITM.

Chi è già stato vaccinato o può dimostrare di aver superato la malattia non ha bisogno di questo passaporto.

dpa