Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Alida Valli, un talento italiano

Abbiamo celebrato il centenario di una delle migliori attrici europee del dopoguerra, Alida Valli, Andata nel dimenticatoio anno dopo anno, per strani motivi, l’attrice, che ha lavorato con Carol Reed, Hitchcock, Viscondi o Bertolucci, e altri grandi registi, Sembra che anni dalla società cinematografica l’abbiano distrutta. Attrice di grande talento, è stata per molti anni l’epitome del cinema italiano.

Alida Maria Laura von Aldenberger, conosciuta anche come Alida Valli, è nata a Pola, in Italia, ed è morta a Roma, in Croazia, oggi, 31 maggio 1921, ed è morta il 22 aprile 2006, nipote dalla sua nascita. Suo padre era il nipote trentino Gino Aldenberger e sua madre Sylvia Obrecker, pianista, e suo nonno paterno era il barone austro-italiano Luigi Aldenberger di Trento, discendente di Arco.

Fin da giovane è affascinato dalla recitazione e dalla partecipazione a spettacoli teatrali di beneficenza fin dall’età di 8 anni. A 13 anni inizia a lavorare nel cinema, attraverso un centro di cinematografia a Roma, in film come ‘Il cappello a tre angoli’ di Mario Camerini (1934), o ‘I due sergenti’ (1936). ). Nel 1942, ha fatto il suo debutto come attore in ‘Little Ancient World’, per il quale ha vinto il Best Performance Award al Festival di Venezia.

Nello stesso anno, in uno dei classici del cinema italiano degli anni ’40, Cofredo pubblica la commedia di Alessandrini ‘Attraverso i Macts’, adattamento del famoso romanzo di Ayn Rand ‘La Primavera’, in cui Alita Valli ha prodotto la sua migliore interpretazione. Tuttavia, dopo il film, l’alleanza dell’Italia con la Germania nella seconda guerra mondiale, il militante antifascista Valli, Smettila di fare film per evitare che il governo italiano lo usi come propaganda fascista. Ha dovuto nascondersi per lo stesso motivo, impedendole così di essere arrestata. Nel 1944 sposò il musicista Oscar de Mejo, dal quale ebbe due figli, dal quale divorziò nel 1952. Nello stesso anno fu coinvolto nello scandalo Wilma Montesi, in cui una giovane donna morta in una strana situazione ad Ostia sconvolse l’alta società italiana dell’epoca con il suo uso di droga e sesso, coinvolgendo il figlio dell’allora straniero italiano ministro e Alibaba Alida. Ciò potrebbe significare che le rovinerà la vita, ma presto è partita per Hollywood, dove è poco conosciuta.

READ  Vendita aprile 2021, Italia: dati generalmente negativi

David O’Brien ha recitato insieme a Greta Beck ed Ethel Barrymore in “The Paradise Process” di Alfred Hitchcock (1947). Chelsnick è stato assunto lì, inizialmente in un ruolo per tornare allo schermo di Creta Corpo. Gli studi di Hollywood hanno cercato di presentarla come il “nuovo carbo”, cosa che non le è piaciuta molto, quindi è tornata presto in Europa. Termina il suo soggiorno a Hollywood con ‘Il miracolo delle campane’ (1948), Irving Fitzgerald e il dramma di arrampicata ‘La montagna triste’.

Nel 1949 ha recitato nel Regno Unito, che è stato il suo miglior film, “Terzo uomo” Carol Reed, insieme a Orson Welles e Joseph Cotton. Immigrato tra Francia e Italia, gira al comando di Luccino Viscondi ‘Cenzo’ (1953), dove si innamora del suo co-protagonista Barley Gruncher, ‘El Gritto’ di Michelangelo Antonioni (1957). l’americano Steve Cochran; “Occhi senza volto”, di Georges French (1959). Nel 1960, ha interpretato la madre di un convento nel film ‘Dialoghi dei Carmelitani’, che era una ghigliottina durante la Rivoluzione francese, e con quindici suore carmelitane. Nel 1961 ha recitato insieme a Rita Howard e Rex Harrison in un ruolo minore nella commedia di rapine “The Last Blackmail”. Si interessa molto alle opere che sceglie e, senza accettare tutto ciò che gli capita, si mette nelle mani di Pierre Paulo Pasolini in ‘Edibo Ray’, secondo la tragedia di Sofocle (1967) con Silvana Mangano e Franco City; il classico horror di oggi ‘Suspria’ di Tario Argento (1977); Lo spettacolo teatrale “Strategia del ragno” (1970), “Novesento” (1976) e “La Luna” (1979), tutti e tre di Bernardo Bertolucci. ‘Non è niente, mamma, solo gioco’ nel cinema spagnolo nel 1974 sotto Jose Maria Forgu.

READ  L'Italia è sulla buona strada per un'apertura completa, scendendo sotto i 4.000 casi di coronavirus in un solo giorno

Dedicata al cinema fino a pochi anni prima della morte di Alida Valli, ‘Un mese al lago’ di John Irwin (1995) è stata una delle sue ultime apparizioni, dove è diventata famosa con Vanessa Redgrave e Uma Thurman. Ha ricevuto il Leone d’Oro per la sua intera carriera cinematografica al Festival di Venezia del 1997. Ha avuto una vita attiva in teatro con le opere di Byrndello, Jean Cocteau, Sezov, Shakespeare o Tennessee Williams. L’attrice è morta il 22 aprile 2006 all’età di 84 anni.