Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Unione Europea sta cospirando per fissare un tetto al prezzo del gas entro la fine dell’anno

Giovedì i ministri europei dell’energia hanno respinto quasi all’unanimità la proposta della Commissione europea di creare un meccanismo di correzione contro i prezzi del gas fuori controllo. Ironia della sorte, il testo bocciato, che fissa il tetto a 275 euro al kWh con condizioni di attivazione quasi impossibili, apre la strada a un accordo europeo in questa direzione.

Il fatto che sul tavolo ci sia una proposta legislativa sta finalmente avviando il dibattito su uno strumento che quindici paesi, guidati da Spagna, Francia e Italia, chiedono da marzo. E nonostante questo blocco si sia alzato giovedì e si sia rifiutato di dare il via libera ad altre due iniziative di emergenza per affrontare la crisi energetica su cui c’è già consenso (una sulle misure di solidarietà e l’altra sulla promozione delle rinnovabili), i ministri europei dell’Energia hanno fatto proprio questo. Ha promesso di approvare le tre proposte in un altro consiglio straordinario alla fine dell’anno.

progresso

“Non stappiamo lo champagne ma mettiamo la bottiglia in frigo”, festeggia la presidenza dell’Unione Europea

Nonostante la riunione si sia conclusa senza accordi, “l’importante è che tutti i ministri siano partiti da Bruxelles con l’obiettivo comune di allineare le proprie posizioni il 13 dicembre”, ha sintetizzato a nome della presidenza il ministro dell’Industria ceco, Josef Sekela. per il consiglio. Sekela era convinto che la Germania alla fine avrebbe sostenuto un compromesso e che non avrebbe dovuto essere approvato a maggioranza qualificata. “Non riesco a immaginare altro che unanime, la posta in gioco è troppo alta”.

Descrivendo l’approccio presentato dalla Commissione come uno “scherzo” e un “brutto scherzo”, anche la vicepresidente per la transizione ambientale Teresa Ribera ha espresso ottimismo sul fatto che si possa raggiungere un accordo il 13 novembre, quando è possibile che il quinto incontro straordinario sull’energia si svolgono finora quest’anno. .

READ  Il debito pubblico italiano ha raggiunto i 2,6 trilioni di dollari nel 2021, il 150% del PIL


Leggi anche

Luis Federico Florio, Pilar Blazquez

“Non ho dubbi che dobbiamo essere ragionevolmente ottimisti e che la solidarietà, l’unità e la flessibilità prevalgono per raggiungere un consenso finale”, ha detto Ribera alla stampa al termine dell’incontro. La maggioranza ha votato e “l’agenda è stata riequilibrata”. “Ci sono Paesi che hanno chiesto di essere ascoltati, di non essere ignorati… Quando ci sono 15 Stati membri che chiedono una proposta con queste caratteristiche, meritano di essere presi in considerazione”.

Nonostante il loro rifiuto delle variabili messe in campo dalla Commissione Europea per far scattare il meccanismo di correzione dei prezzi (quel kWh scambiato a più di 275 euro per due settimane e un differenziale di 58 euro rispetto ai mercati globali, condizioni in senso stretto. Non sono state consegnate anche in agosto, quando è arrivata la luce (ai documenti storici) i governi di Spagna e Francia erano grati che Bruxelles avesse messo sul tavolo un documento. La negoziazione dei dettagli è ormai nelle mani dei tecnologi degli Stati membri.


Leggi anche

Beatrice Navarro | Bruxelles

Orizzontale

Ribera ha evidenziato che “una volta che il comitato ha presentato la sua proposta, ora non è il caso, ma la presidenza del Consiglio, che ha il potere di formare iniziative che portino al consenso”. Secondo lui si può raggiungere un accordo su una formula che non fissa un prezzo fisso ma un riferimento dinamico piuttosto che un riferimento fisso, il che è abbastanza auspicabile e poi fa salire i prezzi.

READ  I migliori medici raccolgono 11,2 milioni da Impact Fund

Lotta di atteggiamento

Spagna, Francia, Italia e altri paesi sono rimasti a guardare e hanno ritardato l’approvazione delle restanti misure di emergenza europee

Tuttavia, le discussioni hanno confermato che esiste un sostegno sufficiente per l’attuazione di altre misure di emergenza recentemente introdotte dalla Commissione europea, una delle quali è quella di rafforzare gli accordi di solidarietà tra paesi per evitare interruzioni di corrente, tra cui la creazione di una piattaforma per gli acquisti congiunti di gas , e un altro per accelerare la concessione di autorizzazioni per l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

Il governo tedesco ha concluso che la proposta va “nella giusta direzione” e si è dichiarato “pronto a negoziare”, ma il ministro degli Esteri Sven Gigold ha avvertito che “se il tetto è eccessivo, le forniture si esauriranno” perché i mercati asiatici saranno più attraenti Inizia ora un intenso periodo di negoziati: se il piano della presidenza ceca avrà successo, l’Unione europea adotterà entro la fine dell’anno un nuovo arsenale di misure per proteggersi dalle fluttuazioni e dai prezzi elevati del gas il prossimo inverno.
Il frigorifero”, ha riassunto Sekila con ottimismo.