Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

OCSE: i regimi fiscali devono soddisfare gli obiettivi climatici

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha invitato i paesi ad allineare i propri sistemi fiscali agli obiettivi climatici, nell’interesse della lotta ai cambiamenti climatici.

“I sistemi fiscali devono essere allineati con gli obiettivi climatici e possono contribuire alla riduzione delle emissioni di carbonio determinando l’inquinamento dei prezzi, sostenendo alternative e mitigando gli impatti distributivi negativi associati alla politica climatica”, ha affermato Matthias Cormann, segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nella relazione ai ministri delle finanze del G20. . e banchieri centrali, che si incontreranno il 9 luglio a Venezia, in Italia.

Secondo il rapporto, la finestra per evitare pericolosi punti critici climatici si sta chiudendo, quindi è necessario agire per evitarli. Per questo è necessario affrontare il problema in una prospettiva multilaterale, che a sua volta genererebbe maggiore certezza sia per gli investimenti che per la crescita globale dopo la pandemia di Covid-19, che ha causato il calo del PIL mondiale e ha visto molti Paesi aumentare il proprio debito.

Ho incontrato il segretario generale dell’OCSE, lanciato di recente, @MathiasCormann. Tra pochi giorni ci rivedremo agli incontri del #G20 in Italia, dove il tema principale sarà l’approvazione della tassa minima globale, progettata con il pensatore alla guida dell’#OCSE”.

Arturo Herrera

Tweet incorporato

“L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico è pronta a facilitare il dialogo e la cooperazione internazionali e a costruire ponti tra paesi e regioni che adottano approcci politici diversi sulla strada per raggiungere le emissioni nette zero”, ha affermato.

Ha osservato che quasi il 60% delle emissioni globali di carbonio rimane non tassato, mentre i sussidi ai combustibili fossili continuano a indebolire gli incentivi per ridurre le emissioni.

READ  Liste chiuse in Italia: neonazista, presidente della Lazio, critico d'arte

Il Perù ha aderito alla tassa minima globale

Per quanto riguarda la tassa minima globale, il Segretario generale dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico ha indicato che la discussione sulla questione dovrebbe continuare il 9-10 luglio, quando si terranno gli incontri con i ministri delle finanze del G20.

Ha riferito che da quando l’approvazione di questa tassa è stata annunciata il 1 luglio, il Perù ha deciso di unire 130 delle 139 giurisdizioni e stati nel quadro generale, quindi ora ci sono 131 giurisdizioni.

“Questo successo storico si basa su tutto il lavoro svolto sotto la sua guida negli ultimi 10 anni per garantire una maggiore trasparenza e uguaglianza nel sistema fiscale internazionale attraverso l’adozione e l’attuazione di standard per la trasparenza fiscale e l’erosione di base e il trasferimento dei benefici. (BEPS, per il suo acronimo inglese). Come risultato dei loro sforzi, il campo della tassazione internazionale è diventato l’alfiere del pluralismo”, ha affermato Corman.

L’accordo dovrebbe essere finalizzato il prossimo ottobre e quindi il quadro per la sua attuazione inizierà nel 2023.

L’ultimo e partiamo

Le riunioni dei ministri delle finanze del G20 saranno l’ultima apparizione di Arturo Herrera come ministro delle finanze del Messico, poiché lascerà il suo incarico, in tal caso, per essere ratificato dal Senato della Repubblica come prossimo governatore della Banca del Messico (Banxico) . Al suo posto entrerà Rogelio Ramirez de la O.

Attraverso Herrera Gutiérrez, il Messico ha sostenuto le tasse minime globali e negli ultimi anni ha persino accettato di attuare misure per adattare il quadro finanziario all’economia digitale, per le quali è stato possibile riscuotere l’imposta sul valore aggiunto sulla fornitura e vendita di servizi attraverso il Internet, oltre che alle entrate fiscali Per quelle persone che generano reddito attraverso queste app.

READ  L'economia delle Canarie è scesa del 15% nel primo trimestre dell'anno

All’incontro con il G20, il Messico arriverà con il secondo legame legato agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (ONU), rafforzando così il proprio impegno verso gli obiettivi dell’Agenda 2030 adottata nel 2015.

ana.martinez@economista.mx