Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’incredibile storia del condannato che non ha pagato per prendere un taxi da Buenos Aires

Prima storia dipendente Dai tribunali regionali di Rosario, che l’hanno condannata a un anno e mezzo di reclusione con la condizionale per aver frodato un tassista di Buenos Aires che non ha pagato il viaggio dalla capitale federale a Rosario e per insabbiare il furto dell’auto ha molte caratteristiche . nato in Cina, è salito al potere giudiziario Per concorso nel 2016, ha lavorato in Tribunale Dalle istruzioni, ha svolto due lavori ed è finito nel file perché Non lo volevano in nessun ufficio. La sua vita include un fatto molto scioccante: non ha ricevuto un solo peso da quando ha contratto diversi prestiti.

Non è stato quasi coinvolto nel fatto della frode di un tassista di Buenos Aires, Gonzalo Sebastian Oviedo. In primo piano nel campo delle risorse umane per i tribunali sì , “Se hanno intenzione di sospettare di me, mi dimetto”, disse con aria di sfida.. Gli hanno subito chiesto di firmare le dimissioni e il ritiro.

Ma il caso ha anche suscitato sorpresa e ogni tipo di commento. La cosa più fastidiosa è che la persona con questo profilo si è mossa senza destare sospetti, non proprio per quello dimostrato incapace di lavorare, Ma a causa dei doveri criminali a cui era devoto, fu condannato anche per aver coperto con violenza e con mano armata un furto d’auto.

Passo dopo passo

Questo uomo di 31 anni è nato a Pechino, in Cina. Suo padre argentino, traduttore di lingue, è finito nel Paese asiatico per motivi di lavoro e lì ha conosciuto la madre di Gonzalo. Più tardi, la famiglia decise di tornare in Argentina.

READ  "Sono una donna trans e il mio partner è un uomo etero".

Sebbene tradotto, Nel marzo 2014 la professione forense lo ha spinto a svolgere un tirocinio presso il Tribunale Civile e Commerciale n. 13incarico che ha ricoperto fino a marzo 2015. Alla fine dello stesso anno ha partecipato a un concorso per entrare nella Centrale Giudiziaria, stato in cui ha ottenuto un buon voto.

Nel marzo 2016 è stato citato in giudizio. Il suo primo passo è stato quello di istituire un tribunale di istruzione A Casilda, dove aveva appena un mese e mezzo. Nel maggio 2016 è tornato al Balcarce Building alle 1600.

Nel “blocco giudiziario” lo nominarono Nel tribunale del lavoro n. 8 dove lavorava al tavolo d’ingresso Fino a maggio 2018. “Gli scritti sono andati perduti, è stato un disastro”, ha detto la magistratura. sto lavorando Poiché questi errori portavano ad altri più gravi, gli assegnarono un nuovo ufficio.

>> Leggi di più: Condannano un impiegato del tribunale che non ha pagato una corsa in taxi da Buenos Aires

Nell’agosto 2018 è andato al tribunale del lavoro n. 6. A causa della continuità e della frequenza dei fallimenti amministrativi nelle procedure più semplici, è stato retrocesso e il capo del tribunale ne ha chiesto direttamente il trasferimento.

Chi gli era vicino non parlava bene della sua performance. Anche con un marcato handicap e inefficacia, gli hanno comunque dato un’altra possibilità. Lo mandarono all’Archivio di Corte, uno spazio tranquillo che abbonda di raccolte di libri di diritto, bibliografia giuridica e vecchi fascicoli.

L’unità si trova di fronte all’aula magna al terzo piano e agli uffici dei Ministri dell’Alta Corte di Giustizia nel governatorato. “Non puoi sbagliare lì, il lavoro è molto semplice”, si sono fidati della nuova sfida dei dipendenti.

READ  Quarta ondata di coronavirus in Germania: Angela Merkel chiede "sforzo nazionale"

fastidioso e nessuno se ne accorge

Ma Non è durato a lungo. Aggiunti una serie di comportamenti criminali per distrarre il lavoro Mille dollari. imparato anche quello Non ha ottenuto un solo pesos dai 160.000 pesos che stava ottenendo. Ha osservato che, come potrebbe essere stato determinato durante l’elaborazione del fascicolo penale, Gonzalo aveva preso in prestito “mangiando tutti i suoi beni”.

Il traduttore e ora ex ufficiale giudiziario perché lo era È stato condannato questa settimana in un breve processo a un anno e mezzo di carcere Pena di morte condizionale per truffa e per i due reati di occultamento aggravato.

La punizione è correlata a Il fatto lo scorso 14 giugno, quando ha preso un taxi alla stazione degli autobus del Retiro Per recarsi alle corti del Rosario. Ma una volta raggiunta la sua destinazione, Oviedo scomparve all’interno dell’edificio giudiziario Senza pagare 42mila pesos che ne hanno segnato il prezzo. La sentenza prevede un risarcimento per la vittima di 60.000 pesos.

Condannato anche per un altro caso grave: la polizia La trovò giorni dopo nella sua Citroën, ma era elencata Nei registri del motore e del telaio come rubati, ha anche la targa di un altro veicolo.