Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Rapporto controverso dell’unità finanziaria AMIA: amare sorprese a 28 anni dall’attacco |

Dato che lunedì ricorre il 28° anniversario dell’attentato ad Amia, le indagini sull’attentato confermano il fallimento che si protrae fin dai primi giorni. L’unità finanziaria dell’AMIA, che Alberto Nisman è a capo per otto anni, ha pubblicato questa settimana un rapporto sullo stato delle indagini confermando che non ci sono stati progressi, il che è altrettanto difficile dopo così tanto tempo. Il testo contiene una novità sorprendente, che uno dei principali sospettati, Samuel Salman al-Ridha, appare non come il coordinatore dell’attacco ma solo come colui che “ha trasmesso le informazioni necessarie per compiere l’attacco”.

Lo ha confermato l’accusa guidata da Sebastian Basso Era un errore di battitura. Oggi il luogo della soddisfazione non è noto. La verità è che sull’effettiva realizzazione dell’attentato non si sa quasi nulla: da dove provenissero gli esplosivi, chi comprò il camion Trafic esploso davanti al Pasteur 633, dove e chi armò il camion bomba, né chi se ne occupò nemmeno la pillola reciproca. Sulla base dei rapporti dell’intelligence, la colpa è dell’Iran e dei suoi alti funzionari, tuttavia, Come giudice in pensione nel caso, Rodolfo Canicuba Corral, ha dichiarato: “Non c’erano prove giudiziarie a sostegno di questa accusa. Solo un sospetto”.. A questo si aggiunge l’affermazione più forte di Nisman, secondo cui Soddisfazione era il coordinatore, ora sembra essere stata attenuata, forse da un errore insolito.

20 blocchi di bobine di lato

Per i parenti delle vittime, il punto nevralgico che potrebbe rivelarsi dietro le quinte del caso AMIA sono i fascicoli riservati di quale parte fosse. Il materiale si trovava in tre depositi e, come risulta dal Resoconto dell’Unità Finanziaria AMIA, ci sono 997 casse, che, in fila, significano circa sette blocchi, che possono arrivare a sfiorare i venti blocchi.

Molte carte erano in cattive condizioni nel seminterrato di un edificio storico, il Passaggio Barolo. Ora il Dipartimento di Giustizia ha messo in condizioni il terreno interrato, ma la riparazione sembra aver rilasciato l’amianto nei tubi e sembra che il posto dovrebbe essere sgomberato. Solo più tardi la sostanza potrebbe essere presente lì.

In un documento fornito dal Gruppo APEMIA, guidato da Laura Ginzberg, è emerso chiaramente cosa si trova dietro le quinte nei documenti. Secondo la versione ufficiale, l’Hezbollah libanese filo-iraniano ha ammesso di aver compiuto l’attacco con una dichiarazione pubblicata dal quotidiano di riferimento An-Nahar. Tuttavia, APEMIA rivela che nei giornali della prima parte c’è un rapporto segreto in cui si dice, testualmente, “Le tue connotazioni sono state completamente corrette. Il quotidiano An-Nahar è il più conservatore. Non appartiene a Hezbollah ed è anche un sistematico oppositore della politica militare di Hezbollah”.

READ  La Cina continua ad attaccare Taiwan: le ipotesi dietro una pericolosa escalation

Il rapporto UFI AMIA rileva inoltre che Hezbollah ha utilizzato lo stesso giornale per rivendicare la responsabilità di un altro presunto attacco a un aereo proveniente da Panama, in cui sono stati uccisi 21 passeggeri, 12 dei quali uomini d’affari ebrei, avvenuto il 19 luglio 1994, il giorno dopo. sono io. L’attacco chiamato Alas Chiricanas non è stato chiarito e, secondo UFI-AMIA, stanno lavorando con i pubblici ministeri a Panama perché entrambi gli attacchi potrebbero essere correlati.

I fascicoli SIDE sono stati completamente declassificati da Cristina Fernández de Kirchner nel 2015, sette anni fa. Tuttavia, i materiali non sono ancora finiti in buone condizioni. UFI AMIA conferma nel rapporto di questa settimana che si stanno compiendo progressi nel processo di caratterizzazione degli archivi, ovvero le modalità di identificazione e analisi dei documenti. Sembra un po’ strano dopo che è passato così tanto tempo, anche se il giudice al momento con il fascicolo, Daniel Ravikas, insiste sul fatto che i fascicoli dovrebbero essere mostrati ai gruppi familiari e che l’accusa deve presentare denuncia ogni sei mesi.

Il segreto della connessione locale

Un fatto sorprendente è che il rapporto dedica spazi a domande che sono state poste anni fa. Ad esempio, il defunto n. 85, Augusto Jesus, è stato identificato nel 2016, sei anni fa, ed è stato il prodotto di un’indagine dei pubblici ministeri che all’epoca nominarono Alejandra Giles Carbo come successore di Nisman. Il defunto pubblico ministero non ha mai voluto ricorrere al DNA o a un microscopio elettronico a scansione che determinasse che i pezzi di metallo nei corpi delle vittime trovati durante le autopsie corrispondevano al camion del Trafic. È stato anche dimostrato che esiste un DNA che non corrisponde a nessun parente, che è Rafforza l’ipotesi che sia avvenuto il suicidio, ma non era quello che Nisman ha detto, Ibrahim Bro.

Nel report di questa settimana c’è anche un riferimento al camion, ma senza una conclusione finale. Apparentemente è stato utilizzato un motore Trafic acquistato dall’allora casa automobilistica canaglia, Carlos Tilden. Ma non si sa quale fosse il corpo della bomba. Il rapporto dice che tutto il bottino è stato analizzato e non sono ricomparsi. Erano quattro quelli che avrebbero potuto essere dell’attacco, ma non è possibile stabilire quale sia stato utilizzato: il confronto del DNA è stato negativo.

READ  Il governo sta cercando di fare un altro passo nell'accordo con il Fondo monetario internazionale per determinare il futuro di Guzmán e Georgieva

Insomma, per quanto riguarda il cosiddetto contatto locale, a distanza di 28 anni, non si può provare quasi nulla. Quanto all’accusa, sono intervenuti l’addetto culturale iraniano in Argentina, Mohsen Rabbani, il terzo segretario dell’ambasciata, Ahmad Asghar, e Salman Reza o Salman Raouf (nome non chiaro). Ma non ci sono prove conclusive e non ha detto esattamente cosa hanno fatto. Al contrario, quando l’ambasciatore iraniano in Argentina, Hadi Soleimanpour, è stato processato a Londra, è stato assolto per “prove insufficienti”, come ha deciso un giudice britannico. Non si sa nulla, infatti, dei casi più semplici come gli esplosivi o l’ingresso e l’uscita dei responsabili del Paese.

causare paralisi

Dopo la caduta del memorandum d’intesa con l’Iran, dichiarato incostituzionale dalla magistratura argentina, non ci sono state più trattative con Teheran per trovare una via d’uscita alla questione legale e al conflitto. L’Iran conferma che l’inchiesta è armata da Stati Uniti e Israele e si rifiuta di collaborare con la magistratura argentina. Dal canto suo, l’Argentina non può andare avanti perché i sospettati si trovano in Iran o in Libano e il codice di procedura impedisce un giudizio in contumacia.. Ad un certo punto si è presa in considerazione l’idea di un processo in un Paese terzo, ma non si è mai realizzata, e ancor meno dopo l’esito del memorandum.

La novità, prima della commemorazione di lunedì, è che lo scorso ottobre l’8a Corte orale federale ha ritenuto che non vi fosse alcun reato nella firma del trattato con l’Iran, cosa che è stata impugnata dalle denunce, compreso il DAIA. Ma il fatto che la nota non sia stata un reato non apre nuove strade per la negoziazione. Tutto indica che il regime teocratico in Iran non si muoverà e che la sua priorità è ripubblicare il trattato sul controllo degli armamenti nucleari firmato nel 2016 con Barack Obama, accompagnato poi dai governi di Regno Unito, Francia, Germania, Cina e Russia. Donald Trump l’ha cancellato e Biden vuole rianimarlo, ma l’ala destra di Stati Uniti e Israele si è chiaramente opposta e l’invasione russa dell’Ucraina sembra essere un ostacolo.

Un tale scenario di conflitti non favorisce la ricerca di una soluzione: la questione AMIA era e rimane un ingranaggio della geopolitica globale. In questo quadro, sembra che i parenti delle vittime siano destinati a non ricevere notizie.

aereo a infrarossi

Lunedì, gli specialisti informatici della polizia federale e cittadina consegneranno i rapporti sulle conversazioni che hanno trovato sui telefoni cellulari di 14 venezuelani e 5 iraniani che erano membri dell’equipaggio dell’aereo Amtrasur che si trovava a Ezeiza sei settimane fa.

READ  Una confessione diplomatica americana: ha aiutato a complottare colpi di stato in altri paesi | John Bolton "specialista" nel rovesciamento di governi stranieri

Né il pubblico ministero Cecilia Encardona né il giudice Federico Villina hanno mai accusato, né stabilito che i membri dell’equipaggio abbiano commesso alcun reato. A Lomas de Zamora, sede del tribunale, hanno confermato che “c’è un’indagine per verificare se c’è un’operazione che ha legami con il terrorismo, ma allo stesso tempo, non essendoci prove, sono liberi. Sono solo vietato lasciare il Paese”.

Succede che non ci sia nemmeno molta procedura da produrre. Rapporti esteri che non sono arrivati ​​- solo carta dell’FBI – l’aereo è stato perquisito, la spedizione controllata e il contenuto delle conversazioni registrate sui telefoni cellulari è ancora sconosciuto. Successivamente, il procuratore generale, la denuncia DAIA e il giudice dovranno prendere una decisione.

Sembra abbastanza chiaro che i venezuelani di Emtrasur presenteranno una causa civile per un risarcimento. Lungo il percorso ci sono state alcune accuse insolite come presunti cambiamenti di volti, cambio di identità o falsa documentazione dell’aereo in transito in diversi aeroporti. Dovremo scoprire se esce qualcosa dai cellulari.

Eventi del lunedì

Questo lunedì alle 9:53, ora dell’aggressione, AMIA-DAIA e il gruppo famiglia svolgeranno il tradizionale lavoro davanti al luogo dell’aggressione, Pasteur 633. Lo slogan “Si torna a Basseterre” si riferisce al fatto che a causa della pandemia, le azioni che non possono essere affrontate faccia a faccia né nel 2020 né nel 2021. “Abbiamo una memoria, chiediamo giustizia”, ​​ha completato l’appello che sarà sicuramente chiuso dal presidente dell’AMIA Amos Linetzky, anche se ha affermato che i parenti avranno un ruolo di primo piano.

Il contenuto è prevedibile: concentrarsi su Iran e Hezbollah come funzionari. Linetzky ha guidato una delegazione dell’AMIA venerdì con il presidente Alberto Fernandez per esprimere preoccupazione per l’incidente aereo.

Contemporaneamente, lunedì alle 9.53, in Plaza Laval, davanti ai tribunali, si svolgerà il tradizionale lavoro del gruppo di parenti e amici delle vittime, Active Memory. Indirizzo chiamante: 28 anni, stessa impunità. Interverranno Paula Litvaki, del CELS, Rodrigo Borda, avvocato di Memoria, e Diana Wasner, moglie dell’architetto Andres Malamud, morto nell’attacco.

Un evento impressionante sarà organizzato dalla comunità Amijai, Nautical Hacoaj e ORT Argentina. Sono le 19:30 questo lunedì ad Arribeños 2355. Avevano promesso di esserlo Leto Vitale, Diego Torres, Natalia Oreiro, Adrien Soar, Nahuel Benesi, Rolando Sartorio, Gabriel Rollon, Natalie Perez e Dario Toruvelsky, tra gli altri.