Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Alta Corte di Giustizia ha deciso che la relazione tra un poliziotto e un prete non è una relazione coniugale

Il 3 agosto si è saputo che il dipartimento civile di L’Alta Corte di Giustizia si occupa del caso di un poliziotto Ha chiesto una dichiarazione di fidanzamento coniugale di fatto con il suo compagno, un sacerdote morto il 15 novembre 2012.

Sebbene il Secondo Tribunale della Famiglia Mutilata di Facatativá avesse inizialmente riconosciuto il matrimonio di fatto, La Corte Suprema di Cundinamarca ha annullato tale decisione, sostenendo che i requisiti legali per la sua presentazione non erano stati soddisfatti.

La corte ha confermato che il fascicolo contiene prove che provano la convivenza del poliziotto e del sacerdote, e altre che provano il contrario. Inoltre, è stato possibile dimostrare che l’uniformeQuando veniva trasferito in un’altra città, faceva spesso visita al sacerdote e poteva venire a casa, dove condividevano una stanza e pagavano insieme le spese.

Nonostante ciò, il tribunale ha affermato che si trattava di una relazione, sostenendo che c’era un apparente tentativo di rendere visibile l’unione, Cosa che è stata contestata da testimoni, e che nelle foto allegate al fascicolo la coppia era sempre in compagnia.

Secondo El Tiempo, il caso è arrivato alla Corte Suprema di Giustizia, dove il caso è stato esaminato da una prospettiva di genere, ma si è concluso allo stesso tribunale, dove non è stata trovata alcuna prova di un’unione coniugale di fatto, ma piuttosto di un’associazione.

Secondo il giornale, Il tribunale ha analizzato le testimonianze che indicavano che il poliziotto viveva con il prete durante le vacanze e i periodi nataliziCosì come quando avevo i permessi. Ha spiegato che l’uomo in divisa non ha voluto entrare nei dettagli degli aspetti intimi della relazione così come delle attività di routine o della gestione delle finanze.

Ci sono pochi dettagli sulle esperienze familiari, come le dinamiche domestiche, incontri o eventi speciali, conflitti correlati, come gestire le differenze, ecc.; Né viene menzionato alcuno scopo o obiettivo che sono stati fissati o raggiunti dai compagni, che hanno dato un’identità diversa da quegli incontri sporadici.

Dall’analisi di altre prove, il quotidiano ha rivelato che la Corte Suprema ha deciso, “Mostra un legame amoroso, tipico del corteggiamento, senza contribuire alla presentazione di un progetto collettivo radicato nell’idea di famiglia”.

READ  La situazione è complicata a Machu Picchu: 2mila turisti sono bloccati e i binari del treno restano chiusi

Con questo caso, la corte ha sottolineato che la ciclica coesistenza o L’amore, i rapporti sessuali o il corteggiamento non costituiscono un’unione coniugale.

La decisione dei compagni di rivelare la loro relazione ad estranei, contrariamente alle indicazioni impartite al loro collaboratore domestico di supporto, invita a riflettere sulla validità degli inserzionisti, senza che altre prove lo permettano.

Allo stesso modo, sono state criticate le poche prove fotografiche e documentarie che erano allegate agli archivi.

“Alla corte mancano le carenze degli atti vicini al fascicolo, perché a fronte di una relazione che si supponeva durasse più di 9 anni, c’erano alcune foto che si limitavano a dati precisi; il buon senso suggerisce che se ci fosse un legame di convivenza, la coppia ha dovuto attraversare vari eventi e celebrazioni e, in generale, i momenti rilevanti, da cui si attendono ricordi pittorici, e quindi l’assenza indica che l’associazione non ha raggiunto i contorni del legame stabile”La Suprema Corte ha concluso.

Continuare a leggere