Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le società di telecomunicazioni europee sono stagnanti nei propri paesi rispetto alla crescita dei loro concorrenti negli Stati Uniti | comp

I maggiori operatori europei hanno già verificato i conti per la prima parte dell’anno. La maggior parte di loro ha visto come i risultati siano diminuiti nei loro paesi d’origine a causa della concorrenza del maggior numero di operatori, o hanno mostrato lievi aumenti dopo l’impatto del Covid nel 2020. Nel frattempo, i loro concorrenti negli Stati Uniti sono ancora facendo significativi trend di crescita.

Tra gli operatori europei, Orange France ha tagliato i ricavi dello 0,7% nel secondo trimestre e dello 0,5% nel trimestre, penalizzando il cofinanziamento ottenuto. Il bando ha indicato che i ricavi al dettaglio sono aumentati dello 0,1% nel semestre, rispetto allo stesso periodo del 2020, caratterizzato dalle restrizioni messe in atto per far fronte all’epidemia. I suoi concorrenti, Eliade e Puig, hanno registrato una crescita semestrale rispettivamente del 2,7% e del 14%.

Telefónica España, a sua volta, ha ridotto i ricavi dello 0,2% nel trimestre, a 6.095 milioni, sebbene abbia registrato un aumento dello 0,6% nel secondo trimestre. Il secondo operatore, Orange, ha ridotto il fatturato del 5,1% con un calo del fatturato al dettaglio del 9,2%. Il mercato spagnolo, considerato uno dei più competitivi d’Europa, è stato scosso dall’aumento dei prezzi basso costoDerivato dalla ricerca dei clienti dei prezzi più bassi. In effetti, le grandi aziende sono sotto pressione da gruppi come MásMóvil, Digi o FiNetwork.

Telecom Italia ha a sua volta ridotto i ricavi sul mercato domestico dello 0,4% nel primo semestre, a 6.233 milioni di euro, per effetto della competizione per la base clienti, che ha portato ad una diminuzione della spesa per utente (Arpu). La concorrenza si è fatta sentire in settori come i servizi solo mobili, i cui ricavi sono diminuiti del 9,2%. Anche Vodafone ha registrato un calo del 3,6% dei ricavi da servizi tra aprile e giugno, a causa dell’intensa concorrenza sui prezzi.

READ  Aliexpress ha aperto il suo secondo negozio fisico in Catalogna

La società olandese KPN ha ridotto i ricavi dell’1,4%, mentre Telenor ha ridotto il fatturato del 3,37% in Norvegia, con cali sia nel mobile che nel fisso. Telia ha aumentato la propria attività in Svezia dell’1,3% grazie alle vendite di hardware, mentre i ricavi dei servizi sono diminuiti del 2,3%. In Finlandia, l’altro suo mercato interno, i ricavi sono diminuiti organicamente del 2,4% nel semestre, con un calo del 3,1% dei ricavi da servizi, a causa del calo di Arpu.

Deutsche Telekom potrebbe essere un’eccezione. Il fatturato in Germania, Paese dove il numero di operatori mobili è passato da quattro a tre, è cresciuto dello 0,9% (1,8% organico) nel secondo trimestre, con miglioramenti nel business fisso e mobile. Nel semestre sono aumentati dell’1,4%. Telefónica Germany ha aumentato i ricavi del 2,9% nel semestre (5,7% tra aprile e giugno), grazie alla spinta commerciale dei telefoni cellulari e alla graduale apertura dell’economia, mentre Vodafone Germany ha aumentato i ricavi da servizi dell’1,4% tra aprile e Giugno.

L’intero gruppo Deutsche Telekom ha aumentato il proprio fatturato del 6,9% in termini organici, a 53.000 milioni di euro, grazie in particolare agli Stati Uniti, dove ha aumentato il proprio fatturato del 10,1%.

Il mercato statunitense ha registrato una forte crescita, probabilmente guidata dalla focalizzazione. Ad aprile, infatti, T-Mobile USA, controllata di Deutsche Telekom, ha chiuso l’acquisizione di Sprint, riducendo da quattro a tre il numero degli operatori mobili.

Stati Uniti d’America

Verizon, che concentra la maggior parte della propria attività negli Stati Uniti, ha aumentato i ricavi nel secondo trimestre del 6,1%, a 28,1 miliardi di dollari, con progressi nel mobile (crescita del 10,4%, 5% dei ricavi da servizi) e nel reddito fisso residenziale. .

READ  Ha fornito la metà degli aiuti alle imprese, rispetto all'Italia e il 14% alla Germania

Da parte sua, AT&T ha aumentato i suoi ricavi del 7,6% nel secondo trimestre, con un aumento del 6,1% dei ricavi dei servizi di comunicazione, grazie ai suoi servizi residenziali mobili e fissi.

I vettori europei lamentano da tempo che ci sono troppi operatori nel Vecchio Continente, mentre negli Stati Uniti e in Cina ce ne sono solo tre grandi. I numeri continuano a puntare in questa direzione.

Nuove acquisizioni nel settore

Spagna. Il settore sembra in ripresa in linea con la ripresa del processo di consolidamento. La Spagna, attraverso l’acquisto di Euskaltel da parte di MásMóvil, per quasi 2.000 milioni di euro, è diventata uno dei campioni. L’operazione prevedeva la fusione del quarto e del quinto operatore, creando una società che si annidava Vodafone, terzo operatore, nel settore della banda larga fissa.

altri paesi. In Polonia, Liberty Global ha accettato di vendere la sua controllata polacca UPC a Iliad, che è diventata forte nel paese dopo l’acquisizione di Play lo scorso anno. In Francia, Altice ha stipulato un accordo per acquisire l’operatore virtuale Coriolis Telecom per 400 milioni. La domanda è se la fusione sta accelerando, anche se per questo le società di telecomunicazioni dovranno ottenere una maggiore approvazione da parte delle autorità di Bruxelles.

Mobile 5G. Di fronte a una posizione praticamente privilegiata per le telecomunicazioni europee, i loro concorrenti statunitensi hanno già una posizione rilevante nei loro account 5G. Infatti, Verizon sta evidenziando l’adozione diffusa di questa nuova tecnologia, indicando che il 20% della sua base di clienti la possiede già. smartphone 5G.