Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Laboratori della Cantabria, Crescita sui tetti | Attività commerciale

Susanna Rodriguez, CEO, Cantabria Laboratories.Carlos.JG.Pastrana_totalcombusti

L’organo più grande del corpo umano, la pelle, è il centro commerciale dei Laboratori di medicinali e cosmetici della Cantabria, che si sono conclusi nel 2020 con un fatturato di 220 milioni di euro e impiegavano 890 lavoratori. L’azienda, che si trova a metà strada tra i suoi uffici a Madrid e il suo stabilimento in Cantabria, ha iniziato la sua attività più di 30 anni fa, specializzandosi nella produzione di medicinali e cosmetici legati ai problemi della pelle, anche se in questi anni si è diversificata in altri settori come cibo e cura degli animali domestici.

I Cantabria Labs (ex Cantabrian Pharmaceutical Industrial) sono nati nel 1989 su iniziativa di due famiglie, Matje e Quintana, che rimangono gli unici azionisti, Matje, di origine maiorchina, essendo il maggiore azionista. La storia di un’azienda di famiglia è cresciuta notevolmente negli ultimi anni. L’azienda è passata da 60 milioni di fatture nel 2012 a 220 milioni di oggi.

maggiori informazioni

L’azienda farmaceutica ha subito importanti trasformazioni nel 2018. Ha cambiato nome e ha iniziato a costruire il suo nuovo stabilimento a Villiascosa (Cantabria), denominato La Concha, con un investimento di 20 milioni di euro, e ha nominato Susanna Rodriguez Navarro come CEO in sostituzione di Juan Matje, che divenne presidente da suo padre e fondatore Jose Antonio Matje. La pianta è curiosa di una sorgente d’acqua che sale a 39 gradi e rende sostenibile l’impianto di 12.000 metri quadrati su un terreno di cinque ettari.

maggiori informazioni

Il 2020 è stato anche un anno di espansione nonostante la pandemia con l’acquisizione della società francese Elancyl da Pierre Fabre. “Abbiamo iniziato a negoziare a febbraio e il processo è stato completato la scorsa estate”, spiega Suzana Rodriguez. Questo acquisto [cuyo precio no desvela] Non ha aiutato con la fatturazione nel 2020, ma sarà già incluso nei nostri calcoli per l’anno in corso “, sottolinea.

READ  L'Unione Europea ha raggiunto un accordo per rendere la sua politica agricola più sostenibile

L’azienda si è posta l’obiettivo quadriennale di aumentare il volume delle vendite a 300 milioni. Nel 2020 ha venduto 27 milioni in più rispetto al 2019, ma il CEO sottolinea che, nonostante la buona performance nel primo trimestre del 2021, potrebbe essere che “questo obiettivo di vendita dovrebbe essere esteso di un altro anno e raggiunto in cinque anni entro quattro anni. “”.

maggiori informazioni

L’azienda genera il 60% del suo fatturato al di fuori della Spagna. Ha quindi filiali in Italia, Portogallo, Messico, Marocco e Cina, con Italia e Francia, con il 15% delle vendite ciascuna, i principali mercati dopo il mercato nazionale, che lo scorso anno ha registrato una crescita del 7%. Oltre alle società affiliate, vendiamo un totale di 80 paesi attraverso accordi con distributori che visitano i medici in modo che possano familiarizzare e descrivere i nostri prodotti. L’acquisto di Elancyl ci renderà più forti nel mercato francese ”, osserva il CEO.

Durante il 2020, 30 milioni dei suoi prodotti hanno lasciato il nuovo stabilimento di Cantabria Labs, nonostante il suo potenziale per raggiungere i 100 milioni di unità. Alocare, Regaxidil, Dercutane, Heliocare, Cellmune, Betnovate, Imunocare, Immunoferon e Licoforte sono alcuni dei medicinali prodotti e sviluppati dalla società dedicata al trattamento di acne, psoriasi, alopecia, cheratosi, eczema e dermatite, tra gli altri.

“Siamo specializzati in prodotti dermatologici consigliati dai medici. A questo proposito, siamo i leader nazionali nel trattamento dell’acne e siamo anche molto forti nelle creme antietà e anti-macchie per la pelle. Produciamo anche Heliocare, una crema solare per la pelle che è uno dei nostri fiori all’occhiello, e nel 2020 abbiamo lanciato un anestetico topico. Abbiamo anche prodotti per la caduta dei capelli, spesso a causa di situazioni stressanti “, dice Rodriguez. Quest’anno Cantabria Labs lancerà un nuovo farmaco per il trattamento dell’alopecia che sarà introdotto per la prima volta in Italia e Portogallo e sarà venduto in Spagna nel 2022.

READ  Angel Simon si unisce al CEO di Veolia, leader in Spagna e America Latina

Nutrizione medica

Con meno peso sulle sue bollette, l’azienda si dedica anche alla Nutrizione Medicinale del Paziente. In questo caso non producono i prodotti, ma hanno raggiunto un accordo con Capsa Food (casa madre di Central Lechera Asturiana) per preparare diete iperproteiche o carenti, preferibilmente per diabetici e persone con problemi infiammatori intestinali ed età avanzata.

Per quanto riguarda il reparto veterinario, l’azienda si concentra sugli animali domestici e il suo prodotto più importante è Condrocare, che si affida ai semi di canapa per prendersi cura delle articolazioni di cani e gatti. L’ingresso in questo mercato è avvenuto dopo un accordo con Stangest nel 2018.

L’epidemia ha portato alla ribalta il settore farmaceutico, anche se i suoi effetti sono stati limitati per i laboratori cantabrici. Il Covid-19 ha incrementato le vendite del farmaco Immunoferon, che rafforza la barriera del sistema immunitario. Abbiamo anche iniziato a produrre idrogel a pieno ritmo, donando 900.000 unità, tra le altre cose, all’ospedale allestito presso il quartiere fieristico Ifema di Madrid. Ma la produzione di questo prodotto non è stata una fonte significativa di reddito e benefici per l’azienda “, osserva la direttiva. Inoltre, hanno partecipato, con supporto tecnico e finanziario, a un progetto di ricerca covido presso l’Università di Alcalá che mira a identificare quali farmaci e trattamenti saranno più efficaci sin dall’inizio dei pazienti infettati dal virus. Naturalmente, il CEO, che è un farmacista di formazione, ritiene che il virus abbia valorizzato il settore e il professionista della salute e abbia dimostrato con i vaccini un enorme potenziale di sviluppo e risposta nel settore.

Per quanto riguarda la sua posizione finanziaria, Cantabria Labs ha acquistato Elancyl e ha investito 20 milioni nel suo nuovo stabilimento con risorse proprie. “Ovviamente, abbiamo una linea di credito aperta per implementare nuovi progetti, ma non siamo indebitati”. In termini di entrare nei mercati, come saltare in borsa, Rodriguez spiega che non ci sono piani in questo momento, “ma non so dove saremo tra tre anni.

READ  La Banca centrale europea inizia a ritirare il suo arsenale di stimoli per paura dell'inflazione