Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elezioni in Italia: la destra si vede vincitrice, ma suonano gli allarmi: riuscirà a governare?

Nell’elezione più straordinaria della vita repubblicana italiana, nata dalla vittoria sul nazifascismo nella seconda guerra mondiale, l’estrema destra si macchia di nostalgia per il dittatore Benito Mussolini e la leader Giorgia Meloni, che giura e critica. Ha seppellito il suo io neofascista anni fa, ed è sul punto di vincere le elezioni generali di domenica 25.

ma viene Il grande dilemma se i vincitori saranno in grado di governare.

Si dice che Daniel Franco, attuale ministro dell’Economia nel governo di Mario Draghi, manterrà la stessa posizione strategica con il nuovo esecutivo di destra.

Senza dirlo, il Presidente del Consiglio ha accettato di rilasciare il Portafoglio Vita richiesto dalla stessa Giorgia Meloni. Il leader dell’opposizione Gianni Letta, che ha sempre sostenuto Draghi, ha affermato che se nel nuovo parlamento si raggiungesse un accordo politico, il Pd voterebbe sulle misure anticrisi proposte dal presidente del Consiglio in carica.


Ha fatto il tifo per Georgia Meloni a Milano la scorsa settimana. Foto: Bloomberg

Sguardo incerto

In questi ultimi giorni di campagna, la valutazione e la previsione sono diventate più difficili a causa del divieto di votazione di una settimana e delle crescenti gravi complicazioni.

Ad illustrare un po’ il panorama è venuto il presidente del Consiglio Draghi, che guida il governo della “normale amministrazione” dopo che i partiti di centrodestra e i populisti dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte lo hanno costretto alle dimissioni un mese fa, è venuto a illustrare un po’ il panorama, che, vestito con le bandiere di centrosinistra, ora si presenta come un forte candidato per la terza forza politica, dietro Distrutto e il Partito Democratico guidato da Enrico Letta, principale forza del Centrominestra.

Innanzitutto va sottolineato che il 25 settembre oltre 50 milioni di italiani sono stati chiamati alle urne per eleggere duecento senatori e trecento deputati con mandato quinquennale. L’Italia ha un sistema parlamentare. I governi nascono e muoiono nelle stanze.

READ  La produzione industriale nell'area dell'euro è aumentata del 7,8% e dell'8,2% nell'UE nel 2021 | Economia

Sono anche i rappresentanti e i senatori che eleggono ogni sette anni il nuovo presidente della repubblica, un numero che ha meno poteri del sistema presidenziale, ma è fondamentale a livello istituzionale, soprattutto nelle crisi politiche.

Draghi ha tenuto una conferenza stampa venerdì e ha annunciato a Un nuovo decreto per gli aiuti per far fronte ai prezzi folli dovuti alla crisi energetica.

Quattordici miliardi di euro che si sommano agli altri diciassette miliardi, distribuiti a chi è interessato da elettricità, gas e altre bollette interessate da incrementi energetici. Anche per aiutare a superare l’euforia delle industrie e del settore commerciale. Affronta l’inflazione già al 9% ad agosto.

Il presidente del Consiglio Mario Draghi è stato costretto a dimettersi sotto la pressione dell'opposizione nel pieno della crisi sociale ed economica.  Foto: AFP
Il presidente del Consiglio Mario Draghi è stato costretto a dimettersi sotto la pressione dell’opposizione nel pieno della crisi sociale ed economica. Foto: AFP

Molto importante: questi 31 miliardi di euro sono stati cancellati dai fondi statali, senza ricorrere alla cartella dell’aumento del debito pubblico.

Draghi ha mostrato questa vittoria e diciamo che l’ha strofinata contro il principale compagno di partito di Meloni, La Liga, il cui leader Matteo Salvini ripete quotidianamente che 30 miliardi di euro sono assolutamente necessari.

Una cifra enorme, che deve concretizzarsi con la risorsa dell’aumento del debito pubblico, che ammonta a una montagna di 2,7 trilioni (milioni di milioni) di euro. Ogni anno viene loro versato un conto di 70 miliardi di euro.

Collegamenti con Vladimir Putin

Salvini è davvero un personaggio importante in questa storia perché è il principale sostenitore del presidente russo Vladimir Putin. Per anni il suo entusiasmo per il capo del Cremlino, che ha firmato patti di amicizia con gran parte dell’estrema destra europea, è stato costante.

Al Parlamento europeo, dove è stato membro del Parlamento europeo, è apparso al dibattito indossando una maglietta con sopra il volto del presidente russo. In un’altra occasione ha detto di aver scambiato “Matarella (Presidente della Repubblica) di Putin”.

Il leader della destra italiana Matteo Salvini è in piedi accanto a una maglietta con l'immagine di Vladimir Putin, durante una visita in Polonia, lo scorso marzo.  Foto: A.P
Il leader della destra italiana Matteo Salvini è in piedi accanto a una maglietta con l’immagine di Vladimir Putin, durante una visita in Polonia, lo scorso marzo. Foto: A.P
READ  Dollarizzazione compulsiva: un dibattito non prioritario

Dallo scoppio della guerra in Ucraina, Salvini ha aumentato le iniziative. Suggerì di recarsi a Mosca e dovette rinunciare a causa dello scandalo che aveva causato. Aveva accettato che l’ambasciata russa a Roma avesse pagato i soldi del biglietto.

Nelle ultime settimane si è concentrato sulla fin troppo famosa richiesta di porre fine alle sanzioni occidentali nei confronti della Russia per l’invasione dell’Ucraina, sostenendo erroneamente che “fa male agli italiani più dei russi”.

Gli stessi russi affermano il contrario e chiedono la revoca delle sanzioni per riprendere le forniture di petrolio e gas all’Europa occidentale.

Salvini ha anche chiesto un aumento del debito pubblico di 30 miliardi di euro per far fronte alla crisi, il che significa esporre le finanze del Paese a un grave rischio, che sarà alla mercé degli speculatori internazionali.

Draghi ha alluso al personaggio di Salvini quando ha fatto riferimento a “manichini pagati” al servizio dei russi in Italia.

Il ruolo del ministro delle Finanze

Ma da Draghi e dal leader del centrosinistra sono arrivati ​​nelle ultime ore due aspiranti annunciatori di liberazione, di cui ha preso atto il capo del governo della destra vittoriosa, Giorgia Meloni.

Draghi ha evidenziato il lavoro della sua squadra di governo e ha elogiato il ministro dell’Economia Daniele Franco. Ha nutrito che nel futuro governo ci fosse un “governo coraggioso come lui”. Diversi analisti hanno corretto il presagio leggendo che l’annuncio vale: Franco è un ottimo candidato per continuare nella sua posizione.

Mario Draghi e il ministro dell'Economia, Daniel Franco, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, a Roma, questo venerdì.  Foto: EFE
Mario Draghi e il ministro dell’Economia, Daniel Franco, in conferenza stampa a Palazzo Chigi, a Roma, questo venerdì. Foto: EFE
READ  Fernando Roig: "La ceramica deve alzare i prezzi perché non scompaiano"

Georgia Meloni è stata più volte sulla difensiva con Draghi e pare che gli abbia chiesto aiuto per assicurarsi il governo in caso di vittoria elettorale, in prosecuzione della brillante amministrazione dell’ancora in carica Presidente del Consiglio, contro il quale il suo partito Fratellanza d’Italia ha mantenuto forte opposizione.

Anche il leader dell’opposizione Enrico Letta ha dato un segnale positivo concreto. “Siamo sul punto di entrare in una recessione ed è necessario agire immediatamente”, ha avvertito.

Ha risposto “sì” quando gli è stato chiesto se avrebbe firmato un accordo politico con Meloni e altri gruppi politici disposti a fornire una garanzia di giudizio.

Solo così si può evitare un aumento del debito pubblico che sarebbe terribile per la finanza italiana. È necessario separare il costo dell’energia dal prezzo del gas, punire i profitti straordinari delle società energetiche e ridurre la domanda. “Se non si farà nulla per ridurre le bollette dell’elettricità e di altri prodotti, le risorse per cercare di calmare la tempesta saranno insufficienti e aiuteremo gli speculatori”, ha affermato il futuro capo dell’opposizione.

Gli ultimi sondaggi mettono tra il 23,5% e il 25% della coalizione Fratelli d’Italia guidata da Giorgia Meloni.

Al secondo posto con il 20-23% c’è il Centro Sinistra Democratico, alle sue spalle, con il 13% del Movimento 5 Stelle dell’ex presidente del Consiglio Giuseppe Conte: è seguito da Salvini Leg con il 12,3%. Silvio Berlusconi Forza Italia 7,4% e Acción e Italia Viva (al centro), 7,2% Meloni vincerà con ampio margine perché la coalizione di centrodestra conquisterà il 47% dei voti grazie alla legge elettorale, contro il 28%. Il centrosinistra ha una maggioranza di quasi due terzi di deputati e senatori.

Roma, giornalista

CB

Guarda anche