Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

TCI chiede all’Italia di non fare pressioni su Atlantia affinché venda Autostrade

L’hedge fund britannico TCI, una quota del 10% in Atlantia, ha chiesto allo Stato italiano di non fare pressioni sul gruppo infrastrutturale affinché venda la sua controllata Autostrade per l’Italia (ASPI), il più grande operatore autostradale italiano. L’Italia ha una rete di 3.000 km, hanno riferito oggi i media italiani.

TCI ha scritto una lettera al Presidente del Consiglio Mario Draghi e ai Ministri dell’Economia, Daniel Franco, e delle Infrastrutture, Enrico Giovanini, in data 12 aprile chiedendo al governo di consentire ad Atlantia di prendere il suo tempo per valutare “in modo indipendente e libero da ogni ingerenza politica”. una manifestazione dell’interesse del gruppo infrastrutturale spagnolo ACS, di Florentino Breeze.

All’inizio di aprile l’impresa di costruzioni spagnola ha inviato una lettera ad Atlantia, partner italiano di Apertes, nella quale esprimeva la volontà di acquisire gli asset ASPI e di valorizzare la società per 10 miliardi di euro.

Al momento, l’unica offerta vincolante sul tavolo è quella della banca d’affari italiana Cassa Depositi e Prestiti (CDP) e fondi a Blackstone e Macquarie, che stima il valore dell’ASPI a 9,1 miliardi di euro.

TCI, azionista che ritiene che ASPI valga almeno 11.000 milioni di euro, ritiene che Atlantia dovrebbe essere in grado di studiare tutte le opzioni senza pressioni da parte dello Stato, in quanto si tratterebbe di una “flagrante violazione del principio di libera circolazione delle merci e capitale. “.

Il Consiglio di Amministrazione di Atlantia si riunirà entro il 23 aprile per esaminare la CDP e l’offerta dei due fondi, quindi predisporre una relazione illustrativa del processo per gli azionisti in modo che possano esprimersi entro il 28 maggio.

READ  Michel Rowland, il miglior produttore di vino del mondo: "L'Argentina è troppo complicata per gli investitori stranieri"

Altri due temi potrebbero entrare nell’offerta di Aspi: la società di investimento statunitense Apollo e il gruppo italiano Toto Holding, che già lo scorso ottobre si erano mostrati interessati ma si erano ritirati a causa della lentezza delle trattative tra Atlantia e CDP, secondo molti. Lo hanno riferito i media italiani questa domenica.

Entrambi sarebbero disposti a fare un’offerta per l’88,06% ad Atlantia nel franchisor o proporre di entrare a far parte del consorzio con CDP, giocando la carta gestita dal più grande franchisor italiano per una rete stradale che è strategica e non può finire in mani straniere.

Infatti, il ministro delle Infrastrutture Giovanini ha recentemente affermato che il governo potrebbe, se lo riterrà opportuno, esercitare il cosiddetto “gold power” ovvero la quota d’oro, cioè il potere dello Stato di interferire nelle operazioni di mercato italiane. aziende. “Strategie” contro l’intervento straniero ostile.