Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Spagna proporrà all’UE un tetto massimo di 180 euro sul prezzo dell’elettricità sul mercato all’ingrosso | Economia

Teresa Ribera, 3° vicepresidente e ministro per la trasformazione ambientale e la sfida demografica, ha dichiarato giovedì a Intervista su Onda Cero Che i governi di Spagna e Portogallo intendano presentare una proposta congiunta al resto dei partner europei per limitare il prezzo di un megawattora nel mercato all’ingrosso a 180 euro. Finora, né la Commissione europea né la Germania hanno guardato favorevolmente alla fissazione dei prezzi al grossista: per offrire un tetto, hanno detto, il dettagliante avrebbe dovuto farlo. L’Italia, dal canto suo, è favorevole a un tetto massimo ai prezzi del gas, la componente che guida maggiormente l’elettricità.

Il cap di 180 euro per megawattora sarebbe di circa 40 euro in meno rispetto al costo medio dell’elettricità di giovedì (217 euro) e dei 545 anni luce del 7 marzo, il massimo storico. Questo riferimento non è arbitrario: esiste già nelle normative spagnole e portoghesi fino a quando una direttiva europea ha recentemente vietato di mantenere restrizioni sull’offerta delle società elettriche sul mercato pubblico. Dipende dai prezzi pagati da quasi 10 milioni di famiglie a tariffa regolamentata. Né è arbitrario che il Primo Ministro spagnolo, Pedro Sánchez, e il Primo Ministro portoghese, Antonio Costa, vadano di pari passo in questa battaglia, dato che i mercati dell’elettricità di entrambi i paesi sono integrati sotto l’egida dell’operatore di mercato iberico Energy (OMIE).

Se solo due anni fa, diceva Ribera, «sembrava una frenesia assolutamente irraggiungibile oggi ampiamente superata», è «indiscutibilmente il limite che dovremmo accettare nel nostro mercato». In questo scenario, il capo della transizione energetica ha insistito affinché il governo attenda le misure fino a quando non riceverà una risposta dalla Commissione europea – che dovrà essere avallata dai 27 capi di Stato e di governo – qualcosa che potrebbe essere visto come un'”opportunità per costruire più Europa”, anche se ha indicato che darebbe una “risposta nazionale” per disaccoppiare il gas dal mercato elettrico se “l’UE non è all’altezza del compito”.

READ  La riforma del patto di stabilità si rafforza in Europa a causa dei rischi di mancato recupero | Economia

“Riteniamo che costruire l’Europa anche nel campo dell’energia sia la capitale, ma se l’Unione europea tarda, dovremo rispondere, anche se su base strettamente nazionale, perché la società non può aspettare”, ha affermato. Il ministro, che ha precisato che questa risposta dovrebbe essere concordata con il Portogallo perché è un mercato unico dell’energia elettrica.

La terza vicepresidente ha insistito, tuttavia, sul fatto che il governo sta lavorando a una risposta europea, che ha ritenuto “essenziale” che non ci sia una direzione nel Consiglio europeo del 24 e 25 marzo, ma che ci siano anche alcune decisioni che sono “efficace, immediato e il più efficace possibile”. “Se è più aggressivo o conservatore, ci fornisce una guida su quanto dobbiamo fare e nelle aree dell’energia nella risposta nazionale”, ha osservato.

Conosce a fondo tutti gli aspetti della moneta.

Sottoscrizione