Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La situazione è complicata a Machu Picchu: 2mila turisti sono bloccati e i binari del treno restano chiusi

Mincetur ha riferito del trasferimento di 3.500 turisti a Cusco, ma non ha specificato se il trasferimento da Aguas Calientes si è concretizzato. | Foto: Ande

Il Sciopero di 48 ore indetto nella regione di Cusco Questo non solo significò una completa paralisi del turismo, ma anche un duro colpo per l’economia della regione, perché in un solo giorno senza attività, la città imperiale perse circa 69 milioni di suole. Tuttavia, poca o nessuna attenzione è stata prestata ad esso Più di duemila turisti sono bloccati a Machu Picchu A causa della chiusura delle ferrovie e della cancellazione dei treni,

azienda Ferrovia del Perù Prolungherà la sospensione delle operazioni sulle rotte Cusco-Machu Picchu e viceversa martedì 19 aprile. La cancellazione del servizio doveva essere approvata con segnalazioni del franchisor Ferrocarril Trasandino (Fetransa), il quale informava che avrebbe effettuato “Trasferimenti di cui hanno bisogno senza alcun costo e resi se lo richiedono”colpendo ancora una volta centinaia di turisti ancora in attesa di essere trasferiti da Aguas Calientes a Cusco con un percorso alternativo.

Il Direttore Regionale del Commercio Estero e del Turismo di Cusco, Rolando Mendoza, ha affermato che la situazione nella regione è molto complessa e che in effetti ci sono più di mille turisti bloccati a Machu Picchu.

“Purtroppo abbiamo turisti che, a causa della paralisi del servizio ferroviario, non possono viaggiare da domenica a Cusco o altrove. Ora abbiamo più di mille persone che cercano di lasciare Machu Picchu”E Mendoza ha menzionato.

Ha sottolineato che attraverso il governo e l’amministrazione regionali si stanno coordinando con il settore privato, i sindacati del turismo, le compagnie ferroviarie e la Polizia nazionale peruviana al fine di Sviluppare un piano di emergenza che consenta il movimento dei visitatori bloccati per più di 24 ore nelle stazioni ferroviarie.

READ  E la Procura della Repubblica ha chiesto un'indagine con il pilota e l'intero equipaggio dell'aereo per scoprire il loro possibile legame con il "terrorismo internazionale".

Rolando Mendoza Ha anche notato che attraverso l’ufficio di informazioni turistiche di Machu Picchu, un elenco e un registro sono in fase di aggiornamento per soddisfare la necessità dei viaggiatori di lasciare l’area.

“Abbiamo diversi tipi di visitatori, tra cui famiglie, anziani, bambini e giovani che in questo momento si trovano in una situazione complicata a causa della disoccupazione”Ha aggiunto.

Mendoza ha anche riferito che ieri speravano di revocare lo sciopero dopo l’incontro con il Primo Ministro, ma nel pomeriggio è stato confermato che lo sciopero sarebbe continuato.

L’unica cosa che chiediamo è calma per quelli a Machu Picchu. Ci stiamo coordinando affinché la strada possa essere liberata il più rapidamente possibile. Ci stiamo spostando dove ci coordineremo con loro e consentiremo durante il giorno di ristabilire il servizio ferroviario e di trasportare i visitatori”ha sottolineato.

D’altra parte, il PNP Generale di Cusco, Pedro Villanueva, Hai detto che ci sono più di duemila visitatori bloccati nell’area di Machupicchu e che loro “Cercando di parlare con gli scioperanti in modo che abbiano lasciato almeno alcune macchine”.

Ha spiegato che alcuni viaggiatori scelgono di percorrere la rotta amazzonica, con il trasporto su strada ea piedi per lasciare la zona di Cosquinho, ma ha notato che “non era la più sicura”.

Il milionario perde

cattivoCentro Studi Camera di Commercio Ha sottolineato che circa 4.200 turisti annullerebbero i loro viaggi e smetterebbero di entrare nell’area a causa dello sciopero di 48 ore, il che significa la perdita di oltre due milioni di suole. Mentre il capo della Camera del Turismo Cosco ha sottolineato che le perdite economiche totali raggiungeranno circa 100 milioni di sol.

per questa parte, Il turista Oswaldo Ampueronato ad Arequipa, Ha denunciato che lo sciopero sta già colpendo le imprese locali e soprattutto i viaggiatori, che sono nel mezzo della paralisi totale in tutta la regione.

“Lo sciopero è in corso e le strade sono ancora chiuse. Il turismo è paralizzato e la comunità chiede di ripristinare il proprio potere d’acquisto a causa degli alti costi di input e fertilizzanti. Siamo soffocati e non c’è soluzione”, ha detto in una conversazione con RPP Noticias.

Turisti bloccati nelle stazioni ferroviarie di Machu Picchu

Giornalista di viaggio argentina, Agustina LopezLo ha detto sul suo account Twitter I turisti non sono ancora in grado di lasciare Aguas Calientes e Ollantaytambo.

READ  Morte scioccante del 23enne argentino Tic Toker in Brasile

“Possono prendersi cura dei turisti che hanno scelto il loro paese e noi siamo bloccati ad Aguas Calientes e Ollantaytambo. Ho un volo per tornare a casa oggi e Cuzco è vietato. Per non parlare del fatto che non posso scalare il Machu Picchu”Ho scritto indignato.

Come dettagliato, la polizia continua a presidiare la zona e non ci sono comunicazioni da parte delle autorità sul suo trasferimento. Inoltre, il treno per Cusco non circola da ieri.

Anche durante il primo giorno dello sciopero, è stato riferito che circa 3.500 turisti sono rimasti bloccati in diverse parti della città. Molti avevano voli programmati per quel giorno e Dovevano andare all’aeroporto a piediche dista circa 5 chilometri da Plaza de Armas.

Le strade per raggiungere Cusco rimangono chiuse il secondo giorno di sciopero nella regione di Cusco. Decine di attività si sono addirittura svegliate chiuse e le lezioni sospese per non mettere a repentaglio la sicurezza degli scolari.

Sindacati, contadini e turismo Chiedono al governo di Pedro Castillo di migliorare la qualità della vita, che è stata colpita dai prezzi elevati dei generi alimentari di base, del carburante e dei fertilizzanti. Chiedono inoltre l’avvio della seconda grande riforma agraria, il rispetto delle promesse elettorali e più risorse concesse a Cuzco per rivitalizzare l’attività turistica nella regione.

Il clamore suscitato dall’aumento dei prezzi ha colpito anche coloro che intendevano visitare il centro storico.

azioni del governo

Secondo il Ministero del Commercio Estero e del Turismo (Ministro), sono state adottate misure attraverso la rete di protezione del turismo per trasportare 3.500 turisti in città. Tuttavia, come già accennato, Non è stato ancora determinato come verrà implementato questo trasferimento per proteggere i viaggiatori che sono rimasti bloccati a Ollantaytambo o Machu Picchu per più di 24 ore.

READ  Uno studio mostra che una singola dose di alcol può cambiare in modo permanente il cervello

Come hanno spiegato, è stato attivato un corridoio turistico sicuro tra l’aeroporto Alejandro Velasco Astete e il centro di Cusco per garantire il trasporto dei turisti che hanno effettuato voli di linea in queste date, ma non si parla ancora di una soluzione per il ritorno di quelli che sono nelle città più lontane dalla città.

“Da Cusco, grazie alla rete di protezione del turismo del Ministero del commercio estero e del turismo, la polizia nazionale garantisce il trasporto di turisti attraverso un corridoio turistico sicuro dall’aeroporto di Velasco Astete a Plaza de Armas nella città imperiale e viceversa.”Il ministro Roberto Sanchez ha detto: sul suo account Twitter.

“Il primo giorno dello sciopero nella Città Imperiale, circa 3.500 turisti sono stati trasportati su cinque autobus della Polizia Nazionale, dalle 06:00 alle 16:30”.Ha aggiunto.

Continuare a leggere