Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cile: il Congresso rifiuta di ritirare i fondi pensione in un’inflazione senza precedenti | Il governo di Borek cerca di rivitalizzare l’economia e contenere socialmente i cileni

da Santiago

Il Congresso cileno ha respinto entrambe le proposte di prelevare fondi dai funzionari dei fondi pensione. Il primo corrisponde a un nuovo 10% – aggiunto ai tre precedenti che sono stati attuati dal 2020 a causa della crisi occupazionale causata dal Corona virus – e il secondo era una proposta del governo di Gabriel Borek che cercava di evitare una massiccia fuga di denaro , limitatamente a coloro che hanno debiti con banche o istituti finanziari.

I risultati, annunciati intorno alla mezzanotte di lunedì al termine delle votazioni dei deputati, generano indubbiamente stabilità nel sistema finanziario cileno, e nessuno se lo aspettava davvero. La mozione del partito al governo, che cercava di evitare un nuovo ritiro, ha ricevuto a malapena 68 voti senza riuscire a raggiungere il quorum di 78. Qualcosa di indicativo della mancanza di ordine nel centrosinistra, soprattutto in partiti come Democrazia Cristiana, che si sono allontanati dal governo il cui fulcro è nella Coalizione per il Consenso alla Dignità (Fronte Ampio e Partito Comunista) e il Partito Socialista, è diventando chiaro questa volta.

Sono i voti del partito, dato che solo un deputato su otto ha votato a loro favore. Dettagli da considerare in futuro.

La prima votazione – il cosiddetto “quinto ritiro”, dal momento che la quarta votazione era stata respinta nel dicembre dello scorso anno – ha ottenuto 70 voti favorevoli, 70 contrari e 3 astenuti. Tutto questo mentre il ministro delle finanze Mario Marcel; Giorgio Jackson, Segretario Generale della Presidenza e Segretario del Lavoro Janet Jara, ha cercato di convincere il blocco al potere a scegliere la seconda opzione per ritirarsi.

READ  Hanno trovato una ragazza che era stata rapita nel 2019: era rinchiusa in una stanza buia sotto una scala

Vincitori o vinti?

Al momento, non c’è consenso se si tratti di una vittoria o di una sconfitta per il partito al governo Un Cile progressista ha preso il potere un mese fa, anche se una cosa è chiara: Questo ci permetterà di riprendere il pacchetto di misure economiche che il ministro Marcel ha presentato due settimane fa – Un ex capo della banca centrale ed economista con un sostegno trasversale ma un convinto oppositore del ritiro fin dall’inizio – cerca di aprire la strada alla riforma fiscale e ai cambiamenti a lungo termine del modello economico cileno segnato dal neoliberismo.

“Mi sembra che la cosa più positiva sia che la responsabilità abbia prevalso, prevaleva il motivo, in termini di non spingere il Paese in uno scenario in cui i costi potevano essere pagati dalla stragrande maggioranza dei cittadini attraverso l’inflazione e l’aumento del costo dei crediti, e questo alla fine ha danneggiato i più bisognosi. Quello che dobbiamo fare ora è continuare con la nostra agenda”. Marcel ha sottolineatoSimile al Partito Socialista.

La stessa valutazione, sebbene un po’ più pessimistica, è stata fatta da Jackson, il Segretario del Segretariato il cui ruolo è quello di essere il collegamento tra il Congresso e l’Esecutivo. Si può chiedere ai parlamentari che hanno votato al 100% a favore del ritiro, ma poi hanno respinto l’altro progetto (il ritiro limitato proposto da Borek) e forse perché volevano sconfiggere il governo. Ma questa, alla fine, è più che una sconfitta per il governo, che non aveva questo nei suoi piani, è una delusione per le aspettative dei cittadini”.

READ  Perché un tipo di coronavirus può segnalare un nuovo allarme globale

Sebbene vi sia la possibilità di insistere sulla proposta di ritiro limitato, sembra piuttosto difficile, se non impossibile. Marcel: “Per insistere sul Senato servirebbe una maggioranza molto ampia e servirebbe un altissimo grado di accordo in Senato. È qualcosa che dobbiamo valutare, così come le alternative che potrebbero esistere in termini di insistere sullo stesso progetto. Ci sono altri modi. per affrontare le stesse questioni affrontate in questo progetto”

Inflazione senza precedenti

Il grosso problema è che però Il governo cileno vuole attuare la riforma delle pensioni e i cittadini vogliono i soldi ora. Sia nei social network che per strada, c’è un senso di disagio per il fatto che il paese al di là delle Ande stia vivendo un’inflazione senza precedenti che indica 9,4% accumulato in dodici mesi Mentre a marzo l’indice dei prezzi al consumo (CPI) è aumentato dell’1,9%, il numero più alto dal 1993, il che si traduce in prezzi più elevati per pane, olio e altri prodotti, qualcosa che un’intera generazione non ha mai visto prima.

E questo è solo l’inizio secondo voci esperte: La crisi dovrebbe diventare più grave quest’anno e il prossimo, per una serie di ragioni, tra cui il conflitto della Russia con l’Ucraina, la pandemia e gli effetti dei precedenti ritiri. Sebbene servissero per pagare le bollette, incoraggiavano anche i consumi e l’indebitamento.

Questa contraddizione è evidente in tutta la società cilena. Parallelamente cresce il malcontento e continuano le proteste il venerdì intorno a piazza Baquedano (popolarmente ribattezzata piazza de la Digendade dopo l’epidemia di ottobre 2019), negozi nei centri commerciali (ne esiste almeno uno presso il comune), ristoranti di ogni genere e lunghi fine settimana Operare come se non ci fosse un domani.

READ  Commento oltraggioso di un'agenzia immobiliare alla vista della foto del profilo di una giovane donna in cerca di casa: "Non si tratta di essere spericolati"

Il governo Borek avrà il duplice compito di promuovere i suoi piani di rilancio economico e al contempo di contenimento sociale dei cileni, soprattutto nei prossimi mesi quando il rigido inverno li costringerà ad affrontare una crisi dove tutto, dalla benzina al cibo, è all’incirca Il 10% in più rispetto allo scorso anno.