Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La razza che unisce il Piemonte alle umide pampas

Quanto è importante il bestiame nell’economia del paese! Fin dai primi arrivi, questi animali hanno tracciato un percorso dove viene sfruttata solo la pelle fino a quando è nata l’idea di incrociarli con altri geni per migliorare la loro carne; È così che è nato l’incrocio di razze.

Va ricordato che l’addomesticamento del bestiame iniziò in tempi molto remoti in India e in Asia centrale, e si diffuse in Europa e in Africa. Era un animale sacro in alcune regioni della Grecia. Per gli indù simboleggiava la terra, il sole, l’acqua e il cielo. Era una dote e il sacrificio era proibito. Era venerato in Egitto e dedicato a Iside e Athor.

È stata la Scozia a introdurre la maggior parte delle sue razze nel paese. Nel processo di industrializzazione, i suoi abitanti lasciarono le campagne in cerca di lavoro. Nacque l’idea di vendere la loro razza in Argentina per migliorare la carne e poi acquistarla per il consumo britannico. È stata un’equazione che si è rivelata vantaggiosa per entrambi i paesi.

L’incrocio con nuovi ceppi non si è fermato. Qualche mese fa, mentre visitava l’ultima sagra paesana, avrebbe potuto essere osservato dinastia piemontese. Ha circa 15.000 anni di stabilità genetica che si è sviluppata nel Piemonte italiano, una regione che si alterna a catene montuose alte fino a 3.000 metri. La sua origine risale a 25.000 anni fa, quando gli esemplari di Cebu (Zippo primordiale) dal Pakistan attraverso i Carpazi e i Balcani. Sono stati incrociati con bovini indigeni chiamati Aurochs (Capo Primogenio). Le sue caratteristiche mostrano dolcezza, rusticità e condizioni della carne unite ai benefici dello Zebù. Ha muscoli doppi, che consentono un aumento del numero e delle dimensioni delle fibre muscolari ed è responsabile dell’esecuzione di compiti. Dà carni tenere e magre, facili da gustare. Gli animali hanno la pelle nera e il pelo bianco e sono resistenti a mosche, zecche, freddo e caldo. Ha ossa forti e sottili, è molto longevo e rustico. Non presenta ulteriori problemi durante il parto. In Italia questa razza veniva allevata come bovino a doppia attitudine, da carne e da latte, e soprattutto per la produzione di formaggi.

READ  Agenzia di stampa degli Emirati

La Piamontese si è conservata come un “ghetto”, essendo tipica dei produttori italiani. Quindi la penisola è stata concessa al resto del mondo. I geni trovati in Argentina provengono dalla capanna “Huelte-Nancú” di Caballero Ortiz della famiglia Pozzi. Nel paese, la famiglia Castagné è incorporata nella fattoria di San Marcos de León, Cote Lai, provincia di Chaco, realizzando incroci con pance a base di Brangos, adattandosi all’ambiente con erba naturale, praterie e foreste native. Il dottor Castagné, veterinario, consiglia di consumarlo “carne da prescrizione” Perché è attribuito al consumo di carne magra, ottenendo così una buona salute, soprattutto per prendersi cura del fegato grasso.

Sono passati molti anni dall’inizio dell’uso della genetica per migliorare il bestiame e nuove indagini consentono l’incorporazione di conoscenze che meritano di essere prese in considerazione.

Ulteriori informazioni su The Trust Project