Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La lettera di Pepe Mujica a Lula sul “pensionamento” dei presidenti latinoamericani

La lettera di Pepe Mujica a Lula sul “pensionamento” dei presidenti latinoamericani

Lola, caro capo,

Auguro successo alla vostra iniziativa con i capi della nostra regione. Credo sia importante creare uno spazio di incontro, di conoscenza reciproca, di dialogo e di riflessione, che è quello che lei ha chiamato “ritiro”. Le riunioni presidenziali sono generalmente chiamate “vertici”, ma non ci sono vertici senza montagne su cui appoggiarsi. Quelle montagne sono le nostre città.

Il ritiro crea un’opportunità storica in cui l’elevazione sarà determinata dalla grandezza di ciò che i partecipanti dimostrano. Da lì le montagne si sposteranno e crescerà la catena montuosa del villaggio, alta come le Ande, simbolo dell’unità che cerchiamo. Le grandi decisioni che muovono il mondo si prendono altrove, lontano dalla nostra tavola. È necessario costruire convergenze nella nostra regione per far sentire la nostra voce a livello internazionale. Le sfide che dobbiamo affrontare come umanità richiedono più che mai sforzi collettivi e proposte innovative.

Come sapete, abbiamo avuto due incontri con gli inviati dei presidenti sudamericani. Ho guardato quel gruppo di combattenti sociali e politici. Abbiamo sopportato più di un secolo di prigionia ed esilio lì, decenni di esperienza nei governi nazionali e nelle organizzazioni sociali, e intere vite dedicate a migliorare le condizioni di vita della nostra gente.

Ma abbiamo passato due secoli di fallimenti cercando di realizzare l’integrazione regionale, da quel sogno bolivariano di un gruppo di repubbliche confederate, che è stato dimenticato con il passare del tempo. Abbiamo abbastanza esperienza per non ripetere gli stessi errori del passato.

Non basta unirsi, bisogna camminare insieme, e se questo a volte non è possibile, le porte devono essere aperte per partire e tornare quando possibile. Dobbiamo essere in grado di costruire un consenso progressivo che non ci paralizzi e permetta a chi è in grado di avanzare e poi si aggiunga a chi decide di farlo.

READ  Qual è il potere dei vaccini a RNA messaggero nel trattamento del cancro?

Non è intelligente ripetere il fallimento. L’innovazione non viene solo dalla tecnologia. Possiamo innovare anche nel nostro modo di agire come attivisti politici e sociali, tenendo conto di tutto ciò che non abbiamo potuto fare, non abbiamo voluto o non abbiamo saputo fare. Tu costruisci non imponi.

Voglio condividere brevemente alcuni pensieri. Considera questo un modesto contributo da parte di un gruppo di supporto. Non abbiamo pretese o aspettative, sappiamo che questo è il peso e la responsabilità di chi sta ai governi. Lavoriamo per sostenerci e difenderci. Non sono domande a sinistra, a destra o al centro, ma domande che vengono sviluppate o meno.

L’integrazione regionale è un obiettivo. Il percorso passa attraverso la diffusione di progetti di cooperazione tra due o più paesi della regione. Esiste un ampio e legittimo inventario di proposte che si sono concretizzate nei recenti incontri regionali.

Crediamo che i progetti debbano, in qualche modo, favorire la solidarietà continentale e risvegliare il senso di appartenenza. Crediamo che dovrebbe essere gestito con le persone. Crediamo che sia necessario svilupparlo con una visione integrata che rappresenti i bisogni, i valori e i desideri delle nostre persone.

Ad esempio, una piattaforma permanente per una rapida risposta regionale ai disastri naturali; migliorare l’integrazione energetica e infrastrutturale regionale; Tieni d’occhio l’industrializzazione e l’integrazione produttiva come regione. Stimolare il commercio creando modelli armonizzati per le transazioni con le nostre valute e concordando migliori meccanismi doganali nonché il necessario coordinamento SPS.

Sono esempi di obiettivi raggiungibili. Partendo da ciò che è possibile per arrivare a ciò che si desidera, e promuovendo progetti che possiamo realizzare. Ecco perché abbiamo un ottimo strumento come CAF come banca di sviluppo.

READ  Gli acquirenti preparano i tagli al traffico per la giornata; È passato un anno dall'invasione russa dell'Ucraina; Indio Solari ha confermato il suo ritiro dalle scene

Dobbiamo facilitare la circolazione dei cittadini. Dovrebbero abbondare gli scambi studenteschi e la verifica delle certificazioni, moltiplicando gli spazi di incontro tra le nuove generazioni, il cui futuro è ormai in gioco.

Dobbiamo unirci per proteggere l’acqua dolce e difendere la natura. Conosciamo tutti, da tutte le parti del continente, la vita che l’Amazzonia rappresenta, la grandezza e la dignità che le Ande evocano, l’abbondanza e la libertà delle terre selvagge e la ricchezza delle profondità delle nostre terre.

L’integrazione non sarà solo il prodotto della visione di intellettuali e politici, ma sarà anche il prodotto del sentire e dell’immaginario collettivo che sa costruire. Intellettuali e studiosi credono, come la gente, che abbiamo bisogno di date, di una bandiera, di un nome e persino di un inno.

Senza il potere del popolo, continueremo sulla stessa linea. Dobbiamo costruire nel mistero, perché questa è la lotta per un’altra cultura, qualcosa che non raggiungeremo mai del tutto.

Finora, quando eravamo puramente fenici, quando si parlava di fusione, quanto ti venderò e quanto mi venderai; E i Fenici, che erano grandi mercanti, non crearono alcuna civiltà.

Uno dei passi nel cammino verso l’obiettivo dell’integrazione è quello di avere lo stesso giorno dell’anno in cui tutte le scuole, in tutto il continente, possono dedicarsi alla materia. In portoghese, spagnolo o nelle tue lingue locali. Ognuno al suo posto e tutti insieme.

Progredire nell’integrazione significa mettere passione, speranza e conoscenza nelle nostre persone.

Due temi organizzativi che troviamo utili:

  1. Riteniamo che la comunicazione tra i superiori debba essere fluida e frequente in modo che possano parlare direttamente con i loro colleghi quando lo ritengono opportuno. Ogni superiore o membro della sua cerchia più stretta deve avere i mezzi per comunicare facilmente, informalmente e tempestivamente con i suoi pari.
  2. Dovrebbe esserci qualcuno nel gabinetto o vicino al presidente che abbia il compito di monitorare i progetti che coinvolgono due o più paesi della regione per valutare i progressi, fornire informazioni, risolvere ostacoli, ascoltare le persone e dare incoraggiamento. Questa persona svolge la funzione di “segretario all’integrazione” e deve essere attiva per motivare i funzionari statali competenti.
READ  Nel 2010, Osama bin Laden aveva predetto che Joe Biden avrebbe "portato l'America in crisi".

I nostri rappresentanti nei forum internazionali devono assumere posizioni e proposte concordate in anticipo per inviare un messaggio che siamo una regione che ha a cuore i propri interessi comuni. Si raccomanda ai nostri presidenti di includere riferimenti alla regione in ogni discorso, sia a livello nazionale che internazionale.

Cara Lolla,

L’insieme delle crisi globali che stiamo attraversando può portare al crollo delle condizioni di base per la vita su questo pianeta. Saranno necessari molti sforzi per affrontare il cambiamento climatico, la crisi del modello economico dominante, l’obsoleto sistema internazionale e le grandi forze della polarizzazione. Unire le forze è il minimo che possiamo fare per evitare di essere vittime passive e darci una possibilità per un futuro migliore.

Conosciamo la vostra leadership ei vostri sforzi che vanno ben oltre la regione e che incarnano il messaggio di pace.

A 88 anni, poter sognare un’America diversa dà più senso alla vita.

Con i migliori auguri a tutti i partecipanti al ritiro, mando un fraterno abbraccio a te, amico e compagno,

Bambino.