Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La grande industria spagnola, al vaglio prima di un possibile razionamento del gas

aggiornato

Il governo ritiene che il suo ruolo nella crisi energetica dovrebbe essere diverso e aumenta la sua solidarietà aumentando le riserve dell’UE

Ministro della Transizione Energetica, Teresa Ribera.EP

La Spagna tiene il polso dell’Unione Europea per quanto riguarda il ruolo che dovrebbe svolgere nel piano di emergenza per garantire l’approvvigionamento di gas per l’inverno. Il governo mostra il suo potere: lo garantisce Sarà di supporto, ma non come chiede Bruxelles, che richiede una riduzione dei consumi. Pertanto, si offre di mettere a disposizione del Continente impianti di rigassificazione e gasdotti, ma a condizione che non interferisca con il suo sistema di generazione. I porti sono sei – saranno sette, tecnicamente – e due “pipes” – altri due sono attesi, a medio termine, verso Francia e Italia – più di ogni altro Paese tra i 27.

Secondo fonti del ministero della Trasformazione ambientale, “la Spagna si propone come misura di solidarietà Lavora per fornire gas invece della domandaCioè, a fronte di riserve semipiene, l’esecutivo propone di non ridurre i consumi per evitare che diminuiscano ulteriormente, ma semplicemente di riempirli.

La posizione della Spagna è semplice ma anche ferma: il suo ruolo deve essere diverso. Hai già reso molto fermo Teresa Rivera Nella conferenza stampa in cui ha bocciato il piano, ha rilevato che il Paese “ha fatto il suo dovere” nella fase di trasformazione e diversificazione dell’offerta.

“A differenza di altri paesi, gli spagnoli Non vivevamo al di sopra delle nostre possibilità da un punto di vista vitale“, ha condannato il terzo vicepresidente e ministro per la transizione energetica. Ha anche affermato che “qualunque cosa accada” non ci saranno costi di elettricità o gas. Ma mentre colpisce una mano, estende l’altra all’Europa. La solidarietà è senza dubbio nei loro termini, sì.

L’Unione Europea, per MITECO, “vuole una riduzione combinata dei consumi lineari del 15% rispetto al consumo medio degli ultimi cinque anni in ciascun Paese”. Il problema è che questa riduzione non ha senso per la Spagna e avrà un effetto molto negativo sulla sua economia, come avvertiva in quel momento la grande industria nazionale. Tutti i risparmi energetici e le austerità proposti saranno realizzati solo per questo, il risparmio, a fronte di prezzi elevati.

Impianti di rigassificazione del gas verde 2022

Il problema principale osservato nel ramo esecutivo è che questa diminuzione del consumo di gas Non ha senso per la Spagna e non è giustoPerché, a differenza di altri paesi, tra cui la Germania, non è possibile ricorrere alla produzione di centrali a carbone per alimentare quelle a ciclo combinato. Né può, proprio, perché l’ha smantellata quasi tutta per raggiungere gli obiettivi climatici fissati da Bruxelles. Ancora una volta compare il compito a cui alludeva Ribera: Impegnarsi nel compito abbassa improvvisamente il voto.

Anche la controfferta del governo ha un riferimento temporale quinquennale: c’è la possibilità di trasmissione Molto più carburante attraverso i gasdotti che si collegano alla Francia di quanto non sia stato inviato negli ultimi cinque anni. La media è stata di 2 TWh al mese in questo periodo, quando i polmoni hanno raggiunto 6,7 TWh. Ogni anno ci saranno circa 7 miliardi di metri cubi (un miliardo di metri cubi) tra i due, il che equivale a un GNL tra 60 e 100 navi all’anno (a seconda, ovviamente, delle dimensioni dei loro serbatoi). Se viene pompato a una velocità maggiore, come nelle ultime settimane, l’Europa avrà più gas.

“L’Unione Europea vuole fornire 45 miliardi di metri cubi di gas tra agosto e marzo e la Spagna può contribuire con 5,6 miliardi di metri cubi in questo periodo di otto mesi”, spiega il ministero. Tornati in barca, se l’Europa ne avesse bisogno in questi mesi, 57 passerebbero attraverso i Pirenei, circa il 13%.

Sei porte e un “negozio”

Il calcolo sulle navi che viene solitamente effettuato dal settore è logico, poiché è l’unica alternativa praticabile fino alla costruzione dei gasdotti (e sarà anche rilevante in quel momento). Sono barche enormi, lunghe fino a 300 metri e larghe 40, quindi non entrano in nessun porto. I suoi serbatoi criogenici contengono tra 120.000 e 170.000 metri cubi di GNL, una quantità che potrebbe rifornire tutte le case di una città delle dimensioni di Santander per un anno. là Circa 600 in tutto il mondo – Naturgia ne ha 12; La produzione di Endesa, quattro, costa circa 200 milioni e può impiegare un mese per percorrere la rotta USA-Giappone.

In ogni caso, non solo un impianto lo farà, ma dovrà essere preparato per un complesso processo in cui il GNL passa allo stato liquido – in modo da essere trasportato meglio – e viene rigassificato in queste stazioni, che possono anche immagazzinare un grande quantità di carburante. Anche qui entrerai nei doveri del paese che In queste infrastrutture sono rimasti 3.500 milioni di euro Altri 300 sono dedicati ogni anno al suo funzionamento.

La Spagna ne ha sei (Mogardos, Bilbao, Barcellona, ​​Sagunto, Cartagena e Huelva) e saranno operative nei prossimi mesi. liquefatto, sebbene sia solo un “magazzino”, in quanto la fabbrica è stata chiusa per ordine del tribunale. Rappresenta il 35% della capacità di rigassificazione da gas a gas nell’UE e il 45% dello stoccaggio in questi impianti, che salirà al 50% quando l’impianto asturiano diventerà operativo. In questo modo, l’Europa sarebbe in grado di utilizzare questa infrastruttura per “fare rifornimento” senza dover intraprendere viaggi più lunghi o se avesse bisogno di inviare navi più piccole in modo che possano scaricare il carico più tardi nei loro paesi d’origine.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più

READ  Sette aziende calzaturiere della regione partecipano questa settimana all'Expo di Milano