Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Economia | Paese | pubblica amministrazione | governo | Anthony Loeb: Apple contro. intervento | Opinione

Con sorpresa, è stato annunciato che il valore di Apple ha superato i 3 trilioni di dollari (3 trilioni per noi), un importo che supera il PIL delle tre maggiori economie dell’America Latina: Brasile, Argentina e Messico. Cioè, un’azienda è uguale a più di tre grandi paesi che si classificano al quinto e all’ottavo posto per portata regionale. e 13er. Il luogo ha rispettivamente una popolazione di oltre 380 milioni.

La sede di Apple copre 0,26 chilometri quadrati contro gli oltre 13.000.000 di chilometri quadrati in quei paesi e impiega circa 147.000 lavoratori direttamente e indirettamente oltre 8 milioni di persone negli Stati Uniti, in Cina e in Europa.

Quei numeri frenetici per un’azienda under 50 la metterebbero al quinto posto, se fosse un paese. L’economia mondiale, superando Inghilterra, Francia, Italia o Russia e circa 15 volte più del magro PIL del Perù con tutta la sua “grande” ricchezza non sfruttata.

Come può un’azienda privata aver raggiunto un livello così strano? Gli analisti hanno la risposta migliore, ma sono convinto che questo non sarebbe stato possibile se Apple fosse stata fondata in un paese come Perù, Messico, Argentina o Brasile, dove i governi fanno tutto il possibile per mandare all’aria le startup, ottenere poca crescita e , se invecchiano, puniscili.

Gli Stati Uniti premiano il successo e forniscono le basi per consentire ad aziende come Apple, Amazon, McDonald’s o Microsoft di diventare giganti in pochi anni. Questa base è semplice: 1) il libero mercato, 2) la stabilità politica e giuridica, 3) il mercato del lavoro flessibile (che tanto odiano i sinistri). In breve: la libertà di creare e fare. Lo capite, politici?

READ  Mercato Trinidad: economia circolare a un prezzo competitivo

Viva la libertà!

Questo video potrebbe interessarti

Cesar Carcamo, epidemiologo, ha parlato con Perú21TV della terza ondata di coronavirus e della nuova variante Omicron.