Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’economia globale reggerà meglio del previsto nel 2023, secondo il Fondo monetario internazionale

L’economia globale reggerà meglio del previsto nel 2023, secondo il Fondo monetario internazionale

il Quest’anno l’economia mondiale crescerà del 2,9%. Il Fondo monetario internazionale ha stimato lunedì che il rischio di recessione diminuirà in alcuni paesi a causa dei forti consumi e investimenti e della revoca della politica anti-coronavirus della Cina.

Con il mondo esposto alle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina, della recessione e degli sforzi per frenare l’inflazione attraverso l’aumento del costo del credito, Il Fondo monetario internazionale (FMI) prevede che l’economia globale si espanderà del 2,9% nel 2023, in aumento di 0,2 punti percentuali rispetto alle previsioni dello scorso ottobre.

Il fondo ha dichiarato in un aggiornamento del World Economic Bulletin pubblicato lunedì che “i rischi al ribasso sono diminuiti” rispetto alle previsioni di ottobre.

Potresti essere interessato:

L’anno “continuerà ad essere impegnativo Lo ha detto ai giornalisti il ​​capo economista del Fondo monetario internazionale, Pierre-Olivier Gournchas (…) ma potrebbe rappresentare una svolta.

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, il rallentamento è meno pronunciato del previsto in molte economie avanzate, come ad es Stati Uniti (crescita dell’1,4% nel 2023, in aumento di 0,4 punti percentuali rispetto alla stima di ottobre), Germania o Italia. Queste due economie europee potrebbero vedere una diminuzione della probabilità di una recessione.

“Siamo molto lontani da qualsiasi tipo di recessione globale”, afferma Gourinchas.

È una buona notizia che il Fondo attribuisca soprattutto alla riapertura della Cina dopo aver abbandonato la politica di eliminare la diffusione dell’epidemia. Il colosso asiatico crescerà del 5,2% rispetto alle attese di tre mesi fa del 4,4%, e trascinerà con sé l’economia mondiale.

Anche l’inflazione appare in calo rispetto al 2022. Il FMI prevede quest’anno un livello leggermente superiore a quello previsto tre mesi fa (+6,6% vs. +6,5%), ma nel 2024 dovrebbe tornare su livelli inferiori rispetto al 2021 (+ ( 4,3%) contro +4,7%).

READ  Il Messico ridurrà rapidamente le sue emissioni quando si riprenderà dall'epidemia

Stupefacente

Le tre locomotive globali – Stati Uniti, Cina ed Europa – tengono, anche se per motivi diversi, e si prevede che tutte le economie avanzate seguano l’esempio.

Ma c’è un’eccezione: Il Regno Unito, unico paese del G20, ha registrato una recessione dello 0,6%.

Al contrario, la Russia potrebbe uscire dalla recessione Nonostante le sanzioni imposte dall’invasione dell’Ucraina. La sua economia si espanderà leggermente nel 2023 (0,3%) e molto di più nel 2024 (2,1%).

Nonostante nel 2023 molte economie cresceranno meno che in altri anni, alcune hanno mostrato una resilienza sorprendente.

“La previsione di una crescita inferiore nel 2023 riflette l’aumento dei tassi della banca centrale per combattere l’inflazione, in particolare nelle economie avanzate, nonché (l’impatto della) guerra in Ucraina”, spiega il FMI.

Ma “la crescita economica si è dimostrata sorprendentemente resiliente nel terzo trimestre dello scorso anno, con forti mercati del lavoro, forti consumi interni e investimenti delle imprese”, afferma Gorinchas.

Ha aggiunto che i paesi si sono adattati meglio del previsto alla crisi energetica in Europa, con prezzi del gas inferiori alle attese e risorse sufficienti per l’inverno.

Nel resto del mondo la situazione varia a seconda della regione.

La crescita più significativa è prevista in Africa subsahariana (3,8%, pressoché invariata rispetto alla previsione precedente) o Medio Oriente e Asia centrale (3,2%, 0,4 punti percentuali in meno rispetto a ottobre).

America latina

America Latina e Caraibi cresceranno dell’1,8%, meno della crescita globalema di 0,1 punti percentuali in più rispetto alle attese di ottobre.

Le due locomotive economiche regionali, Brasile e Messico, cresceranno rispettivamente dell’1,2% (+0,2 punti percentuali) e dell’1,7% (+0,5 punti percentuali). È molto inferiore a quanto ci si aspetterebbe per altri paesi emergenti come l’India (6,1%).

READ  Elettricità in Spagna, una delle più costose in Europa in termini di livello di reddito

Entro il 2024, quando la crescita globale dovrebbe raggiungere il 3,1%, America Latina e Caraibi cresceranno del 2,1% (-0,3 punti percentuali rispetto a quanto previsto a ottobre), grazie a “maggiori restrizioni, prezzi più bassi per i prodotti primari di esportazione e revisioni al ribasso.” Per la crescita dei partner commerciali.

La previsione del FMI è più ottimista di quella pubblicata dalla Banca mondiale (BM) a metà gennaio, prima di annunciare la fine delle massicce restrizioni in Cina.

Nonostante questo tenue ottimismo, il FMI vede pericoli all’orizzonte: un’escalation della guerra in Ucraina potrebbe influenzare i prezzi di cibo ed energia, la crisi immobiliare potrebbe impedire una ripresa in Cina e l’epidemia di COVID-19 potrebbe continuare a complicarla.

Un aumento dell’inflazione è un altro rischio a cui punta il fondo: la battaglia contro questo flagello “non è ancora vinta”, ha avvertito Gorinchas.

L’inflazione primaria potrebbe aver toccato il fondo, ma lo è anche l’inflazione core (che non include sostanze volatili come cibo ed energia) rimane ben al di sopra dei livelli pre-pandemia nella maggior parte dei paesi.