Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Banca centrale europea mette in guardia dalle “conseguenze fiscali” di salari più alti nei paesi fortemente indebitati

La Banca centrale europea mette in guardia dalle “conseguenze fiscali” di salari più alti nei paesi fortemente indebitati

La BCE ritiene che debba essere prestata “particolare attenzione” alle “conseguenze fiscali” degli aumenti salariali pubblici, ea “conciliare adeguatamente” obiettivi di stabilità macroeconomica e sostenibilità fiscale, in particolare nei paesi con livelli di indebitamento elevati e elevati. Costi associati all’invecchiamento della popolazione.

Lo afferma la Fondazione Società nel suo quinto bollettino economico per l’anno 2023, redatto da Servimedia, in cui indica che guardando al futuro, anche se non si prevede che gli stipendi del settore pubblico provochino impatti significativi nella seconda fase, “ deve continuare a essere attentamente monitorato.”

A livello macro della zona euro, la crescita salariale del settore pubblico dovrebbe rimanere al di sotto della crescita del settore privato nel 2023-2024, ma la supererà leggermente nel 2025, secondo le previsioni della BCE. Naturalmente, specifica che anche le proiezioni nel 2025 sono soggette a maggiore incertezza.

Secondo le previsioni dell’agenzia, la massa salariale complessiva del settore pubblico nell’area dell’euro, che riflette anche l’evoluzione del numero dei dipendenti pubblici, aumenterà a un tasso leggermente superiore (14,3% in termini cumulati per il periodo 2023-2025. rispetto al 12,4% del salario pubblico medio), sebbene fosse appena al di sotto del tasso di crescita nominale del PIL.

Differenze per paesi

Inoltre, la BCE osserva che le aspettative salariali pubbliche riflettono una “significativa eterogeneità” tra i paesi, principalmente a causa delle variazioni dell’inflazione, ma anche come risultato di altri fattori, come le posizioni di bilancio. Pertanto, l’organismo rileva una crescita superiore alla media nel 2023 in molte delle economie più piccole con un’inflazione elevata, come gli Stati baltici, e nei paesi con sistemi automatici di indicizzazione dei prezzi, che si verificano solo in cinque paesi dell’UE.

READ  “Tecnologia e nuove forme di lavoro sono priorità” | aziende | Affare

Complessivamente, la BCE prevede una minore crescita delle retribuzioni pubbliche nell’ultimo anno dell’orizzonte di proiezione (2025), a causa di un rallentamento dell’inflazione e della graduale scomparsa dell’effetto dei premi variabili temporanei erogati in alcuni Paesi.

In alcuni casi, compresi quelli in cui il rinnovo degli accordi avviene con notevole ritardo, come l’Italia, il supervisore europeo prevede che le retribuzioni registreranno nel 2025 progressi significativi rispetto agli anni precedenti.

Allo stesso modo, questa organizzazione conferma che c’è un maggiore contenimento quando si aumentano i salari dei dipendenti in quei paesi dove c’è un maggiore indebitamento, così come nei paesi che hanno adottato maggiori misure per sostenere i cittadini nella crisi inflazionistica che si è aggravata con la guerra in Ucraina.

D’altra parte, la Banca Centrale Europea, che ha più volte avvertito del pericolo che un aumento eccessivo dei salari alimenterebbe il processo inflazionistico, indica che il settore pubblico rappresenta solo circa un quinto dei salari dei dipendenti dell’intero Paese . economia della zona euro. Tuttavia, sostiene che può fornire un “segnale rilevante” per le trattative salariali nel settore privato.

A suo avviso, la crescita dei salari pubblici può influenzare l’inflazione attraverso un canale diretto (domanda aggregata) e un canale indiretto (come indicatore di possibili variazioni dei salari del settore privato).