Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La Banca centrale europea alza i tassi di interesse per frenare l’inflazione

L’ultima volta la Banca Centrale Europea (Banca centrale europea) Il rialzo dei tassi, nel 2011, nel giro di pochi mesi ha dovuto invertire la tendenza quando l’Eurozona è precipitata in una terribile crisi del debito. Il panico del mercato che ne seguì non si placò finché Mario Draghi, allora presidente della Banca centrale europea, non lo dichiarò “Farò tutto il necessario” per salvare l’euro.

Il timore di un simile esito è nella mente di molti mentre l’attuale presidente, Christine Lagarde, ha già annunciato il primo aumento in 11 anni del tasso di riferimento della Banca centrale europea, di mezzo punto percentuale, il più grande dal 2000, con Al fine di contrastare l’elevata inflazioneAnche con l’alto rischio di recessione.

Le aspettative al ribasso si riflettono per la prima volta in 20 anni nel forte deprezzamento dell’euro rispetto al dollaro USA. però, La Banca centrale europea non ha altra scelta che iniziare ad aumentare i tassi di interesse Dopo che l’inflazione nel blocco europeo è salita a un record dell’8,6% finora quest’anno fino a giugno, più di quattro volte l’obiettivo del 2% della banca centrale.

“Il pericolo che non ti aspetti è che, A causa della crisi energetica, l’eurozona potrebbe finire in recessione“Allo stesso tempo, la BCE dovrà continuare ad aumentare i tassi di interesse se l’inflazione non scende”, ha affermato Maria Demirtzis, vicedirettore di Bruegel. “È una situazione quasi impossibile”.

dati…

8,6 per cento

L’inflazione dell’Eurozona è aumentata da gennaio a giugno

La Banca centrale europea ha alzato il tasso di rifinanziamento principale (il tasso al quale le banche possono ottenere credito per una settimana dalla Banca centrale europea) da zero allo 0,5 per cento. Da parte sua, il Tasso di linea di credito marginale (L’interesse che le banche pagano per il finanziamento overnight con la Banca centrale europea) è aumentato di 50 punti base dallo 0,25 allo 0,75 per cento.

READ  Il falso dilemma tra salute ed economia | Opinione

Troppo lento e in ritardo?

La Banca centrale europea deve affrontare sfide più complesse rispetto alla maggior parte delle principali banche centrali. L’eurozona sopporta il peso maggiore delle conseguenze dell’invasione russa dell’Ucraina. guerra Aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari Alimenta l’instabilità politica, mentre il rischio di una nuova crisi del debito nell’eurozona non è mai lontano a causa della natura irregolare della sua unione monetaria, in cui diversi paesi hanno budget e obbligazioni separati.

In queste circostanze instabili, Lagarde ha detto che il “tempo di consegna” era arrivato perché La banca centrale intende normalizzare la politica “gradualmente”.

Banca Centrale Europea Ha aumentato i tassi di interesse due volte rispetto a quanto dichiarato il mese scorso, ponendo fine a otto anni di tassi di interesse negativi portando il tasso di deposito a zero. La Banca centrale europea ha agito con maggiore cautela rispetto alla Federal Reserve (UE) statunitenseche ha già alzato tre volte i tassi di interesse negli Stati Uniti e dovrebbe aumentarli nuovamente questa settimana di almeno 75 punti base (bp), per allinearsi con una mossa simile a giugno.

“Il processo di unificazione L’approccio molto graduale e cauto che la BCE ha avviato alla fine dello scorso anno è stato semplicemente troppo lento… ha affermato Carsten Brzeski, capo della ricerca presso ING.

Fino ad ora, L’economia della zona euro è stata relativamente resiliente Con le vendite al dettaglio e la produzione industriale che restano al di sopra dei livelli dello scorso anno.

Ma gli economisti Prevediamo che l’aumento dei prezzi eroderà il potere d’acquisto delle famiglie europee Colpisce la produzione industriale poiché le aziende riducono la produzione. “È probabile che abbiano già iniziato a produrre meno in previsione di possibili interruzioni dell’approvvigionamento energetico”, afferma Spyros Andreopoulos, capo economista di BNP Paribas.

Gli economisti della Deutsche Bank stimano che il prezzo alle stelle di cibo ed energia importati Avrà un impatto negativo di 400 miliardi di euro sulla bilancia commerciale dalla zona euro quest’anno.

READ  La Malesia vieta il lavoro in quel paese

Ma ciò che mantiene la BCE più vigile è Paura che la Russia armerà le sue esportazioni di energia Approfittare della sua invasione dell’Ucraina, aggiungendosi al dolore economico dell’Europa.

vivere con i fantasmi

Finché l’inflazione continua a salire, La Banca centrale europea dovrebbe continuare ad aumentare i tassi di interesse Anche se l’economia inizia a declinare, gli oneri finanziari più elevati renderanno difficile per i governi spendere di più per proteggere i propri cittadini dall’aumento del costo della vita.

La rabbia dei cittadini per l’aumento dei prezzi dell’energia e dei generi alimentari è un fattore importante nella disintegrazione dell’alleanza Draghi in Italia. L’elevata inflazione ha anche eroso il sostegno al presidente francese Emanuele Macron E ha contribuito a perdere la maggioranza alle elezioni di giugno.

Gli oneri finanziari nei paesi dell’Europa meridionale come l’Italia stanno aumentando più rapidamente di alcuni dei loro omologhi settentrionali, ricordando le idee dei demoni La crisi che ha quasi distrutto l’eurozona dieci anni fa.

Potere

Questo è uno scomodo promemoria del fatto che la Banca centrale europea, a differenza della Federal Reserve, stabilisce la politica monetaria per 19 paesi diversi, ciascuno con il proprio budget e, soprattutto, il proprio mercato obbligazionario. Ciò rende la moneta unica vulnerabile alle variazioni degli oneri finanziari tra paesi che possono testare la sostenibilità dei livelli di debito nazionale.

Lagarde ha osservato che le discussioni all’interno del consiglio di amministrazione della banca si erano sviluppate attorno al compromesso tra la necessità di farlo Affrontare la pressione inflazionistica con aumenti dei prezzi più audaciIl nuovo schema di acquisto di obbligazioni è concepito per evitare che gli spread nell’eurozona si allarghino per ragioni non giustificate.

Questo strumento si chiama strumento di protezione della trasmissione “Non ha limiti”, ha detto Lagarde (TPI). Il suo obiettivo era garantire che l’orientamento di politica monetaria della banca centrale avrebbe avuto l’effetto desiderato in tutta la zona euro. Sebbene il sostegno al programma fosse unanime, c’era solo “consenso” sull’entità dell’aumento delle tasse.

READ  Draghi raduna i ministri dell'Ambiente e dell'Economia per la bolletta elettrica

turbolenze di mercato

Nelle capitali dell’UE crescono le preoccupazioni su come rispondere al meglio alla combinazione di prezzi più alti e crescita più bassa. Sebbene non sia prevista una recessione, La Commissione Europea ha abbassato le stime di crescita e aumentato le aspettative di inflazioneche ora dovrebbe salire a 7,6 per traccia nella zona euro quest’anno e rimanere il doppio dell’obiettivo della BCE di 2 per ciclo per il 2023.

dati…

50 punti

Il tasso di interesse sul credito primario è aumentato

Klaus Regling, direttore del fondo di salvataggio del meccanismo europeo di stabilità, ha avvertito che mentre l’economia e i consumatori sono sottoposti a “una pressione tremenda”, I mercati stanno affrontando una maggiore volatilità a causa di una combinazione di inflazione e tassi di interesse superiore, cosa che molti operatori non hanno sperimentato nelle loro carriere.

Ciò non significa che siamo di fronte a una nuova “crisi dell’euro”, insiste Regling, opinione ripresa da Paschal Donohue, capo dell’Eurogruppo, che ha più volte affermato che La forza istituzionale della zona euro è maggiore oggi di quanto non fosse dieci anni fa.

Tuttavia, il rischio di perdere la fiducia nel mercato grava pesantemente sui funzionari, con l’Italia al centro delle loro preoccupazioni. I ministri delle finanze dell’Eurozona hanno deciso di non aumentare la domanda prendendo a prestito il prossimo annoPer garantire che le pressioni inflazionistiche non siano infiammate. Tuttavia, mantenere una linea chiara e concordata è molto più facile a dirsi che a farsi.

Dopo la diffusione della pandemia, Lagarde ha affermato che non c’erano “limiti” all’adesione all’euro. Quella promessa potrebbe essere messa alla prova di nuovo.

srg