Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

L’Europa è di nuovo in crisi esistenziale, questa volta a causa dell’energia, dell’inflazione e di Putin

Londra: la scorsa settimana, Lo scienziato Riesce a sentire la crisi bilaterale che mette alla prova la resilienza Unione Europea (UE).

Da una parte, Russia Sta cercando di rompere l’unità europea bloccando le spedizioni di gas naturale al blocco. Allo stesso tempo, l’aumento dell’inflazione ha posto fine all’era dei tassi di interesse negativi e ha spinto l’economia dell’eurozona a un punto di rottura.

Il presidente russo Vladimir Putin durante un incontro con il suo omologo turco Recep Tayyip Erdogan a Teheran, Iran, martedì 19 luglio 2022.

Le sanzioni contro la Russia hanno colpito il blocco regionale Molto più difficile di altri paesi occidentali. Secondo i funzionari dell’UE, la manipolazione delle forniture di gas da parte di Mosca mira a indebolire l’unità di blocco di ferro nel suo sostegno all’Ucraina e compensare i danni all’economia russa causati dalle sanzioni.

Quella battaglia raggiungerà il culmine in un paio di mesi, durante l’inverno settentrionale, e grandi settori dell’industria europea si trovano ad affrontare un quadro desolante Abbassare le tapparelle per mancanza di corrente e, nella peggiore delle ipotesi, alternare blackout nelle abitazioni per controllare i consumi.

La strategia russa sta inoltre alimentando un processo inflazionistico già esistente giovedì scorso Costretto la Banca centrale europea (BCE) ad aumentare i tassi di interesse di mezzo punto percentuale, anche se questo aumento difficilmente lo ha portato a zero. Temendo che la fine dell’era dei tassi negativi mettesse ulteriormente a dura prova le differenze tra economie forti e deboli all’interno del blocco, la Banca Centrale Europea ha inoltre introdotto un nuovo strumento volto a tutelare gli Stati membri più indebitati, soprattutto al sud, e prevenire il costo del denaro alle stelle.

Ma questo strumento non è progettato per proteggere i paesi dalla pressione sui tassi che causano instabilità politica interna. L’Italia è il secondo Paese più indebitato del blocco dopo la Grecia. Giovedì è stato lasciato senza un presidente del Consiglio dopo le dimissioni di Mario Draghi, che è considerato un garante di stabilità alla luce della burrascosa e faziosa politica italiana. Lo spread dei titoli italiani – ovvero la differenza tra il rendimento dei titoli italiani e il rendimento dei titoli tedeschi, che rappresenta il benchmark, data la loro bassa rischiosità – si è allargato drasticamente negli ultimi giorni.

READ  Le famiglie spagnole guidano il calo del reddito disponibile nell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico

E tutto questo sembrava essere confermato venerdì, quando sono stati diffusi nuovi dati economici che lo indicano L’Europa è sull’orlo della deflazione.

Non è la prima volta che l’UE deve superare una serie di crisi consecutive. I problemi La Grecia con i suoi debiti nel 2010 Ha portato a un test di sopravvivenza dell’intera zona euro che ha richiesto anni per risolversi. E a metà dell’ultimo decennio, a Alluvione di immigrati dall’Africa e dal Medio Oriente Ha messo alla prova la solidarietà del blocco e ha chiesto ai governi di condividere l’onere in modo più equamente tra i paesi del nord e del sud.

nei giorni scorsi, L’epidemia ha anche minacciato di colpire duramente i paesi meno ricchi del continentefino a quando la Germania e altri paesi hanno deciso di seppellire la loro storica riluttanza a sostenere i loro vicini poveri e hanno istituito un fondo di 750.000 milioni di euro per aiutarli.

Ma a differenza delle crisi passate, Ora l’Unione Europea ha dei vantaggi. Prima di tutto, può immediatamente vedere che un file crisi energetica Era una cosa seria, qualcosa che non è successo quando la Grecia è fallita nel 2010.

Un lavoratore russo parla al cellulare nella baia di Portovaya, a circa 170 chilometri (106 miglia) a nord-ovest di San Pietroburgo, Russia, venerdì 9 aprile 2010, durante una cerimonia di inaugurazione del gasdotto Nord Stream.
Un lavoratore russo parla al cellulare nella baia di Portovaya, a circa 170 chilometri (106 miglia) a nord-ovest di San Pietroburgo, Russia, venerdì 9 aprile 2010, durante una cerimonia di inaugurazione del gasdotto Nord Stream.

Che si tratti di tagliare parzialmente o completamente il gas russo, l’Europa deve essere preparata‘”, ha detto mercoledì Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, presentando una serie di misure.

La proposta comprende a 15% di riduzione facoltativa del consumo di gas naturale, che può diventare obbligatorio se l’avviamento non è sufficiente. I ministri dell’Energia del blocco si incontreranno martedì per discutere la proposta. Il piano richiede l’approvazione di almeno 15 dei 27 Stati membri, o almeno il 65% della popolazione dell’UE.

La frammentazione è il nostro peggior nemicodisse von der Leyen. In tal caso, i governi potrebbero bloccare i trasferimenti di energia ad altri paesi, creando un impatto economico altamente sbilanciato e approvando la chiara strategia di Putin di mettere i governi europei l’uno contro l’altro e minando il sostegno all’Ucraina e le sanzioni.

READ  Il governatore Pedro Pierluisi sta per fare un viaggio in Italia | Governo

Ma di fronte a questa minaccia c’è un forte e diffuso sostegno Ucraina esistente in Europa, nonché la convinzione che questa crisi sia opera assoluta del Cremlino, convinzione che potrà essere riconfermata se la Russia interromperà del tutto il gas.

Tutto indica che il consenso resta straordinariamente alto: la gente sa che l’Ucraina va contrastata e sostenuta, e che con Putin non si possono fare facili concessioni.“, afferma David O’Sullivan, direttore generale dell’Institute of International and European Affairs di Dublino ed ex ambasciatore dell’UE negli Stati Uniti. L’unica eccezione sembra essere l’Ungheria, afferma O’Sullivan, il cui ministro degli esteri era a Mosca giovedì per acquistare più gas naturale.

Un altro fattore che gioca a favore dell’UE è il tempo. Putin “è ben consapevole che il suo lobbista è miope. Se Putin interrompe improvvisamente le sue esportazioni in Europa, la Russia perderà influenzaE se rimane passivo e consente a tedeschi ed europei di diversificare il loro mix energetico, anche l’influenza della Russia è svanita”, afferma Ian Bremmer, presidente dell’Eurasia Consulting Group.

La Germania è il paese più vulnerabile alla crisi energetica, come risultato diretto delle sue politiche pubbliche negli ultimi vent’anni. Fino a quando non ha invertito la sua politica all’inizio di quest’anno, la Germania ha cercato di corteggiare Putin aumentando la sua dipendenza energetica da Mosca e chiudendo altre fonti di energia, comprese le centrali nucleari.

Il punteggio finale per gli europei dipenderà da La quantità di gas naturale che la Germania decide di tenere per sé, in quanto importante centro di trasbordo e stoccaggio del gas. Gli economisti della Deutsche Bank affermano che la riesportazione di gas dalla Germania è un fattore critico, e se il Paese esaurisce il gas, a seconda di quanto la Russia invia, “deve essere trovato un equilibrio”. Il governo di Berlino potrebbe trovarsi in una posizione difficile per decidere se rifornire le proprie industrie o inviare gas ai vicini bisognosi.

governi dell’Europa meridionale, come Spagna, Grecia e Portogalloche sono stati ripetutamente rimproverati dalla Germania durante la crisi dell’eurozona per i loro presunti sprechi, ora lo condannano Vogliono far pagare loro le decisioni di politica energetica della GermaniaHanno già chiarito che resisteranno ai tagli volontari dei consumi. La Polonia, infatti, ha già avvertito di opporsi al piano della Commissione europea.

Impianto del gasdotto Nord Stream a Lubmen, Germania
Impianto del gasdotto Nord Stream a Lubmen, Germania John McDougall – AFP

Il contesto è cambiato e la Germania è oggi uno dei paesi più a rischio. “Non sono sorpreso che ci sia stato un po’ di sollievo in coloro che hanno tenuto conferenze da Berlino durante la crisi finanziaria”, dice O’Sullivan, ma chiarisce che questo probabilmente non è in conflitto con una soluzione comune dell’UE.

READ  Bruxelles approva 354,8 milioni del Fondo di coesione REACT-UE per la Spagna

C’è un altro fattore a favore di una soluzione comune alla crisi energetica europea L’importanza della Germania per le altre economie del blocco. Se l’industria tedesca crolla per mancanza di gas, l’effetto domino si farà sentire in tutto il blocco e oltre.

Il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Frans Timmermans, ha dichiarato mercoledì che la carenza di gas ne risentirebbe “Per tutti gli Stati membri, poiché hanno terribili conseguenze per l’economia, da cui nessuno può scappare”.

In effetti, i leader occidentali si stanno già preparando alla possibilità che il gas naturale russo fluisca attraverso l’importante gasdotto Corrente del Nord Non tornare mai ai livelli precedenti.

La Commissione europea afferma nella sua proposta che se non vengono prese in anticipo misure per risparmiare energia, Un’interruzione completa del gas russo durante l’inverno medio potrebbe ridurre il PIL del paese tra lo 0,6% e l’1%.. La commissione ha stimato che in un inverno freddo, la riduzione del gas non pronto potrebbe ridurre il PIL tra lo 0,9% e l’1,5%.

Dall’altro lato, La strategia della BCE per evitare la frammentazione del blocco potrebbe causare polemiche, poiché consente alle sue autorità di acquistare titoli di stato dell’eurozona con ampia discrezionalità, qualcosa di pericolosamente vicino alla pratica illecita di fornire finanziamenti diretti ai governi. È probabile che alcuni paesi del blocco mettano in dubbio la legalità della mossa, in particolare la Germania.

Secondo gli analisti, gli investitori aspetteranno sicuramente di vedere l’implementazione del nuovo strumento da parte della banca. La prima risposta potrebbe venire dall’Italia, attualmente impantanata in un pantano politico dopo il crollo della coalizione di governo, il tipo di situazione che la Banca Centrale Europea non dovrebbe cercare di risolvere acquistando i suoi titoli di debito sovrano.

Scritto da Stephen Fedler Follow e Kim McCrell Follow

Tradotto da Jaime Arambaid