Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Invecchiamento ed esercizio per combattere il deterioramento dell’invecchiamento

In una sezione incompiuta del suo seminterrato, Richard Soler, 90 anni, ha corso su una pista improvvisata attorno a scatole piene di medaglie che ha vinto come corridore di breve e lunga distanza.

Non trattiene il respiro, dice: “Posso fare molte miglia qui”.

Nelle vicinanze c’è una costosa sedia in pelle che ha comprato quando è andato in pensione dopo aver lavorato per anni alla Procter & Gamble, pronto per una tranquilla vecchiaia. Sentendosi orgoglioso, dice di non averlo mai usato. A 95 anni è troppo impegnato ad allenarsi per gare come i National Seniors Games.

Soller, che vive vicino a Cincinnati, ha realizzato il sogno di tutti da tempo immemorabile: rimanere in salute e attivi fino alla vecchiaia. È un traguardo che molti non hanno raggiunto, al punto che l’invecchiamento è legato alla fragilità e alla malattia. Tuttavia, gli scienziati stanno cercando di cambiarlo, affrontando una delle più grandi sfide che gli esseri umani devono affrontare dall'”invecchiamento cellulare”, un campo poco noto ma sempre più importante nello studio dell’invecchiamento.

Ruota attorno al concetto che arriva un momento in cui le cellule smettono di dividersi e entrano in uno stato di “invecchiamento”. Sebbene il corpo ne elimini la maggior parte, altri rimangono come zombi. Non muoiono, ma possono danneggiare le cellule vicine, proprio come quando ci sono diversi frutti in una ciotola e uno in decomposizione distrugge l’altro, secondo Nathan LeBrasseur della Mayo Clinic.

Le “cellule zombi” si accumulano nei corpi degli anziani e vi sono prove crescenti che siano collegate a problemi come la demenza, i disturbi cardiovascolari e l’osteoporosi.

Gli scienziati si chiedono se ci siano modi per prevenire l’accumulo di cellule zombi.

READ  Argomento in sospeso del tirocinante: trasmissione di virus nella BPCO

LeBrasseur afferma che “la capacità di comprendere l’invecchiamento – e la capacità di intervenire nella biologia dell’invecchiamento – è forse la migliore possibilità che abbiamo mai avuto per trasformare la salute umana”.

Si prevede che il numero di persone di età superiore ai 65 anni nel mondo raddoppierà entro il 2050, quindi l’invecchiamento cellulare è “sempre di moda”, secondo Viviana Pérez Montes del National Institute of Health.

Centinaia di aziende e team accademici stanno studiando farmaci per attaccare le cellule senescenti. Ci sono prove che le persone stesse possono aiutare in questo sforzo ricorrendo alla strategia di Soler: esercizio.

Sebbene nessuno stia dicendo che l’invecchiamento garantisce una lunga vita, il ricercatore della Tufts University Christopher Wylie è fiducioso che molte meno persone soffriranno di malattie legate all’invecchiamento in futuro.

“Non sto cercando la fonte della giovinezza”, ha detto Willy. “Sto cercando una fonte che mi impedisca di ammalarmi quando invecchierò”.

cellule killer

Leonard Hayflick, lo scienziato che ha scoperto l’invecchiamento cellulare nel 1960, è ancora vitale all’età di 94 anni. Insegna anatomia all’Università della California, a San Francisco, e continua a scrivere, presentare e parlare sull’argomento.

Ha scoperto per caso l’invecchiamento mentre coltivava cellule embrionali umane per il Cancer Biology Project quando ha notato che le cellule hanno smesso di dividersi dopo circa 50 divisioni. Sorprendentemente, le altre cellule hanno smesso di dividersi contemporaneamente. Questo fenomeno è stato successivamente chiamato “Hayflick Limit”.

Questa scoperta contraddice un “dogma di 60 anni” secondo cui le normali cellule umane possono riprodursi indefinitamente, ha detto Hayflick. Un articolo che ha scritto con il suo collega Paul Moorhead è stato respinto da un’importante rivista scientifica e Hayflick è stato ridicolizzato per un decennio dopo aver pubblicato Experimental Cell Research nel 1961.

READ  A 30 anni dall'Operazione Money Bullet, cosa è cambiato nella lotta alla corruzione in Italia

“Era come al solito con grandi scoperte scientifiche. All’inizio lo scopritore viene ridicolizzato, finché qualcuno dice: ‘Questo potrebbe funzionare’ e finisce per essere accettato”, ha detto Hayflick.

Accumulo di zombi

Gli scienziati ora affermano che l’invecchiamento può essere benefico. La sua evoluzione potrebbe essere dovuta, almeno in parte, agli sforzi per combattere la crescita delle cellule tumorali limitando la loro capacità di dividersi. È qualcosa che accade spesso durante la nostra vita. Le cellule senescenti influenzano la guarigione delle ferite, lo sviluppo fetale e il parto. I problemi sorgono quando si accumulano.

“Quando sei giovane, il tuo sistema immunitario lo riconosce e lo elimina”, ha detto Perez. “Ma quando inizi a invecchiare, l’attività del nostro sistema immunitario diminuisce e perdiamo la capacità di eliminarla”.

Ci sono farmaci sperimentali che si pensa uccidano selettivamente le cellule senescenti, chiamate prostatine. Mayo Clinic detiene brevetti su diversi brevetti. Esperimenti sui topi hanno indicato che può ritardare, prevenire o mitigare vari disturbi legati all’età.

I potenziali benefici stanno appena iniziando ad apparire. Attualmente sono in corso almeno una dozzina di studi clinici su farmaci antietà per vedere se possono aiutare a rallentare la progressione del morbo di Alzheimer o migliorare la salute dello scheletro.

Alcune aziende offrono già integratori alimentari che chiamano senolitici. Ma gli scienziati affermano che non è stato dimostrato che funzionino o siano al sicuro.

“Strumento molto promettente”

LeBrasseur, che dirige il Center on Aging presso la Mayo Clinic, afferma che l’esercizio è “lo strumento più promettente che abbiamo” per promuovere un buon invecchiamento.

La ricerca indica che combatte l’accumulo di cellule che invecchiano.

READ  Nike ha aumentato il dividendo del 9% nei primi nove mesi della sua pratica, a 4,173 milioni

Soler dice che l’esercizio gli permette di funzionare pienamente in età avanzata.

Raccomanda di “esercitare il più possibile”. “Questo dovrebbe essere l’obiettivo di tutti per rimanere in salute”.

___

Il Dipartimento della Salute e della Scienza dell’Associated Press riceve il sostegno della Divisione di Educazione Scientifica dell’Howard Hughes Medical Institute. AP è l’unico responsabile del contenuto.