Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Incertezza e paura crescono a Kabul a due giorni dall’uscita degli Stati Uniti – El Financiero

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha avvertito di un nuovo attacco all’aeroporto di Kabul domenica o lunedì, due giorni dopo aver ritirato completamente le sue truppe dall’Afghanistan e averle lasciate nelle mani dei talebani.

“La situazione nel sito rimane estremamente grave e la minaccia di un attacco terroristico all’aeroporto rimane alta”, ha scritto Biden in una nota sabato sera. “I nostri comandanti mi hanno detto che è molto probabile che si verifichi un attacco entro le prossime 24-36 ore”.

Poche ore dopo, l’ambasciata Usa a Kabul ha invitato i suoi cittadini a stare lontani dall’aeroporto “a causa di una minaccia specifica e credibile”.

Tutto questo a due giorni dall’attentato suicida all’aeroporto che, secondo i funzionari sanitari dell’ex governo afghano, ha ucciso almeno 90 civili, cifra che i media locali stimano in 170.

Inoltre, 13 soldati statunitensi hanno perso la vita nel peggior attacco delle loro forze armate in Afghanistan dal 2011.

In risposta, Washington, con droni, ha attaccato obiettivi nel nord dell’Afghanistan appartenenti allo Stato Islamico nel Khorasan (IS-K), il ramo di questo gruppo jihadista nella regione che ha rivendicato la responsabilità dell’attentato suicida.

Il Pentagono ha annunciato sabato che “due obiettivi chiave, gli organizzatori e gli operatori dello Stato islamico”, sono stati uccisi e un altro ferito.

Biden ha avvertito che “questo attacco non sarà l’ultimo”. “Continueremo a perseguire tutti coloro che sono coinvolti in questo atroce attacco e glielo faremo pagare”, ha aggiunto.

Solo autobus autorizzati

A due giorni dal 31 agosto, termine ultimo per il ritiro degli Stati Uniti dopo 20 anni di guerra, all’aeroporto di Hamid Karzai iniziano a concludersi gli sgomberi degli afgani che temono il nuovo regime talebano.

READ  Il Regno Unito include le Isole Baleari nella sua "Lista verde" delle destinazioni più sicure, ma non il resto della Spagna | Economia

Combattenti islamisti pesantemente armati sono stati schierati sul terreno e sugli edifici annessi all’aeroporto sotto l’occhio vigile dei marines statunitensi di stanza sul tetto dell’edificio, secondo i corrispondenti dell’AFP.

I talebani hanno bloccato le strade per l’aeroporto e hanno permesso il passaggio solo di autobus autorizzati. I giornalisti dell’AFP hanno visto decine di autobus scaricare al cancello principale dell’aeroporto.

All’indomani dell’attacco, i talebani e gli americani hanno rafforzato la loro cooperazione. “Abbiamo elenchi di americani… se il tuo nome è nell’elenco, puoi vederlo”, ha detto un funzionario talebano all’AFP.

All’aeroporto, l’ultima enclave detenuta dalle forze straniere in Afghanistan, non c’è più traccia delle immagini caotiche di migliaia di disperati che cercano di lasciare il Paese.

In tutto, circa 112.000 persone sono state evacuate dal 14 agosto, alla vigilia del ritorno al potere dei talebani, secondo gli ultimi dati del governo degli Stati Uniti.

Funzionari turchi stanno negoziando con i talebani per cooperare nella gestione dell’aeroporto. Il presidente Recep Tayyip Erdogan ha annunciato che il regime afghano supervisionerà la sicurezza e ha suggerito che Ankara si occupi della logistica.

“area sicura”

Ha criticato Biden in patria e all’estero per il ritiro della sua amministrazione dall’Afghanistan e ha promesso di onorare la fine del ponte aereo. La NATO e l’Unione Europea hanno chiesto che fosse prorogato di qualche giorno in più per rimuovere tutti gli afghani ammissibili alla protezione occidentale.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha affermato che la Francia e il Regno Unito difenderanno lunedì davanti al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite la creazione di una “zona sicura” a Kabul per continuare le operazioni umanitarie oltre il 31 agosto.

“Questo fornirà un quadro affinché le Nazioni Unite agiscano con urgenza e, soprattutto, consentirà a tutti di assumersi le proprie responsabilità e alla comunità internazionale di mantenere la pressione sui talebani”, ha detto Macron al quotidiano Le Journal du Dimanche.

READ  Due modelli per combattere la disoccupazione e la precarietà del lavoro

Il presidente francese ha confermato, sabato, che sono iniziati i colloqui con i talebani per “proteggere” e trasferire in Francia “afghani e afgani” che sono a rischio, e che hanno ottenuto l’aiuto del Qatar.

Diversi paesi, tra cui Francia, Italia, Spagna, Germania, Canada e Australia, hanno già completato le proprie evacuazioni, riconoscendo in molti casi di aver lasciato in pericolo i civili afgani.

L’operazione, che ha permesso l’evacuazione di 15.000 persone, “è andata come ha potuto”, ma è stata “straziante” per non “essere riuscito a far uscire tutti”, come ha riconosciuto il comandante delle forze armate britanniche, il generale Nick Carter .

Con il loro ritorno al potere, i talebani cercano di presentare un’immagine più aperta e moderata. Ma molti afgani temono una ripetizione del regime brutale e fondamentalista che hanno imposto tra il 1996 e il 2001, quando furono cacciati da una coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti.

Il ponte aereo per mettere a rischio stranieri e civili dall’Afghanistan sotto il nuovo regime talebano è entrato nella sua fase finale domenica, appena tre giorni dopo aver completato il ritiro degli Stati Uniti da quel paese.

La stragrande maggioranza dei paesi ha terminato le proprie operazioni all’aeroporto internazionale di Hamid Karzai e molti hanno ammesso di non essere stati in grado di mettere in sicurezza tutte le persone previste.

Dal 14 agosto, alla vigilia della caduta di Kabul in mano ai talebani, sono stati evacuati circa 112.000 stranieri e afgani.

Gli inglesi lasciano l’Afghanistan

“L’ultimo volo che trasportava membri delle forze armate britanniche ha lasciato Kabul”, ha detto sabato il ministro della Difesa britannico su Twitter, concludendo un’operazione che ha consentito l’evacuazione di 15.000 persone.

E lo avevano annunciato ore prima della partenza dell’ultimo volo di evacuazione civile. Secondo il ministro Ben Wallace, tra gli 800 ei 1.100 afgani idonei a trasferirsi nel Regno Unito sono stati lasciati a terra.

READ  Un vortice di gas in aumento minaccia di mantenere l'elettricità costosa | Economia

Il comandante delle forze armate britanniche, il generale Nick Carter, ha ammesso che l’operazione “è andata perfettamente”, ma che è stata “straziante” per non essere riuscito a “far fuori tutti”.

Anche la Francia e molti altri paesi

La Francia ha annunciato, venerdì sera, la fine del suo ponte aereo, dopo aver salvato quasi 3.000 persone dal 17 agosto.

Il governo ha spiegato che le evacuazioni non possono continuare “a causa della mancanza di condizioni di sicurezza all’aeroporto di Kabul” a causa del “rapido ritiro delle forze Usa”.

Nei giorni precedenti molti paesi occidentali hanno terminato i loro rimpatri ed evacuazioni (Germania, Canada, Australia, Spagna, Italia, Olanda…).

La Germania ha rimosso 5.300 persone, l’Italia 4.900, l’Australia 4100, il Canada ha superato 3.700, la Spagna più di 2.200…

E adesso?

La Francia ha proposto di avviare operazioni umanitarie con altri paesi alleati per salvare coloro che sono rimasti indietro su questo ponte aereo.

Il presidente Emmanuel Macron ha confermato sabato che ci sono state “discussioni” con i talebani “per proteggere e rimpatriare afgani e afgani a rischio”.

L’Italia si è detta “pronta, insieme alle Nazioni Unite e ai Paesi confinanti con l’Afghanistan, a lavorare per garantire che le persone che hanno collaborato con noi negli ultimi 20 anni possano essere lasciate indietro”.

Il primo ministro britannico Boris Johnson ha confermato che sposterà “cielo e terra” per continuare le evacuazioni dopo il 31 agosto.

Migliaia sono ancora in aeroporto

Secondo le ultime informazioni americane al riguardo, circa 5.400 persone sono ancora in aeroporto, sabato mattina, in attesa di prendere l’aereo.

Un giornalista dell’Afp, invece, ha scoperto che non c’era più traccia della folla radunata intorno all’aeroporto nella speranza di poter raggiungere la stazione.

Giovedì sera, un attentato suicida rivendicato dal ramo regionale del gruppo dello Stato Islamico ha ucciso decine di civili e 13 soldati statunitensi. Due fonti sanitarie dell’ex governo stimano almeno 90 il numero delle vittime civili, ma i media locali portano il conteggio a 170.